L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito) seconda parte

Maksim Gor’kij

(scrittore russo, 1868-1936)

L’orologio

maxim_gorkiSECONDA PARTE

traduzione dal russo

 

IV.

Tic-tac!

Se si potesse pensare solo a questo, che cosa significa questo moto incessante, la sensazione di non esserne degni ci opprimerebbe. O che questa consapevolezza possa svegliarci, potrebbe risvegliare l’orgoglio in noi e portarci alla lotta con la vita. La vita, che ci offende: dichiariamo guerra contro di essa.

Quando la natura portò una volta  l’uomo alla fase in cui non aveva più bisogno di strisciare sul ventre, gli diede un compito – l’ideale. E da quel momento istintivamente e inconsciamente aspira sempre più in alto. Fare di questa aspirazione un essere consapevole; insegnare agli uomini che la vera felicità dell’umanità è solo quella di essere trovati nella consapevole aspirazione verso qualcosa di superiore. Non accusare se stessi di impotenza, non accusarsi di nulla. Ciò che è possibile ottenere con ogni mezzo è peccato – un’elemosina per l’indigente intellettualmente. Tutte le persone sono infelici, ma il più infelice è chi si vanta della sua infelicità. Tali persone hanno sete di dirigere l’attenzione degli altri a se stessi, ma questi sono quelli che ne sono meno degni.

L’aspirazione è il più grande oggetto della vita. Che tutta la vostra vita sia una tale aspirazione, che le ore più gloriose diventino la nostra parte.

V.

Tic-tac! Tic-tac!

“Perché dare a chi è nella miseria, e la vita sprofonda fino all’amarezza nel cuore, all’uomo la cui via è nascosta?” Questa è la domanda chiave da fare a Dio. Non ci sono oggi  più queste persone coraggiose che, nella consapevolezza di essere a livello con Dio, non temino di parlare con Dio, come Giobbe. Gli uomini pensano se stessi come esseri troppo piccoli, troppo insignificanti. Non amano la vita abbastanza, né se stessi. Temono il dolore, perché sanno che non possono sfuggirgli. L’inevitabile è una legge di natura. È un dato di fatto, e bisogna affrontarlo, che la morte dell’uomo inizia da quando vide per la prima volta la luce. Solo la consapevolezza di aver compiuto qualcosa può distruggere la paura della morte. Il percorso che si  calpesta onestamente assicura un finale tranquillo.

Tic-tac! E tutto ciò che rimane dell’uomo sono le sue opere. Le sue ore, con i desideri che esse contengono, rompono e fanno spazio ad altre ore. Le ore misurano la tua vita! Ore crudeli!

VI.

Tic-tac! Tic-tac!

In questo mondo pieno di contraddizioni, menzogne e malvagità prosperano in enorme misura. Tutto sarebbe migliore se gli uomini cercassero reciprocamente di proteggersi a vicenda, e se ognuno avesse un vero amico. L’individuo, per quanto grande, è di poco conto. La comprensione reciproca è assolutamente necessaria, perché il modo in cui ci esprimiamo è molto più debole dei nostri pensieri. Molte parole mancano all’uomo per permettergli di aprire il cuore al suo amico. Da qui nasce la perdita di così tanti pensieri importanti, perché non possiamo al momento giusto trovare le forme giuste per essi. Un pensiero nasce, e con esso, il profondo e sincero desiderio di incarnare questo pensiero in parole dure come l’acciaio. Ma le parole mancano.

Più attenzione, quindi, ai pensieri! Contribuire ad aumentare il numero di pensieri che nascono, perché i problemi non saranno ricompensati. Potete trovare pensieri ovunque, anche nelle fessure delle pietre, ci sono, per lui, che sa come trovarli. Non dipende dall’uomo se egli sarà un signore della vita, invece che uno schiavo? Se voi aveste il desiderio ardente di vivere, e la coscienza orgogliosa della vostra forza, tutta la vita non sarebbe altro che una fila di ore gloriose, dense di forza spirituale e di grande eroismo magnanimo che stupirebbero voi stessi.

VII.

Tic-tac! Tic-tac!

Lunga vita alle anime forti, gli uomini coraggiosi! Gli uomini che dedicano la loro vita alla verità e alla giustizia e alla bellezza!

Noi non conosciamo questi uomini, perché sono orgogliosi e non cercano una ricompensa. Noi non vediamo con quale gioia sacrificano il loro cuore sull’altare della verità; e come gettano un alone sulla vita dando la vista ai ciechi. È di urgente importanza rendersi conto di essere ciechi, perché ci sono troppi di loro. “Apri gli occhi per vedere l’indegnità della tua vita.”

Lunga vita all’uomo che è padrone oltre la sua nostalgia!

Il mondo intero vive nel suo cuore, e tutti i dolori e le sofferenze vivono nella sua anima. Tutto ciò che è male e brutto, la menzogna e la crudeltà, sono i suoi nemici più acerrimi. Con il cuore pieno, consacra tutte le sue ore a questa lotta, e la sua vita è ricca di gioia tempestosa, bella rabbia e persistente orgoglio.

