LA NATURA DELLA CREATIVITÀ

lifeart-butterfly_edited-1Che cos’è la creatività? Parole come “creatività” sono solo simboli che usiamo come mezzo per comunicare tra di noi. Noi ci occupiamo fondamentalmente di persone. Così, nel discutere la natura della creatività, noi ci interessiamo agli esseri umani, in quanto essi sono, cosa fanno, come lo fanno, cosa l’aiuta a farlo e cosa li ostacola. Ci sono alcune persone creative, e altre non creative; sono di più o di meno le non creative? Con quale metodo o procedura possiamo arrivare alla coerente nozione di che cosa è che noi intendiamo per creatività? Una definizione è una dichiarazione per chiarire una descrizione o un’impostazione di confini o limiti. Una definizione può venire solo dopo molte specifiche e affidabili percezioni, e molte esperienze valide. Cerchiamo di vedere che tipo di percezioni o esperienze ci fanno ottenere la nozione della creatività. Ci sono diversi modi di considerare la creatività. È assiomatico che la creatività deve rappresentare la nascita di un qualcosa di originale e unico. Se siamo in grado di accettare questo assioma esaminiamo alcuni dei i modi in cui gli originali possono essere percepiti. Esamineremo qui alcuni aspetti della creatività che hanno importazione psicologica: (1) La creatività come prodotto e come processo; (2) La creatività come primordiale qualità di base della vita; (3) La creatività come una nuova interpretazione di differenze individuali; e (4) La creatività come espressione dell’inconscio.

  1. La creatività come prodotto e come processo. Un approccio per una definizione può essere fatta pensando alla creatività come prodotto e come processo. Se facciamo questa distinzione troviamo che da un lato stiamo sottolineando il rapporto con le cose e dall’altro stiamo manifestando un interesse alle persone. Il pensiero della creatività porta alla mente la Monna Lisa di Leonardo da Vinci; le poesie di Milton; la scultura Il Pensatore di Rodin; il parafulmine, le lenti bifocali e la stufa di Benjamin Franklin; il telegrafo di Morse; il telefono di Alexander Graham Bell; la luce elettrica e il fonografo di Edison. La creatività in questi casi è associata a un dipinto, una scultura, un sonetto, un’invenzione, un prodotto che può essere visto, studiato, apprezzato. Il prodotto, tuttavia, richiede tempo per essere prodotto; non succede tutto in una volta. Nella concezione e nella realizzazione del prodotto ci potrebbero essere stati diversi tentativi, stage, fasi, transizioni, fallimenti, revisioni. È noto che i manoscritti sono stati rivisti; i dipinti sono stati ridipinti e riordinati. È vero che alla creatività come prodotto è stata data maggiore attenzione o enfasi della creatività come processo. Perché è stato più facile pensare al prodotto che al processo? Ci sono diverse buone ragioni. Il prodotto è qualcosa di tangibile che può essere visto o sentito, e può essere descritto, discusso, ammirato. Il processo è spesso oscuro, sconosciuto, inavvertito, non verbalizzato, anche da parte della persona stessa, e quindi non comunicato agli altri. Il prodotto e il processo sono entrambi importanti. Senza il processo non ci sarebbe il prodotto. Senza il prodotto o la prova di realizzazione potrebbe non esserci la motivazione per sostenere il processo.

Si può definire o descrivere la Gioconda dopo che è stata dipinta, ma non si può definire o descrivere o anche immaginarla prima che lo fosse. Finché l’artista ha lasciato andare il suo prodotto neppure l’artista può essere sicuro che tipo di prodotto realizzare.

  1. La creatività come qualità del protoplasma. La vita di un essere umano comincia con l’interazione di uno spermatozoo con un ovulo non fecondato. La fecondazione è in realtà un processo bidirezionale di comportarsi, interagire, relazionarsi, comunicare. I biologi presumono che non ci sono due spermatozoi simili tra loro e che ogni uovo non fecondato è unico. I biologi ci dicono anche che, in primi momenti di vita, nella scomposizione dei cromosomi, tra il rigetto di alcuni e il riarrangiamento di altri, ci sono oltre sedici milioni di combinazioni genetiche possibili. Eppure ogni bambino rappresenta solo uno di quei sedici milioni di possibilità. Uno in sedici milioni è quasi una definizione statistica di individualità o unicità. È senza dubbio una fortuna per l’individuo che questo processo precoce sia rimosso dalla natura del tutto dal controllo degli educatori, progettisti, professionisti, psicologi, medici o anche i genitori. Unicità, individualità sono i primi principi di natura biologica. In un certo senso questo principio è protetto dalla manipolazione umana o dal controllo di una generazione su un’altra.

