Narrativa russa contemporanea

i_love_russian_literature_tshirt-p235188950929818587z7tqq_400

La letteratura russa è un grande esempio della vivacità, intelligenza, e intuizione della sua gente. Come ogni altra attività culturale in questo paese eurasiatico, la letteratura russa si è evoluta nel corso dal XVIII al XX secolo. In effetti, nel corso del XVIII secolo la letteratura russa è nel suo periodo d’oro grazie alla magnifica rappresentazione letteraria di molti scrittori, come Fëdor Dostoevskij, Lev Nikolàevič Tolstòj e Aleksandr Sergeevič Puškin, per citarne alcuni.

Il XX secolo è stato considerato l’età d’argento nella letteratura russa, perché in questo periodo la poesia ha raggiunto il suo massimo splendore.

È stato un periodo molto creativo nella storia della letteratura russa. Inoltre, molti movimenti artistici e scuole poetiche apparsero sulla scena, come il Futurismo russo, l’acmeismo e l’anarchismo mistico. Purtroppo, l’età d’argento si concluse dopo la guerra civile russa.

La letteratura russa di oggi è caratterizzata da una moltitudine di generi, dai classici agli innovatori estremi, e tutti hanno riscontro a un vasto pubblico. I russi sono ancora i lettori fanatici. La rassegna che presentiamo qui è una scelta molto personale tra una vasta gamma di autori.

Uno degli autori più letti è Grigorij Čhkhartišvili (1956), filologo, critico, saggista e traduttore giapponese che scrive romanzi polizieschi sotto lo pseudonimo di Boris Akunin. Egli è l’autore di una serie di romanzi con protagonista Erast Petrovič Fandorin e una serie sulla suora detective Pelagija.

Lo scrittore Victor Pelevin (1962), con formazione di ingegnere elettromeccanico, è degno di nota per i suoi testi stratificati postmoderni che fondono elementi della cultura pop e filosofie esoteriche. La sua opera più famosa è forse il romanzo Generazione P (1999). La P di Pepsi, come dimostra la frase di apertura: “C’è stato in Russia una vera e spensierata, giovane generazione che guardava con un sorriso all’estate, al mare e al sole, e ha scelto la Pepsi”. Seguita da una satira esilarante di un poeta che finisce nel mondo della pubblicità e diventa molto ricco.

Come Pelevin, il postmoderno Vladimir Sorokin (1955) utilizza termini piuttosto crudi mentre descrive perversioni sessuali, depravazioni e la violenza spesso irrazionale e orribile. Il romanzo La Coda (1983) è una di queste opere di Sorokin. Il libro non ha storia, solo l’impatto letterale dei dialoghi di persone in attesa in una coda da qualche parte a Mosca negli anni ’80. Con il suo romanzo Lardo azzurro (1999), ha scioccato il pubblico con una scena in cui i cloni di Stalin e di Krusciov hanno rapporti sessuali tra loro. Allo stesso tempo ha mostrato il suo genio letterario, attraverso cloni di grandi scrittori russi come Tolstoj, Dostoevskij e Nabokov, scrivendo i suoi testi nello stile degli autori coinvolti.

Il drammaturgo, romanziere e ristoratore Dmitrij Lipskerov (1964) presenta personaggi che funzionano in un mondo dove la realtà russa è spesso fortemente trasformata in una miscela di realismo e fantasia. Dal momento che il suo romanzo L’ultimo sogno della ragione (2000), molti russi lo confrontano con Gabriel Garcia Marquez e Salman Rushdie. I lettori al di fuori della lingua russa non conoscono Lipskerov. Fino ad oggi abbiamo infatti trovato solo un suo libro tradotto (in francese).

Nella letteratura russa contemporanea un ruolo di primo piano è svolto da donne scrittrici. Uno delle migliori autrici russe è Galina Shcherbakova (1932). Stranamente, non una delle sue opere è stato mai tradotta, ed è del tutto sconosciuta al di fuori della Russia. Un altro autore top è Dina Rubina (1953). Da quando il suo romanzo d’esordio Ecco il Messia (1996) Alcuni dei suoi libri sono dei bestseller.

Lo stesso vale per Tatiana Ustinova (1968), che originariamente ha ottenuto una laurea in fisica. Ha esordito come scrittore nel 1999 con la sua storia criminale Un angelo personale. Da allora, ogni libro di Tatjana Ustinova è un bestseller. Oggi, lei è uno dei migliori autori di romanzi gialli. I suoi romanzi sono sempre dotate di una protagonista femminile che finisce inaspettatamente nel bel mezzo di un’attività criminale.

Altra autrice è Ljudmila Ulickaja (1943), che scrive storie di vita quotidiana, situate principalmente in Russia in ambienti artistici e accademici, e che viene spesso paragonata a Čechov. Con lei il romanzo Daniel Stein, traduttore è diventato un bestseller nella letteratura russa.

 

 

 

 

 

Tra i più giovani, Michail Elizarov (1973) con laurea in filosofia ha scritto il suo primo libro, Unghie, nel 2001, seguito da Pasternak e dal più famoso Il bibliotecario, miglior libro russo nel 2008, tradotto in tedesco, italiano, francese, ecc. Oggi il nuovo Cartoons, non ancora pubblicato in Italia, riprende il successo del precedente romanzo.

 

Annunci
Narrativa russa contemporanea

5 pensieri su “Narrativa russa contemporanea

  1. cristina ha detto:

    Ciao 🙂
    Ho visto che sei ferrato riguardo la narrativa russa contemporanea e vorrei chiederti un favore. Sto cercando alcuni romanzi di cui non ricordo né i titoli, tantomeno l’autore ma so che trattano in modo ironico di una famiglia comunista e delle sue tragicomiche avventure. Conosci per caso qualche autore russo che possa averli scritti?
    Cristina

    Mi piace

  2. Sonia ha detto:

    Ciao,
    Vista la tua conoscenza della letteratura russa volevo chiederti una mano per la ricerca di un libro russo mai tradotto in lingua italiana.

    Ti ringrazio in anticipo per l’aiuto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...