Film vs Libri

Chi ama la lettura è spesso deluso dalle versioni cinematografiche dei propri libri preferiti. Ci sono stati alcuni grandi film realizzati dai libri, ma in genere, le versioni cinematografiche dei libri tendono ad affliggere i lettori perché non sono “proprio come il libro”. Quando un regista lavora fuori da un’adeguata sceneggiatura, i risultati non sono semplicemente la stessa cosa di come leggere il libro.
Non tutte le versioni cinematografiche sono migliori dei libri. La maggior parte concordano sul fatto che un film come Il Padrino è meglio del libro. Poche persone rileggono il romanzo di Mario Puzo con entusiasmo, ma molti di essi rivedono questo film ancora e ancora. Per i fan de Il PadrinoFrancis Ford Coppola ha migliorato significativamente il libro, tirando fuori materiale estraneo e pornografico scritto da Puzo, che non era particolarmente rilevante per la storia principale. Una minoranza può preferire il libro, ma la maggior parte amano di più il film.
Libri e film sono entità molto diverse. I film lasciano poco all’immaginazione degli spettatori. Quando si legge, si sta creando il proprio film in un certo senso, e decidere le parti più importanti: come i personaggi parlano, il loro aspetto, e ciò che li circonda. Questo processo di immaginare e interpretare come lettore è un processo creativo decisamente diverso dal guardare i film.

Quando registi scelgono i ruoli per il cinema non sempre lo fanno nel modo in cui vorrebbe il lettore. Set altamente elaborati possono essere meravigliosi, ma non possono essere un ritratto fedele dell’interpretazione del lettore che può ritrovarvi deluso dalle versioni cinematografiche che non arrivano fino alla sua immaginazione.
Un reclamo frequente sulle versioni cinematografiche riguarda la soppressione di materiale che il lettore trova importante. Se il regista deve fare un film più breve, non c’è modo di includere tutto, soprattutto quando si tratta di un libro lungo. Via col vento cancella in versione cinematografica il fatto che Scarlett O’Hara ha avuto due figli dai suoi primi due mariti, e davvero li detestava.
È un aspetto molto importante del libro, e caratterizza il suo personaggio in un essere molto più complesso. Il film ad alcuni è parso “meglio del libro”, ma per altri è solo un buon film, ma non una rappresentazione fedele del libro.
Una delle cose che possono infastidire di più i lettori dei film non è solo l’eliminazione del materiale contenuto nel libro ma l’aggiunta di nuovo materiale non creato dallo scrittore. C’è una lunga lista di lamentele riguardanti Il signore degli Anelli di Peter Jackson, per esempio. Mentre il materiale importante, come la battaglia nella Contea alla fine dell’ultimo libro viene eliminato, altro materiale che non era di Tolkien s’è invece aggiunto. Tali modifiche includono:
In generale, i film sono ancora considerati buoni. Jackson ha dedicato quasi 12 ore di film a raccontare la storia. Il problema con l’interpretazione di Jackson è che non è tuo, o il nostro. Alla fine, nessun regista è in grado di soddisfare tutti i lettori. Ciò che può funzionare nel testo non sempre funziona in forma di film.

Dunque, a volte, si creano delle pellicole ancora più belle che sulla carta. Questo è solo un piccolo esempio:

– Il silenzio degli innocenti (tratto dal libro The Silence of the Lambs di Thomas Harris)
– Psycho (tratto dal libro omonimo di Robert Bloch)
– Lo squalo (tratto dal libro omonimo – Jaws – di Peter Benchley)
– Rosemary’s Baby (tratto dal romanzo omonimo di Ira Levin)
– I diabolici (tratto dal romanzo Celle qui n’était plus di Pierre Boileau e Thomas Narcejac)
– Il padrino (tratto dal libro omonimo di Mario Puzo)
– Shining (tratto dal romanzo omonimo di Stephen King)
– Il laureato (da The Graduate di Charles Webb)
– Dott. Stranamore (da Check-Up With Dr. Strangelove di Terry Southern)
– Qualcuno volò sul nido del cuculo (da One Flew Over the Cuckoo’s Nest di Ken Kesey)
– M.A.S.H. (da MASH: A Novel About Three Army Doctors di Richard Hooker)
– Il socio (da The firm di John Grisham)

– La storia fantastica (dal libro La principessa sposa di William Goldman)

Annunci
Film vs Libri

Un pensiero su “Film vs Libri

  1. Io trovo il libro di Ira Levin geniale, e la trasposizione cinematografica per quanto ben fatta è una perfetta copiatura. La sceneggiatura è identica al romanzo, i dialoghi gli stessi, sforzo zero, quindi Ira Levin a mio avviso vince sul film! Tra l’altro è un autore bravissimo, ogni suo libro è una scoperta!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...