La buona scrittura

Qual è la differenza tra scrivere male e bene?

Quanto è importante per uno scrittore essere in grado di discernere la differenza tra il bene e il male nella scrittura?
Alcuni scrittori non si occupano della qualità. Nel mondo fai-da-te di oggi, la qualità gioca un ruolo di secondo piano rispetto alla quantità. Chi se ne frega se i tuoi libri sono pieni di errori di battitura, grammatica e la trama è povera finché hai pubblicato e hai fatto un po’ di soldi?
Lettori, abbiate cura. Agenti, editori e revisori, abbiate cura. Scrittori, con un mucchio di libri mal scritti e un sistema di commercializzazione stellare, il vostro lavoro non sarà preso sul serio. Non è improbabile che sia possibile rendere grande un libro scrivendo male. Succede, ma non accade spesso. Migliore sarà la scrittura, maggiore sarà le possibilità di garantirsi un pubblico e una carriera.

Le caratteristiche della buona scrittura

Quindi, cos’è che costituisce la buona scrittura? Le opinioni in materia variano notevolmente. Ci saranno diverse caratteristiche che rendono buona la narrativa come buone la poesia o la saggistica. Si può fare un elenco generale delle caratteristiche di buona scrittura (in nessun ordine particolare):
1. Chiarezza e concentrazione: Nella buona scrittura, tutto ha un senso e non si deve costringere i lettori a perdersi o a rileggere i passaggi per capire cosa sta succedendo. Incentrate la scrittura in un’idea centrale senza prendere troppe tangenti.
2. Organizzazione: Un brano di scrittura organizzato è non solo chiaro, ma è anche presentato in un modo che è logico ed esteticamente gradevole. Si possono raccontare storie non lineari o inserire la vostra tesi al termine di un saggio e farla franca finché le scene o le idee sono ben ordinate.
3. Idee e temi: qual è il tema in questione? La vostra storia è completa di temi? Può il lettore visualizzare la tua poesia? Un brano di scrittura è da considerare ben realizzato quando contiene idee e i temi sono chiaramente identificabili.
4. Voce: Questo è ciò che vi distingue da tutti gli altri scrittori. È un modo unico di infilare parole insieme, formulare idee, e le relative scene o immagini da consegnare al lettore. In ogni brano di scrittura, la voce deve essere costante e identificabile.
5. Linguaggio (parola scelta): Gli scrittori non possono mai sottovalutare o non apprezzare gli strumenti più preziosi: le parole. La buona scrittura include scelte di parole precise e accurate e frasi ben realizzate.
6. Grammatica e stile: Molti scrittori sorvolerebbero su questi punti, ma per un brano da considerare buono (per non parlare di grande), si deve seguire le regole della grammatica (e rompere queste regole solo quando c’è una buona ragione). Lo stile è anche importante per garantire che un brano sia chiaro e coerente. Assicurarsi di avere un libro di grammatica e una guida di stile a portata di mano.
7. Credibilità: Nulla dice che una cattiva scrittura è ottenuta da fatti sbagliati o travisati. Nella narrativa, la storia deve essere credibile (anche se è impossibile), e in saggistica, un’accurata ricerca può creare o distruggere uno scrittore.
8. Stimolante ed emotivamente stuzzicante: Forse la più importante qualità della buona scrittura è come il lettore risponde a essa. La lettura dà una prospettiva fresca e nuove idee? Il lettore chiude l’ultima pagina del libro con le lacrime agli occhi o un senso di vittoria? Ciò che determinerà il vostro successo come scrittore è come i lettori reagiscono al vostro lavoro.
Una menzione d’onore va all’originalità. Tutto è stato fatto prima, così l’originalità è un po’ arbitraria. Tuttavia, mettere insieme vecchie idee in modi nuovi e creare un remix delle migliori è un’abilità che vale la pena di sviluppare.
Perché avete bisogno di conoscere la differenza tra buona e cattiva scrittura
Per scrivere bene, uno scrittore deve essere in grado di riconoscere la qualità in un brano di scrittura. Come si può valutare o migliorare il proprio lavoro se non si può riconoscere la differenza tra scrivere mediocre e buona nel lavoro altrui?
Scrivere è anche una forma d’arte e quindi è soggetta al gusto personale. Si può leggere un libro e averlo in antipatia, ma riconoscere che la scrittura era buona. Avete mai letto un libro e amato la storia, ma sentire che la scrittura era debole?
Uno scrittore dovrebbe essere in grado di articolare perché un brano di scrittura può avere esito positivo o negativo, e uno scrittore dovrebbe anche essere in grado di riconoscere le qualità in un brano anche quando non è di proprio gusto. Queste abilità sono particolarmente necessarie quando gli scrittori stanno rivedendo o criticando il lavoro di altri scrittori e durante la revisione, l’editing, la correzione di bozze e il proprio lavoro.

