Differenze nel tradurre poesia e prosa

La poesia è più difficile da tradurre della prosa?

mo-yan

In un discorso organizzato dalla Normale di Pechino internazionale di centro di scrittura, il vincitore del Premio Nobel Mo Yan e il poeta di origine siriana (e perenne candidato Nobel) Adonis (insieme ad altri scrittori cinesi) hanno parlato su argomenti che vanno dalla identità culturale, lo spirito di introspezione e la missione dello scrittore.

Adone e Mo Yan, due autori che entrambi raggiungono un pubblico internazionale, concordano sul fatto che il principio “un fattore che facilita e ostacola i loro sforzi è quello della traduzione.”

Durante la discussione, Mo Yan ha parlato della sua ammirazione per Adonis che, poiché parla arabo e francese correntemente, è in grado di impegnarsi personalmente nel processo di traduzione.

Egli ha anche ammesso che, per gli autori cinesi, la crescente possibilità che il loro lavoro sia pubblicato all’estero ha portato a cambiamenti nel loro modo di scrivere. Inconsciamente, ha detto, gli scrittori usano dialetti meno regionali, espressioni culturali uniche solo per rendere più facile il processo di traduzione.

“Dal punto di vista della letteratura e dell’arte” ha detto, “è senza dubbio una perdita enorme. Il mio atteggiamento è dimenticare i traduttori quando si scrive. Attenzione a non sapere se si sentono felici di tradurre. I veri traduttori di talento non hanno paura delle difficoltà.”

Allo stesso tempo, però, ha aggiunto, “Non è giusto né di richiedere ai traduttori di essere completamente fedeli perché la ricerca di una controparte linguistica è una creazione stessa, piena di fantasia. Io tendo a essere di mentalità aperta con i traduttori. Penso che dovremmo permettere loro di tradurre il libro in modo appropriato, a condizione che non pregiudichi la sostanza nel suo complesso.”

Da parte sua Adonis ha concordato con Mo Yan, pur riconoscendo che ci sono probabilmente maggiori difficoltà insite nel tradurre poesia.

Ha detto al pubblico che la poesia non è la traduzione di un linguaggio strutturato, ma anche dei pensieri e delle emozioni. E così, “in termini di rapporto tra concetto, linguaggio, e oggetto, la traduzione della narrativa e della poesia non sono in condizioni di parità.”

“Quindi,” dice Adonis, “i traduttori devono rompere il rapporto originario tra linguaggio e oggetto e stabilire un rapporto simile e la struttura applicabili alla lingua madre del traduttore.”

Ma anche se è difficile, Adonis ritiene che solo attraverso la traduzione della letteratura e della poesia è possibile esplorare la mentalità degli “altri” a un livello più profondo, e che l’importanza della traduzione è che dovrebbe servire come “l’elemento più fondamentale della cultura mondiale in futuro. ”

Egli ha aggiunto che “L’importanza sta anche nel linguaggio che usa un traduttore, in particolare quello che usa mentre traduce poesie. Può arricchire la sua lingua madre. In una certa misura, può cambiare la struttura della sua lingua madre.”

Differenze nel tradurre poesia e prosa