Non risparmiarsi – questa è la verità più gloriosa sulla terra. Lunga vita all’uomo che non sa come risparmiarsi! Ci sono solo due modi di vivere: marcire o bruciare. Il vile e l’avaro scelgono il primo, il coraggioso e il generoso il secondo. Tutti coloro che hanno un senso del bello sanno dove è nascosta la grandezza.

Le ore della nostra esistenza sono vuote, ore opache. Cerchiamo di riempirle con belle atti di eroismo, senza risparmiare noi stessi! Poi verranno a trovarci ore piene di gioioso tremore, di orgoglio che brucia. Lunga vita all’uomo che non sa come risparmiarsi!

—————————————————————————————————————————————–

Pseudonimo dello scrittore russo Aleksej Maksimovič Pežkov (Nižnij Novgorod 1868-Mosca 1936). Tra i più significativi scrittori russi contemporanei, Maksim Gor’kij (in russo la parola che egli scelse come pseudonimo vuol dire “amaro”) fu il biografo di se stesso in Infanzia (1913), Fra la gente (1915), Le mie università (1922). Narrò la sua difficile esistenza in maniera semplice, senza retorica, conscio che le sue difficoltà fossero quelle di molti. E fu questo forse a fare di lui un cronista del suo tempo. Visse molti anni a Capri, che amò moltissimo. Qui organizzò con altri una scuola di propaganda rivoluzionaria e lasciò i suoi ricordi nei Racconti d’Italia (1911-13). Fu amico di Lenin. Rientrò in patria poco prima della guerra mondiale e diresse il giornale La vita nuova. Diede un’impegnata collaborazione culturale alla Rivoluzione d’Ottobre che preannunciò con i due poemetti in prosa Il canto della procellaria e Il canto del falco. Malato, tornò in Italia, a Sorrento, nel 1921 su invito dello stesso Lenin e nel 1928 fu di nuovo in URSS. Nel 1936 fu eletto presidente dell’Unione degli Scrittori Sovietici.

 

Annunci
L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito) seconda parte

Non è mai troppo presto per favorire l’amore per la lettura!

leggere-1024x839

Non è mai troppo presto per favorire l’amore per la lettura!

• Iniziate a leggere al bambino al momento della nascita.
• Lasciate che il vostro bambino giochi con il libro.
• Se il bambino a volte non sembra interessato, mettete via il libro e riprovate un’altra volta. Per avere un lettore ci vuole tempo e pazienza.
• Siate fantasiosi. Utilizzare diverse voci e le espressioni facciali quando leggete. Rendete divertente l’ascolto!
• Scegliete i libri che utilizzano la ripetizione delle parole, rime, e un testo prevedibile.
• Decidete un tempo regolare per leggere ogni giorno; anche con cinque o dieci minuti si favorisce il bambino a leggere per conto proprio.
• Prima di leggere il libro insieme, dai la possibilità al bambino di fare una ” passeggiata tra le immagini” del libro in modo che si faccia un’idea della storia.
• Lasciate che il vostro bambino giri le pagine e punti il dito sulle parole che voi leggete.
• Incoraggiate l’amore per le parole, giocando in rima e con giochi di parole, cantando canzoni stupide, o scrivendo insieme una storia.

Soddisfare la curiosità del vostro bambino

• Scegliete i libri che sostengono gli interessi del bambino, dai dinosauri ai maghi.
• Rileggete i libri preferiti del vostro bambino ogni volta che vi viene chiesto. Dopo diversi rifacimenti, chiedete a vostro figlio di raccontarvi la storia.
• Coinvolgete il bambino nella lettura facendo domande! Chiedete “cosa” nelle domande; evitate domande che richiedono un semplice “sì” o “no”. Si potrebbe chiedere: “Cosa pensi che succederà dopo?”
• Ricordatevi di dare al vostro bambino il tempo di pensare alla domanda e rispondere.
• Portate il vostro bambino in libreria a controllare i libri.
• Se il vostro bambino mostra un interesse particolare in un’immagine, parlatene insieme o soffermatevi, fate seguito immediatamente a domande e lasciate del tempo alla risposta del bambino.
• La cosa più importante, fate che la lettura sia divertente per il vostro bambino!

Non è mai troppo presto per favorire l’amore per la lettura!

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Flags 3D Globe

Negli ultimi decenni, gli sviluppi nel campo della grammatica trasformazionale, della linguistica generale e contrastiva, della semantica, della teoria dell’informazione, dell’antropologia, della semiotica, della psicologia e dell’analisi del discorso hanno esercitato una grande influenza sulla teoria della traduzione in generale, consentendo di offrire nuove intuizioni nel concetto di corrispondenza sul trasferimento tra sistemi linguistici e culturali.

Tuttavia, la traduzione di narrativa ha beneficiato molto poco degli sviluppi che si riferiscono alla linguistica. Negli studi di traduzione letteraria, molta attenzione è stata data alla traduzione poetica, poca alla traduzione di narrativa.

