Una buona libreria non è un’azienda d’affari

Independent Booksellers WeekIl declino delle piccole librerie indipendenti è una delle storie più tristi della nostra società. È possibile che a molti non interessi niente perché considera i piccoli librai dei meri piagnoni che vogliono attirare l’attenzione dei media per i loro insuccessi, c’è chi pensa all’invidia, la causa scatenante di tanto malessere, invidia nei confronti di chi ha saputo costruire una rete di enormi librerie zeppe di titoli, pronte a scontare tutto, a vendere tutto (un giorno ci troveremo anche i detersivi in offerta). Molti hanno pensato che il colpo più grande assestato alle librerie indipendenti sia arrivato prima da Amazon, dai tablet e dagli ebook che ci hanno trasformato in digitatori compulsivi, con le occhiaie per l’insonnia a causa della nostra faccia incollata allo schermo. La campana a morto ha cominciato a tintinnare già da diversi anni quando, al fianco delle piccole librerie indipendenti, crescevano catene di Superstore di libri. Forse il peggio è arrivato, come l’apocalisse, quando Amazon ha iniziato a vendere tutto, ma proprio di tutto, a prezzi superscontati, tanto da far soffrire le stesse librerie di catena (oggi, le Feltrinelli e le Mondadori, sparpagliate come zanzare in tutta l’Italia, non se la passano molto bene).

jens2

In Italia, il vecchio stile di una strada principale che comprende il macellaio, il fornaio e il librario di fiducia appartiene al passato. Ben presto, sono comparsi saloni di bellezza a buon mercato, solarium e negozi per ricostruire le unghie. Grandi bazar gestiti da cinesi vendono ogni sorta di mercanzia a prezzi vergognosi. Chi se ne frega della qualità, quando si può risparmiare! Nel prossimo futuro, se la storia continua, le nostre strade principali saranno altro che dei punti di raccolta di shopping online e di depositi poco illuminati – posti miserabili pieni di consumatori zombie che avranno modo di poter comprare un po’ di merda di cui non avrebbero bisogno. Ci sarà un mondo senza negozi. Un mondo senza cultura. Niente più posti per i librai desiderosi di raccomandare romanzi alle ragazze adolescenti.

Ma ci potrà essere un’altra storia o è inevitabile che il mondo precipiti all’inferno? Ci sarà una storia felice del piccolo libraio indipendente?

Giusto per essere chiari, la libreria indipendente va ripensata perché non è un posto per fare soldi. È inutile pensare che si possa guadagnare con i libri, da adesso in poi. Alcuni di questi negozi, o meglio, aggregatori di cultura, potrebbero arrivare al pareggio e, in alcuni casi, trasformare anche un piccolo profitto, ma solo perché i loro clienti hanno la predisposizione, l’istinto ad agire come consumatori e come buoni cittadini pagando il prezzo intero quando potrebbero ottenere uno sconto attraversando la strada per intrufolarsi in una Feltrinelli o semplicemente con un clic del mouse. Il compito dei piccoli librai indipendenti diventa sacrosanto e fondamentale (questo li distingue dai commessi delle grandi librerie che credono che Eco sia soltanto il ritorno deformato di un suono).

Tre cose potranno salvare il piccolo librario indipendente:

  • Capacità di comunicazione e profonda conoscenza del panorama letterario;
  • Privilegiare le case editrici alternative e più piccole che producono libri di qualità;
  • Riunirsi in associazioni cittadine o di quartiere con altri librai, gruppi di lettura e biblioteche per creare eventi e formazione culturale ai cittadini.

2014 cover for posterIl declino della libreria indipendente è una vecchia storia, ma questo non significa che non c’è speranza. Forse la soluzione è quella di interrompere la visualizzazione di tali luoghi semplicemente come aziende che devono riuscire o non riuscire a seconda del mercato, come i negozi di ciambelle o i saloni di bellezza. Un buona libreria non è un negozio di ciambelle; è un bene sociale. Come cittadini – e anche potenziali investitori – abbiamo bisogno di mettere i nostri soldi dove la nostra mente si ravviva. O come dice Ralph Hicks “ogni sforzo della comunità per salvare una libreria dovrebbe concentrarsi sulla ricerca di un idiota come me.”

Fortunatamente, per una piccola libreria, di idioti ce ne sono molti.

Annunci
Una buona libreria non è un’azienda d’affari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...