Il futuro del libro: da Gutenberg agli e-reader

gutenberg-pressIl pensiero attuale è che siamo nel bel mezzo di una nuova rivoluzione in editoria al pari di quella lanciata da Johannes Gutenberg più di  500 anni fa. Questa volta è Internet, non la stampa, che sta portando il cambiamento e una rottura senza precedenti per il nostro modo di creare, distribuire e leggere libri. In realtà, Gutenberg è anche stato ufficiosamente adottato come patrono dell’industria informatica, e gli stessi tipi di persone che sono disposti a parlare di una “terza rivoluzione industriale” sono anche presumibilmente disposti a discutere con Jeff Bezos di Amazon che ci ha portato il Kindle, come di un nuovo Gutenberg dell’era digitale.

Ma l’esperienza di lettura di un libro quanto è realmente cambiata nella passata generazione – o, del resto, fin dall’età di Gutenberg?

Apparentemente l’industria dell’editoria sembra essere in un periodo di rottura senza precedenti – forse la più grande rottura dall’età di Gutenberg. Ora sempre più consumiamo e-book su telefoni cellulari, sugli e-reader e sui tablet, e consumiamo più tipi di contenuti rispetto al passato. Scarichiamo i libri da Internet piuttosto che comprarli nelle librerie indipendenti e in quelle di catena. E stiamo trovando nuovi modi innovativi per pubblicare e distribuire i libri che sconvolgono gli intermediari (il distributore e/o il libraio), creando in tal modo del tutto nuovi legami tra autore e lettore sia emotivi sia economici.

Tuttavia, il futuro della lettura appare ancora simile al passato della lettura.

La ragione è che, anche se il cambiamento tecnologico continua ad accelerare a un ritmo esponenziale, noi, come lettori, siamo in grado di cambiare a un ritmo lineare. In breve, il cambiamento tecnologico è rivoluzionario, ma il cambiamento umano è evolutivo. L’esperienza della lettura, l’amore della narrazione, e il desiderio di nuove storie sono stati cablati nel nostro DNA, e c’è molta poca tecnologia che può farci cambiare radicalmente, altro che ri-cablaggio del nostro cervello. Lo stesso Bezos, fondatore di Amazon, ha osservato che “Se la natura umana non cambia, neanche il cervello umano cambia”.

Questo potrebbe spiegare perché la prima incursione di Apple nel vendere e-book sul suo iPad ha presentato una visione scheumorfica della lettura. I libri sono stati presentati come tomi con copertine impressionanti, librerie che appaiono in legno grezzo, e anche la sensazione fisica di trasformare una pagina è stato resa con un’animazione unica digitale. I lettori sembrano acquistare l’idea che la lettura di un e-book su un tablet non dev’essere fondamentalmente diversa dalla lettura di un libro tradizionale, in modo che i lettori potessero personalizzate i reader di e-book con cover colorate e hanno trovato modi creativi per creare “librerie” per i loro e-book. Come lettori, abbiamo bisogno di tempo per adattarci, sebbene in questi mesi sia evidente l’obsolescenza dello scheumorfismo rispetto al trend del momento, il flat design. E si è a lungo dibattuto sull’opportunità per Apple di abbandonare il passato – spesso caratterizzata anche da eccessi visivi – per tornare sulla via del suo proverbiale minimalismo con il nuovo sistema iOS 7. In passato, soprattutto agli albori della tecnologia consumer, questa metodologia si era rivelata decisamente funzionale: l’uomo “tecnologicamente” delle caverne necessitava di un ambiente familiare, di essere guidato passo per passo nella modernità: un calendario virtuale solo se avrà le fattezze di un taccuino, un orologio solo se ne vedrà le lancette, una libreria virtuale solo se dotata di ripiani in legno. Oggi si eliminano gli effetti glossy, si estinguono le ombreggiature, si vietano pelli-pellicce-moquette virtuali e qualsiasi altro fronzolo non necessario. Il design si fa semplice, quasi impercettibile, e smette di distrarre l’utente.

ibooks-appleSe si prende per un lungo periodo la visione antropologica della lettura – si può osservare come la gente legga e quali vari comportamenti si associano con i libri nel tempo – si può affermare che non molto è cambiato negli ultimi 500 anni dall’invenzione dei caratteri mobili e della stampa di Gutenberg. Le innovazioni tecnologiche che oggi abbiamo sono esistite in un’altra forma nel passato. La possibilità di annotare i nostri e-book, per esempio, risale all’antica pratica di mettere le note a margine dei libri stampati.

Il che potrebbe significare che il futuro dell’innovazione nel settore dell’editoria ha meno a che fare con il “miglioramento” dei libri tramite la tecnologia digitale – cioè la trasformazione in piattaforme multimediali interattive – e più a che fare con le associazioni emotive e psicologiche create dai libri.

Quando gli innovatori tecnologici saranno in grado di assimilare la “sensazione di calore” in un oggetto fisico diverso da un libro, potremo davvero parlare della prossima rivoluzione di Gutenberg.

Annunci
Il futuro del libro: da Gutenberg agli e-reader

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...