Sono uno stupido

Che cosa è la stupidità?

7E5A4C5D7B5D5D

Gli scienziati non parlano volentieri di stupidità. “La stupidità è un termine valutativo” scrive Alan Baddeley, “non uno scientifico”. Baddeley è uno psicologo presso l’Università di York che studia la memoria. L’idea è quella di guardare la scienza della stupidità, “La stupidità non è stata studiata perché non è né sensato né utile farlo” dice Baddeley. Così, invece, gli psicologi studiano l’intelligenza.

Sono solidale con l’avversione di Baddeley. I tentativi di individuare la stupidità da qualche parte specifica – siano esse persone, culture o altri gruppi – spesso sembrano lasciarci in un territorio problematico.

Basta una ricerca su Google per rendersi conto che i primi risultato portano ai premi Darwin, un ironico riconoscimento assegnato a qualsiasi persona che abbia aiutato a migliorare il pool genetico umano “rimuovendosi da esso in modo spettacolarmente stupido”. Un’idea divertente a prima vista, ma c’è qualcosa di terribile nel fatto che qualcuno abbia allegramente un compendio di queste tragedie tremende. Tuttavia, i premi Darwin non forniscono una grande opinione sulla natura della stupidità, ma solo la conferma della sua esistenza.

Questo è stato frustrante. Come può esserci qualcosa di così onnipresente e così sfuggente? La stupidità sembra che debba essere aggiunta alla lista che include la morte e le tasse. Perché non viene in mente a qualcuno di studiarla?

Il problema è l’ossessione del quoziente intellettivo o QI. C’è il caso di un uomo britannico con il nome X. Il suo caso è stato descritto nel Bollettino della British Psychological Society. X era sotto processo per frode finanziaria. Il problema era che aveva un QI di 80. Gli psicologi che hanno fornito testimonianze di esperti nel processo hanno testimoniato che il basso QI di X era la prova che egli non avrebbe potuto architettare uno schema così sofisticato. Al che l’accusa ha risposto facendo notare che X parlava quattro lingue, era noto per vincere profumatamente in un sofisticato gioco di carte in un locale di Londra, e aveva accumulato un notevole capitale. Il basso QI, in altre parole, non significa che non può essere intelligente.

Gustave_FlaubertE poi c’è l’opposto: l’inconsapevolezza delle sedicenti “persone intelligenti”. Abbastanza divertente, questo è un argomento che assolutamente ossessionato Gustave Flaubert: ha trascorso tutta la sua vita analizzando i pensieri automatici e i luoghi comuni dei benpensanti. L’ossessione di Flaubert è cominciata sul serio dopo aver scritto Madame Bovary a metà degli anni 1850. Alla fine, l’ossessione diventò così grande che si dedicò a un’ultima grande opera, un compendio di ogni variazione di idiozia umana. Il romanzo Bouvard et Pécuchet e la sua appendice,il Dictionnaire des idées reçues (Dizionario delle idee ricevute), dovevano essere una sorta di enciclopedia della stupidità. A tal fine i protagonisti in Bouvard et Pécuchet sono un duo sullo stile Stanlio e Ollio che si fanno strada attraverso tutte le sfere della vita e nella stupidità in tutte le sue forme. Ciò che unisce la loro stupidità è una pigra dipendenza dalla saggezza ricevuta.

La cosa interessante di Flaubert è che era su una scienza interessante. Circa 125 anni più tardi, l’economista Daniel Kahneman ha iniziato a riflettere seriamente sul motivo per cui gli esseri umani – che si presume essere creature razionali – non sempre utilizzano la piena potenza della loro capacità cognitiva. Sembra invece che la nostra materia grigia sia utilizzata a fase alterna.

I collegamenti che usiamo per ridurre al minimo il nostro esborso mentale può avere effetti sorprendentemente negativi. Possiamo trovare persone con alto quoziente intellettivo affrontare situazioni difficili, come debiti, gravidanze indesiderate o addirittura sfratti. Per la società, nel suo complesso, gli effetti di questa forma di stupidità può essere devastante.

La nostra reazione alla stupidità è un punto interessante. La stupidità si può uccidere, ma forse non nel modo di pensare.

“Vorrei vederti meno indignato per la stupidità degli altri”, disse George Sand a Flaubert in una delle tante lettere che si scambiavano, dopo che Flaubert le scrisse che il libro lo avrebbe ucciso.

Subito dopo quella lettera Flaubert ebbe un ictus fatale. La risposta più misurata di Sand a tutte le stupidità che ci circondano potrebbe essere la migliore lezione di Bouvard et Pécuchet. “Se la stupidità è davvero così inevitabile come la morte e le tasse, la cosa migliore può avere solo a che fare con esse”.

 

Annunci
Sono uno stupido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...