Inoltre, non si sa ancora la formula con cui metà dei cromosomi siano scartati. Non è il padre né la madre né il medico che prendono questa decisione. Al momento non lo fanno sapere che sta accadendo. Eppure lo scarto dell’irrilevante è un altro principio di base della vita. In questo caso sembra che è attraverso l’interazione dell’uovo e dello sperma che l’irrilevante è determinato. La natura fa sì che ogni generazione renda questi importanti atti senza un intervento cosciente o senza la consapevolezza dei genitori, progettisti o supervisori. La fecondazione dell’ovulo è scarsamente consumata prima che questa cellula cominci a dividersi e suddividersi. Con l’età adulta ci sono miliardi di cellule nel corpo umano, ciascuno con un’ereditarietà presumibilmente identica all’unicellulare uovo fecondato originale. Ancora ogni cellula è differente, altamente differenziata e allo stesso tempo altamente integrata con tutte le altre. Infatti, differenziazione e integrazione, le due qualità essenziali della crescita, sono i processi con cui tale crescita e sviluppo sono descritti. La crescita mantiene e produce le differenze.  La vita è un processo di continua unicità, un fluire in movimento, un cambiamento dell’originalità. La creatività è l’emergere degli originali. Fermare questo processo, arrestarlo, inibirlo, limitarlo significa ritardare la creatività.

  1. La creatività come una nuova interpretazione di differenze individuali. Poiché siamo interessati a persone, dovremmo esaminare di nuovo il nostro concetto delle differenze individuali nel significato che riveste la creatività. Nonostante l’unicità della cellula vivente e l’individualità degli organismi biologici sono noti da molto tempo, le differenze individuali sono un concetto banale oggi.  Le differenze individuali cominciarono a essere note agli psicologi oltre ottanta anni fa.

La creatività è il flusso delle differenze individuali; è il continuo processo di originalità e unicità nella persona.

  1. La creatività come espressione dell’inconscio. Nessuno sa dove o come l’Inconscio si sviluppa nel neonato umano. Con così poche conoscenze, è opportuno che ognuno faccia le proprie speculazioni su cos’è l’inconscio e come ci sia arrivato. Un matematico che ha lavorato senza successo su un problema per settimane si sveglia nel cuore della notte con la formula corretta. La scrive su un fazzoletto di carta, ma la mattina non è più in grado né di leggerla o ricordarla. Aspetta due settimane e di nuovo nella notte riappare la formula ma questa volta la scrive sulla carta buona. In letteratura, tuttavia, l’inconscio può essere sano o malsano. Nella misura in cui l’inconscio si esprime in arte o simbologia riflette la qualità della salute o la malattia nella stessa persona. Freud formulò il concetto che l’inconscio lavorava con persone infelici e improduttive.

Una persona è un organismo in parte complesso sia biologicamente sia psicologicamente. La creatività rappresenta una riorganizzazione, una composizione che comprende come essenziale il rifiuto dell’irrilevante. Nella vita cosciente di ogni persona ci sono alcune interessanti, armoniche e socialmente integrative esperienze. Ma c’è anche molto di irrilevante che deve essere scartato. Ci sono molta coercizione culturale, dominio e conformità nella vita cosciente di tutti. Uno cerca di evitare tutto questo. L’artista va in uno studio appartato, lo scienziato si nasconde in un laboratorio tranquillo, dove è più facile concentrarsi, dov’è più semplice il coinvolgimento emotivo con un’idea, pensare in modo naturale e rifiutare le tradizioni, respingere gli stereotipi e gli altri modelli conservatori di pensare e di agire, per non parlare di rifiutare ciò che è errato e contraddittorio alla propria esperienza. Anche il bambino ha bisogno di qualche angolo della casa, dove può talvolta essere solo per essere con se stesso. Il mondo cosciente e culturale dell’individuo non tollera la verità e la bellezza come la stessa persona vede.

Il vero sé nella cultura deve comportarsi in modo difensivo, come uno straniero in una terra di adulti preoccupati, indifferenti e ostili. Nel comportamento cosciente, uno mostra solo quel tanto di se stesso. Il resto del suo comportamento cosciente è falsità, dissimulazione, che impara molto presto e dolorosamente come un bambino, ma molto bene nel processo di “socializzazione”.

Con questa idea di coscienza è facile comprendere le molte segnalazioni di artisti, poeti, scienziati che hanno lavorato duramente, faticosamente, e senza successo a livello cosciente su alcuni problemi. Solo in qualche momento di relax, o di distacco dall’attività della giornata, in un certo momento in cui il sé è solo, arriva l’idea così abilmente che sembra venire senza sforzo.

Visualizzazione l’inconscio in questo modo solleva la questione di quanto si comprenda la persona – il bambino, l’artista, il poeta, lo scienziato, il chimico, l’ingegnere creativo – se uno non capisce la realtà delle interazioni umane. In quei momenti – momenti così rari, anche per un genio che chiamiamo momenti di ispirazione – in quei momenti di unità, armonia, e sicurezza nel suo interagire con l’universo, in quei momenti propizi, in cui si manifesta la propria originalità, si diventa creativi.

originalÈ questo il senso del genio creativo, che solo poche persone sono in grado di vivere in tale verità a se stessi e agli altri? Una grande intelligenza e il talento da soli non sono sufficienti a far emergere la creatività. Forse soltanto superando la falsità, gli errori, i nodi scorsoi della propria cultura, aprendosi alla totalità delle proprie esperienze che anche per brevi momenti si riesce a vivere coscientemente con il proprio inconscio?

Annunci
LA NATURA DELLA CREATIVITÀ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...