Rigore: una parola per mandare i cittadini in guerra

Rigore: una parola per mandare i cittadini in guerra.

Roy Ratcliffe

austerity-george-osborne-desktop

Una condizione di grande ‘guerra’ è stata scatenata dall’austerità globale dai sostenitori del modo di produzione capitalistico – contro il resto della società. Saranno considerate due possibili linee di resistenza e di difesa che potrebbero garantire la difesa e l’autosufficienza della gente comune sul piede di guerra.

1)      L’attacco è già in corso.

A livello mondiale, le truppe sono state preparate, le armi affilate, la sede strategica del capitalismo è stato preparato, i centri di controllo nazionali sono stati informati ed i marescialli sono in allerta. Nel 2013 le precedenti pesanti scaramucce condotte dagli agenti finanziari, economici e politici del capitale, saranno intensificati in una vera e propria guerra contro la classe operaia e i poveri.

Come al solito, saranno i banchieri gangster e gli obbligazionisti che ordineranno un aumento dell’intensità della guerra contro il resto della società. I loro colleghi della strategica sede decentrata del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale, della Centrale e delle banche nazionali, insieme con i loro mercenari pagati nei governi nazionali e gli Stati stanno progettando le tattiche e la strategia. I loro agenti sul campo nei governi locali e i tribunali sono in stand-by – pronti a brandire i letali armamenti – e fare la loro offerta.

I missili di questa elite di sfruttatori del pianeta saranno distribuiti con il già sperimentato successo degli ultimi anni. Si tratta di fallimenti, licenziamenti, aumento dei prezzi, aumenti fiscali, pignoramenti delle case, riduzioni di salari e stipendi, svalutazione monetaria, riduzioni del welfare, contrazioni delle risorse e la perdita delle libertà civili. Ogni arma è stato accuratamente modellata e progettata per eliminare una sezione specifica della società. In aggiunta a queste principali armi di distruzione civile, saranno utilizzati armi apparentemente più blande di propaganda ai media.

Le armi principali, già caricate e in attesa di essere sparate in sostenute raffiche, dovranno distruggere le famiglie e le innumerevoli vite individuali, in tutta Europa, il Regno Unito e in Nord America nel 2013. Lo faranno in modo da determinare la povertà, la malattia, i senza fissa dimora, il freddo, la malnutrizione, la criminalità, la tossicodipendenza e persino il suicidio. Per questo motivo, le armi di propaganda avranno un ruolo importante nella guerra dell’austerità. Come in tutte le guerre, la propaganda dei media sarà schierata per rendere deplorevole tutte la morti e la distruzione, benché inevitabili e ineluttabili.

L’attuale crisi economica e finanziaria ha intensificato la guerra economica e sociale tra capitale e lavoro. Nel 2013 è stat ulteriormente intensificata contro le classi lavoratrici e dei poveri nella maggior parte dei paesi. Le vittime si trovano ora, non solo tra i disoccupati di lunga durata, un gruppo che è in aumento in tutto il mondo dal 1970, ma anche tra coloro che un tempo si sentiva al sicuro. Anche le piccole e medie imprese saranno sacrificati alle esigenze del sistema e dei suoi banchieri e obbligazionisti.

Si tratta di una guerra in cui il nemico non è solo al di fuori dei limiti territoriali di ciascun paese, ma anche al suo interno. I capitalisti e i loro sostenitori procapitalisti sono ubicati in posizioni di potere politico, economico e finanziario in ciascun paese, dal Medio Oriente, all’Europa e al Nord e Sud America. Gli agenti locali di questo assalto austerità si giustificheranno dicendo (la stessa difesa assunta dai criminali nazisti al processo di Norimberga): “Siamo solo eseguendo degli ordini’’. Mostreranno tutte le caratteristiche della burocratica banalità pur di difendere i propri interessi per mantenere il ‘sistema’. Il capitalismo determinerà un aggravio dell’austerità in cui il campo di battaglia sarà combattuto in primo luogo, ma non esclusivamente, all’interno di Stati nazionali.

2) Una prima linea di difesa?

In tempi di guerra totale – in cui i civili innocenti saranno casualmente attaccati – è ragionevole per le società preparare linee di protezione civile. Purtroppo, poche persone hanno riconosciuto che questa è davvero una vera e propria guerra e così i preparativi di difesa non sono a buon punto. Molte persone semplicemente pensano che truppe miste di conservatori e liberali con troppo testosterone autoritario hanno conquistato il potere politico qua e là. Di conseguenza, hanno solo bisogno di fare dimostrazioni sufficientemente grandi, petizioni e frequenti scioperi di un giorno. La sanzione prevista in ultima analisi è quella di mandare via questi ‘ladri’ lasciando fuori dal Parlamento. Ma non è così semplice.

Eppure questa prospettiva e queste tattiche sono già state utilizzate e sono risultate inefficaci in Grecia e in Spagna. Senza dubbio, più di queste tattiche (e simili), si dovrebbe capire come mai la crisi è inarrestabile. Tuttavia, sta diventando evidente che le dimostrazioni di massa non spostano questi rappresentanti di un sistema globale di sfruttamento dalle ostilità. Così dove andremo?

L’entità oscena delle disuguaglianze globali, la diffusione internazionale delle ingiustizie, la portata planetaria di distruzione ecologica, causata dal modo di produzione capitalistico richiedono una emancipazione generale dell’umanità da questo sistema. Ma tale emancipazione può venire solo da una parte della società, che è abbastanza grande, abbastanza dinamica e generosa perché difenda non solo i propri bisogni ma quelli dell’umanità in generale.

3) Una seconda linea di difesa.

In mancanza di un tale sviluppo organizzativo, e in attesa della sua possibile (e contraddittoria) creazione, i lavoratori e gli oppressi dovrebbero ripiegare sulle proprie risorse. Infatti, come la gente comune della Grecia e della Spagna (e non solo) hanno già dimostrato, questi sono molteplici e alcuni sono ben consolidati. La necessità ha ripristinato l’atto umanitario. La difesa contro l’intensificazione della guerra all’austerità così come gli effeti sulle classi di lavoratori, disoccupati e poveri in tutti i paesi soggetti a bombardamenti cittadino guerra austerità, sarà necessario includere i seguenti:

a) gruppi di difesa delle comunità locali per evitare danni che portano a disordini.

b) azione comunitaria per prevenire gli sfratti di casa.

c) L’azione comunitaria per ricollegare i servizi essenziali.

d) la condivisione delle risorse comunitarie (trasporti, strumenti, prodotti alimentari, comunicazioni, ecc).

e) lo scambio comunitario. (Regimi di LETS, Cooperative di credito).

f) mantenere aperti i servizi essenziali. (Istruzione, salute, fuoco, biblioteche).

Tali livelli di autonomie locali derivanti dall’attività di persone che lavorano metterà le comunità sul piede di guerra difensiva di fronte gli attacchi del governo. La solidarietà umana può essere creata. È fuori di tale attività che altri settori della società possono essere ideati e riconosciuti – in pratica – un altro mondo è possibile.

Annunci
Rigore: una parola per mandare i cittadini in guerra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...