La buona scrittura

Le regole della buona lettura

imagesLa lettura è un processo complesso che coinvolge una moltitudine di abilità. I lettori “forti” possono essere distinti dai lettori meno qualificati dai loro metodi di interagire con il testo. I processi mentali dei “buoni” lettori devono essere intesi al fine di formulare ipotesi per quanto riguarda la natura della lettura.

Nelle classi primarie, alla maggior parte degli studenti è insegnato la parola e il vocabolario. 

Tuttavia, si è scoperto che non era data alla comprensione. Senza insegnamento, molti bambini non sanno sviluppare le strategie avanzate necessarie alla lettura fluente.

Sono stati identificati i lettori qualificati. In questo articolo vengono elencati e discusse le quattro caratteristiche di lettori.

Lettori forti

I lettori forti come quelli che hanno qualche conoscenza e il controllo sulle loro abilità cognitive di lettura. I lettori meno qualificati mostrano poca consapevolezza della necessità di utilizzare diversi strategie per variare lo scopo della lettura e i testi. D’altra parte, i buoni lettori utilizzano la conoscenza della struttura e dei contenuti per aumentare l’efficienza di lettura. I lettori forti hanno le seguenti quattro caratteristiche:

Determinano gli obiettivi per la lettura.

Selezionano strategie di lettura adeguate per il testo.

Controllano la loro lettura per determinare se comprendono ciò che leggono.

Hanno un atteggiamento positivo verso la lettura.

Elencare tutte le cose che i buoni lettori imparano ma non vengono insegnate a scuola. Ce ne sono così tante. 

  • Leggono automaticamente le combinazioni di lettere alle estremità delle parole in modo diverso rispetto alle stesse combinazioni di lettere che formano una parola.
  • Sanno scansionare il testo.
  • Possono usare un dizionario e pronunciano correttamente qualsiasi parola utilizzando i segni diacritici del dizionario.
  • Sono in grado di leggere i dialetti quando sono scritti.
  • Ai buoni lettori piace leggere. 

Vi siete mai chiesti perché alcuni bambini sembrano imparare a leggere senza sforzo mentre altri devono lottare? Avete mai visto un bambino che memorizza poesie, soluzioni di matematica e l’alfabeto senza nemmeno provarci? Eppure, allo stesso tempo, si potrebbe aver conosciuto un altro bambino che ha difficoltà anche per ricordare il proprio numero di telefono o indirizzo. Ci sono tutta una serie di ragioni che – apprendimento e lettura – risulta facile per alcuni bambini e difficile per altri, e raramente ha a che fare con l’intelligenza.

Così come alcuni bambini sono buoni atleti, altri sono bravi nella musica o nell’arte. Tendiamo a pensare di arte, musica e atletica come abilità o talenti. Ma in realtà ci sono abilità cognitive di base che consentono questi talenti. Per l’atletica, una buona coordinazione occhio-mano e velocità può essere la chiave per il successo. Per la musica, certamente la capacità di percepire i toni è essenziale. Per l’arte, un’eccellente memoria visiva è utile.

