Come essere un buon lettore

woman-reader_2256250b

Come essere un buon lettore

Molte persone godono della lettura come un modo per rilassarsi e arricchire le loro menti. Se volete iniziare a leggere per piacere o per migliorare le vostre abilità di lettura, questi passaggi possono aiutarvi.

  1. Ottenete una tessera della biblioteca e siate disposti a spendere un po’ di tempo per cercare il libro giusto per voi. Le biblioteche sono luoghi meravigliosi che mettono a disposizione un’ampia varietà di libri.
  2. Cercate un posto tranquillo, comodo per leggere in modo che non si siate disturbati. Assicurarsi che sia con una buona illuminazione dove potrete rilassarvi.
  3. Scegliete il materiale che vi interessa leggere. Leggere il dorso dei libri o la bandella della copertina per un breve riassunto della trama.
  4. Cercate il libro che è più indicato per voi. Sfogliate le prime pagine. Se avete difficoltà a capire quello che l’autore sta cercando di dire, non si può godere del libro.
  5. Visualizzate la storia, prestate attenzione all’introduzione di personaggi e luoghi. Provate a vedere ogni cosa nella vostra mente. “Vedere” la storia ve la renderà più reale e più facile da ricordare.
  6. Provate a portare con voi il libro che state leggendo ovunque andiate.
  7. Tornate in biblioteca regolarmente per chiedere nuovi libri da leggere.
  8. Acquistate comunque i libri da cui non vorreste mai distaccarvi.
  9. Se volete risparmiare e avete un tablet, acquistate un ebook.
  10. Condividete le vostre sensazioni dopo una lettura con amici e parenti.
  11. Non dimenticate di motivare anche i bambini alla lettura perché diventino dei buoni lettori da adulti.
  12. Se siete giovani, un buon libro arricchirà le vostre conoscenze, se avete superato i sessanta o settanta anni, ricordate che la lettura aiuta a tenere in forma la mente.
Annunci
Come essere un buon lettore

Letteratura russa nel XXI secolo: una nuova direzione

Letteratura russa nel XXI secolo: una nuova direzione

rodchenko
Nell’esplosivo, imprevedibile mondo della letteratura russa contemporanea, all’inizio del XXI secolo, apparve un fenomeno di letteratura non commerciale che è diventato più visibile e più attraente per i lettori dopo le letture tradizionali degli anni ’90 di prosa commerciale. Gli scrittori russi moderni sono diversi e hanno un incredibile talento, hanno ripristinato la fiducia del pubblico russo nella parola scritta dopo decenni di letteratura governativa. È iniziato con la comparsa delle opere post- moderniste degli anni ’90.

Le opere post-moderniste, alla fine del XX secolo, sono state uno dei punti dei sentimenti negativi della società in crisi e spiegano il ritiro dall teatro dell’ironia assurda e buia. Victor Pelevin, Lyudmila Petrushevskaya, Vladimir Sorokin sono stati in prima linea nella nuova ondata letteraria all’inizio del nuovo millennio e il loro contributo alla rinascita della letteratura russa è essenziale.

Durante l’ultimo decennio, tuttavia, il processo letterario russo, sotto l’influenza di un cambiamento nelle richieste socio-culturali e psicologiche della società, è entrato in una nuova fase. Il periodo di ” lutto post-sovietico ” si è concluso con la comparsa nel 2007 de “Il bibliotecario” (pubblicato in Italia nel 2011) di Michail Elizarov – un concetto luminoso e tragico della “generazione perduta post-sovietica” nella società russa. La “letteratura alternativa” di Pelevin, Petrushevskaya e Sorokin, a poco a poco, ha fatto la sua strada per un ritorno alla letteratura più tradizionale, a una riflessione sugli aspetti storici e umanistici dei nostri giorni, a una realtà quotidiana, così come a una discussione più tranquilla del passato doloroso e della futura direzione della Russia.

La letteratura russa contemporanea, come qualsiasi altra cosa, indica il cambiamento di gusti del pubblico letterario e, come uno specchio, riflette il cambiamento della percezione del suo futuro e la necessità di nuove idee positive, o forse un ritorno ai valori tradizionali. La tradizione di aspettativa, dagli scrittori, delle parole di verità che è nata al tempo di Dostoevskij e Lev Tolstoj è ancora viva, e molti russi sono alla ricerca di risposte in letteratura.

Questo spiega l’influenza fenomenale dello scrittore e intellettuale Dmitrij Bjkov sulla comparsa di interesse in una spiegazione affermativa della storia sovietica e il successo del suo Ostromov, situato nella rivoluzionaria San Pietroburgo.

Il mondo della letteratura russa oggi è immenso, e offre al lettore una varietà di generi scritti da molti scrittori di eccezionale talento, che sono quasi del tutto sconosciuti al grande pubblico occidentale. Inoltre , la comparsa sulla scena letteraria di autori provenienti da angoli remoti della Federazione russa, come la regione del Caucaso del Daghestan, dalla Siberia e dagli Urali, ha aggiunto opere vibranti nel mainstream della letteratura russa.

