LA SOLITUDINE DEGLI SCRITTORI

 

Solitude-WritingPer necessità, gli scrittori hanno bisogno di sognare, ideare, pianificare, ricercare e scrivere per proprio conto. Per molti, ci può essere un elemento di solitudine che coinvolge in questo aspetto la scrittura. Ci può essere anche una transizione per gli scrittori a imparare ad affrontare, e lavorare efficacemente con la solitudine della scrittura. L’arte e il concetto di solitudine non sono inseguiti dalla maggior parte delle persone in questo veloce e rumoroso mondo.

La maggior parte delle persone richiede un po’ di tempo per abituarsi alla solitudine produttiva. Il pensiero di essere solo in realtà spaventa molte persone. Gli esseri umani sono animali da soma e vogliono essere in branco. Alcune persone pensano che l’idea di voler stare da solo o la ricerca della solitudine siano strane o egoiste. Tuttavia, gli psicologi sottolineano che sia la necessità di impegnarsi con gli altri e sia la necessità di stare da solo sono essenziali per la felicità umana. Inoltre, nuovi studi stanno dimostrando che trovare il tempo per la solitudine e il tempo da soli, nel nostro mondo frenetico di oggi, è ancora più importante per il proprio benessere.

Alcuni studi sostengono che ci sono due estremità continue: la solitudine vista come negativa, che connota quelli che non hanno scelto di essere isolati; la solitudine come positiva, a significare lo stato favorevole di essere soli per scelta e per scopo. In questo senso la solitudine è uno stato volutamente scelto di isolamento. È nella solitudine che, per la maggior parte, nasce il lavoro creativo. Gli scrittori devono capire che, per necessità, devono trascorrere molto del loro tempo in solitudine – e devono essere in grado di resistere alla solitudine estrema. La scrittura, secondo Gordimer, è la più solitaria delle occupazioni – paragonabile a essere il guardiano di un faro.

È utile esaminare alcuni dei benefici della solitudine per rendersi conto di quanto sia importante il momento di stare da soli. Le persone possono trovare il tempo di stare all’aperto o al chiuso da soli. La solitudine all’aperto ci permette di toccare il mondo naturale in un modo unico. Al chiuso, la solitudine ci permette di toccare in modo più chiaro i nostri pensieri. Quando sei solo con te stesso la tua mente può attingere a risposte creative, e idee ispiratrici. La pratica della solitudine permette all’individuo di concentrarsi e sentire la propria voce. La solitudine permette a una persona di allontanarsi dalle migliaia di voci e dalle distrazioni che ci distolgono. La solitudine riduce lo stress, favorisce lo sviluppo dell’identità, e può contribuire a favorire l’autonomia. Inoltre, la solitudine può migliorare i livelli di energia, aumentare la fiducia in se stessi, e contribuire a creare un atteggiamento più positivo verso la vita.

Al contrario, la mancanza di solitudine diminuisce l’impegno a trovare un’identità – che può essere particolarmente problematico per uno scrittore. Tutti gli scrittori devono capire quanto sia importante la solitudine nel processo di scrittura – e rendersi conto di quanto sia essenziale promuovere la contemplazione e la creatività. Questa è un importante sottoprodotto della solitudine. Un individuo in uno stato di bassa eccitazione alimenta l’ispirazione creativa. Il mondo esterno ha tanta eccitazione, distrazione e clamore che drenano la batteria creativa. Solo il tempo la ricarica.

La disciplina di lavorare da soli è difficile per molti. Alcuni sostengono che questa disciplina sia ancora più difficile per le donne. Lo spazio solitario permette il processo di scrittura e lo protegge. Le donne, più degli uomini, hanno bisogno di questa abilitazione alla protezione. Le donne hanno bisogno di rivendicare il proprio spazio, quello spazio solitario in cui entrare in comunione con i propri pensieri e sentimenti per sperimentare il proprio processo creativo intimamente.

Quelli che sono scrittori, o che aspirano a esserlo, devono riconoscere che hanno bisogno di solitudine per essere produttivi e che devono lavorare sodo per raggiungerla. Le donne, in particolare, hanno bisogno di affermazione, attenzione, e lodi. Le donne, più degli uomini, sentono il bisogno di qualcuno che elogi il loro lavoro. È una delle ragioni per cui le donne, molto più degli uomini, affollano gruppi di scrittura e trovano difficoltà a valorizzare il proprio lavoro senza uno scambio di opinioni.

Il primo compito dello scrittore è l’accettazione della solitudine. Tutto il resto non è la verità. Tuttavia, se introversi o estroversi per natura, la maggior parte di noi cerca di riempire il tempo con qualsiasi altra cosa, ma non con la solitudine. Ci sono le distrazioni – continue o intermittenti – della famiglia, amici, colleghi, animali domestici, televisione, telefoni che squillano, radio, musica, computer, email, sms, tweet, iPod – qualsiasi cosa che tenta di tenerci lontano da noi stessi.

Che cosa dobbiamo fare? Ovviamente, tutte le persone creative devono riconoscere l’importanza della solitudine e adottare misure e azioni quotidiane per creare i tempi necessari perché si resti soli per il proprio lavoro creativo. La nostra mente è più nitida e più acuta in isolamento e in solitudine senza interruzioni. Come scrisse Picasso: “La vocazione all’arte richiede tempo per vedere, pensare, imparare, praticare e per potersi esprimere più e più volte. Il prezzo che l’artista paga per questa cosa è la solitudine”.

 

 

 

Annunci
LA SOLITUDINE DEGLI SCRITTORI

3 pensieri su “LA SOLITUDINE DEGLI SCRITTORI

  1. Dario Ernesto Devigus ha detto:

    Nessuno, capacita le sue idee proclamandosi capace di vivere lontano dal sordo silenzio vivo; mente della mano in riposo poggiata al pensiero in attesa, di sopprimere l’arco del tempo vuoto. Non basta mai, Tutto si riduce; al minimo fruscio, un lampo perso oltrepassa la vena in bestemmia creandoti passo, e posso? Nascondendo l’impreco soffocato nella pelle del cobra spazio del cuore sofferente e amico del battito desistere ricambio, o languore, tremore della vita, per caricarsi in soma la sella del Diavolo benigno nelle fatiche mai sentite dolci mele nauseando il tuo sospiro: Finalmente, respira, la voce della mia paura?

    Mi piace

  2. Secondo me nei gruppi di scrittura ci sono più donne perché statisticamente sono di più le donne che provano a scrivere. E poi, anche perché sono proprio più portate per la comunicazione verbale.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...