Si scopre che imparare a leggere richiede alcune abilità cognitive. I bambini non nascono buoni lettori, naturalmente; la lettura deve essere insegnata. E a un bambino, per essere in grado di imparare a leggere, sono necessarie quattro capacità cognitive di base: memoria, attenzione, sequenza, ed efficienza di elaborazione (velocità e precisione).

Memoria – Gli scienziati si riferiscono al tipo di memoria, che è importante per imparare a leggere, come memoria di lavoro. È il tipo di memoria a breve termine, che consente di leggere e ricordare ciò che è stato scritto alcuni paragrafi precedenti. Quando i bambini hanno problemi con la memoria di lavoro, la lettura può essere molto difficile. Un bambino potrebbe avere difficoltà a ricordare ciò che i suoni delle lettere dell’alfabeto rappresentano al momento del primo impatto alla lettura e quindi hanno un ritardo nel tempo di apprendimento per la decodifica. Più tardi, a scuola, il bambino con problemi di memoria di lavoro potrebbe avere difficoltà a ricordare ciò che legge solo poche frasi precedenti, e così deve rileggere gli stessi passaggi più e più volte. Come si fa a sapere se un bambino ha problemi di memoria di lavoro? Si deve cercare la difficoltà a seguire i comandi o ricordare i dettagli di una storia.

Attenzione – L’apprendimento di qualsiasi tipo richiede buone capacità di attenzione. Uno studente deve essere in grado di prestare attenzione quando l’insegnante sta parlando e ignorare i rumori casuali nella stanza. Uno studente ha anche bisogno di imparare a prestare attenzione durante la lettura. Per imparare a leggere, gli studenti devono prestare attenzione alle lettere e partecipare con attenzione ai suoni che rappresentano. Più tardi, a scuola, gli studenti che hanno difficoltà a frequentare sono spesso quelli che non sanno applicarsi nella lettura. Che cosa si deve cercare: il bambino legge alcune frasi o paragrafi e poi si guarda intorno alla stanza, gioca con la matita, o si alza dalla sedia. Si deve prendere un bambino che ha questi problemi a sostenere la sua attenzione un tempo molto lungo per completare i compiti di lettura.

Sequenza – La lettura richiede la capacità di sequenziare lettere in parole (“visto” versus “era”) e desinenze grammaticali (“il ragazzo corre” contro “i ragazzi corrono”) e le parole in frasi (“il cane è inseguito dal ragazzo” contro “il ragazzo è inseguito dal cane”). È facile vedere che quando i bambini hanno problemi di sequenza, sapranno fraintendere ciò che leggono. Alcuni bambini trovano la sequenza molto difficile perché l’informazione è fugace.

Velocità di elaborazione e precisione. Gli scienziati si riferiscono al modo in cui il cervello elabora i dati: si può parlare di “elaborazione uditiva” o “trasformazione visiva”. Tali termini si riferiscono al modo in cui il cervello percepisce e attribuisce significato alle informazioni provenienti dall’udito o dalla vista. Alcuni studenti sono intrinsecamente buoni a elaborare le informazioni visive. Gli studenti sembrano imparare bene visivamente e sono molto bravi a percepire i segnali visivi, come raccogliere le espressioni facciali o ricordare come le parole appaiono quando sono scritte. Tuttavia, alcuni di questi studenti non possono elaborare le informazioni uditive pure. Potrebbero spesso fraintendere parole dette o quando si parla di loro. Gli studenti con inefficienze di elaborazione uditiva potrebbero anche sembrare “lenti” a rispondere quando gli altri gli parlano.

Tendiamo a pensare che la lettura è una capacità visiva che dipende principalmente dal collegamento delle lettere ai suoni. Questo ci porta a pensare che i problemi di lettura devono essere dovuti a difficoltà nel riconoscimento delle lettere o nella corrispondenza di quelle lettere ai loro suoni appropriati. Tuttavia, ora sappiamo quali sono le abilità cognitive sottostanti: memoria, attenzione, velocità di elaborazione o di precisione, e sequenza sono alla base della possibilità di imparare a leggere e poi a leggere per imparare.

Le regole della buona lettura