Tutto questo ha modificato il panorama letterario in Russia molto rapidamente; la situazione odierna contrappone la visione storica del panorama letterario russo con uno dei ” fiorente del concettualismo e il realismo metafisico. È probabile che i processi letterari contemporanei in Russia porteranno alla nascita di opere pari alle grandi opere classiche del passato. È difficile prevedere quando ciò avverrà.

Ci sarà la rinascita del romanzo tradizionale russo psicologico, o lo sviluppo di un’assurda scrittura post-moderna , utilizzando le opere di autori contemporanei come esempi?

Ci sono una serie di tendenze che hanno il potenziale per diventare caratteristiche distintive del processo letterario russo in futuro. È possibile definire le opzioni come Nuovo Realismo versus Realismo Magico? La convenzionalità di tale formula è evidente, ma non copre l’intero spettro della letteratura russa di oggi.

Nella “era post -Pelevin” (anche se continua a essere un giocatore importante nel processo letterario e uno degli scrittori più influenti) , la comparsa di letteratura che supera i limiti concettuali convenzionali è evidente. Non si può caratterizzare, per esempio, la prosa di Olga Slavnikova come puro “realismo magico” (o scrittura metafisica). Nelle sue opere migliori, lei va ben oltre i limiti. Il suo romanzo breve Bazilevs ricorda le storie di Cechov ed è una delle opere notevoli che non può essere definita al di fuori della tradizione della letteratura classica russa, dove la psicologia è spesso intrecciata con idee metafisiche che informano il fenomeno della letteratura classica.

L’opera maggiore di Olga Slavnikova, 2017 , è una delle sue più insolite. In generale, è un’acclamazione di bellezza che sovrasta gli esseri umani e si vendica su di essi attraverso la distruzione. Il significato del romanzo della Slavnikova va ben oltre la favola del romanzo avventuroso, o della storia d’amore o di una riflessione satirica sulla società russa contemporanea. Sembra che tutto questo sia subordinato a un’idea generale che la bellezza, vista come la qualità del potere spirituale e metafisico, può diventare una forza in se stessa e ripristinare l’equilibrio naturale distruggendo gli intrusi. Questa acclamazione, di una bellezza mozzafiato, rende il romanzo un avvenimento straordinario nel panorama letterario russo.

Un’altra tendenza è l’emergere del tradizionale romanzo russo psicologico è stata convenzionalmente chiamata “nuovo realismo”. Tra i molti altri autori sono Zakhar Prilepin, Roman Senchin, Babchenko, Denis Osokin e Alexander Ilichevky, la cui scrittura rappresenta il fiorire delle tradizioni della classica prosa psicologica.

Roman Senchin è uno dei rappresentanti più importanti del “nuovo realismo” . Il suo romanzo Eltyshevy ( Il Eltyshevs ) è uno dei più notevoli romanzi del 2010, è stato nominato per premio Nazionale best-seller e il Big Book Award. La storia racconta la scomparsa della famiglia russa ordinaria nel villaggio siberiano dove abita la brutalità e la vita e la morte sono solo avvenimenti senza alcun significato per la gente. Nel suo romanzo, Senchin mostra il percorso della Russia in un vicolo cieco, della vita priva di ogni spiritualità, e alla fine della disgregazione della società e il collasso dell’umanità. Potrebbe essere che il suo ritratto della perturbazione della vita contemporanea in Russia una delle caratteristiche distintive del nuovo realismo? Se è così, c’è il pericolo che diventi una sorta di realismo proletario alla Maxim Gorky , che ha contribuito a una de-spiritualizzazione della letteratura russa da parte di alcuni dei suoi libri. Il potente messaggio di Roman Senchin potrebbe costringere il lettore a contemplare ma anche a piangere. Questo messaggio, però, è privo di ogni speranza, nella disperazione si incarna l’essenza del romanzo e continua fino alla fine , dove apparentemente la vita delle persone “è inutile e stupida”, come lo sono le loro passioni e l’amore e anche i loro morti.

Il realismo del libro di Senchin grida sullo stato della vita contemporanea in Russia, e in tal modo esprime la necessità di riportare le idee dei grandi umanisti russi nella vita ordinaria. I migliori scrittori russi di oggi sono alla ricerca di risposte alla eterna questione russa: Che cosa si deve fare? Le loro risposte sono così diverse come gli scrittori stessi, ma la loro apertura al mondo e il loro talento meritano di essere riconosciuti,  e noi continueremo a discutere le recenti tendenze della letteratura russa contemporanea.

sorokin

Dal 26 marzo, La giornata di un opričnik, libro Italiano di Vladimir Sorokin, nella traduzione di Denise Silvestri.

http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/giornata-un-opri%C4%8Dnik

Letteratura russa nel XXI secolo: una nuova direzione