È generalmente accettato che tradurre la narrativa è un processo complesso soggetto all’influenza di numerosi fattori variabili, come ad esempio se la traduzione deve essere orientata alla lingua originale o alla lingua di arrivo, o se un dato originale deve essere adattato per certi scopi pragmatici. La traduzione di narrativa è molto più complicata di quanto sia la traduzione di altri generi, in quanto tratta non solo il transfert bilingue, ma anche quelli bi-culturale e bi-sociale. Il traduttore deve rappresentare culture diverse, molto diverse in termini di convenzioni linguistiche, letterarie e culturali-sociali. Il traduttore non solo deve prestare particolare attenzione ad alcuni modi peculiari in cui il linguaggio genera effetti estetici nella lingua originale e ai metodi utilizzati dai traduttori per raggiungere un’identità espressiva in italiano, ma anche dare spunti ai valori culturali-sociali nella traduzione. Tuttavia, entrambi gli approcci letterario-stilistici e linguistici non sono riusciti a riconoscere la natura della traduzione narrativa.
Per la prosa narrativa, esistono due tipi di stile: uno è lo stile autoriale, vale a dire lo stile relativo al significato in modo generale. Quando si parla di stile autoriale, in altre parole, si parla di un modo di scrivere che è riconoscibile in un particolare scrittore, come ad esempio nei russi Viktor Pelevin e Vladimir Sorokin. Questo modo di scrivere distingue la scrittura un autore da quella degli altri, e le diverse visioni del mondo degli autori. La loro satira è forte e irresistibile, proprio perché dà uno specchio fedele della realtà e della propria visione del mondo. L’altro concetto di stile è lo stile del testo, vale a dire lo stile intrinsecamente legato al significato. Proprio come gli autori possono dire di avere uno stile, così può essere per i testi. Quando esaminiamo lo stile del testo, dobbiamo analizzare le scelte linguistiche che sono intrinsecamente connesse al significato e all’effetto sul lettore. I modelli lessicale e grammaticale, la coerenza del discorso e la coesione, e la figura del discorso dovrebbero essere esplorate in dettaglio. A volte, anche una virgola apparentemente insignificante può essere molto importante in termini interpretativi. Il concetto di stile della prosa narrativa è molto utile per esplorare la natura della sua traduzione.

La traduzione di narrativa comporta lo scambio di esperienza sociale di individui nel mondo immaginario con i lettori di un’altra cultura o società. Sia il fattore sociale sia il fattore autoriale sono enfatizzati nel processo di traduzione. Pertanto, la riproduzione di stile (sia dello stile autoriale sia dello stile del testo) è considerato il nucleo nella traduzione di narrativa. È un compito difficile per il traduttore di narrativa esplorare lo stile di un romanzo e il messaggio che l’autore trasmette sulla vita sociale, i rapporti umani, ecc.

La prosa narrativa ha una grande influenza sociale. Un best seller può avere milioni di lettori, e molti romanzi sono adattati in film, aumentando ulteriormente il loro pubblico. Esercitare un’influenza sociale su larga scala è anche lo scopo dei romanzieri. Anche la traduzione di narrativa ha dunque un’influenza sociale su larga scala, e questo è il motivo per cui sempre più narrativa è tradotta in molte lingue.
L’intero processo coinvolto nella traduzione di un romanzo è quindi complicato, tra cui la codifica del messaggio da parte del prosatore, e la decodifica e la riconversione del messaggio da parte del traduttore. Il messaggio, tra cui significato, stile e funzionalità, sono ciò che l’autore di prosa vuole trasmettere attraverso il suo romanzo in ordine di livello pragmatico (intenzione dell’autore o il tema della finzione), livello semantico (scelta delle parole), livello sintattico (scelta dei modelli di frase, ecc.) e il livello del discorso (che integra i precedenti tre livelli in tutto il discorso). Tuttavia, il traduttore decodifica il messaggio in ordine inverso. In un primo momento, il traduttore si imbatte in tutto il discorso di prosa narrativa, e poi lo analizza a livello sintattici, semantici e, infine, pragmatici. La cosa più importante è come il traduttore ri-codifica il messaggio che capisce, che è alla base dell’attività di traduzione.

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Leggere meno americano e più orientale non nuoce alla salute

Murakami sonno apertura

Un buon libro può superare molte barriere nella sua ricerca di trovare un pubblico, ma l’Oceano Pacifico, a quanto pare, è uno sbarramento troppo forte. Questo è il caso della letteratura giapponese, ma anche della cinese e di quella coreana che sfidano le differenze di lingua, cultura, e di politica per raggiungere i lettori in tutta l’Asia, ma devono ancora trovare un approdo stabile e duraturo in Europa, fatta eccezione della Francia dove hanno diversi seguaci.

Gli esperti indicano che l’apertura mentale dei giovani è un fattore di risposta alla domanda del perché, nonostante ci siano degli autori orientali che hanno un buon seguito da noi, come Murakami Haruki, il tedoforo degli autori giapponesi in Occidente e, ma solo in parte, di Yoshimoto Banana, non c’è traccia nelle classifiche di autori dell’Estremo Oriente e non c’è segno di pubblicazioni di un numero consistente di nuovi autori asiatici. Nonostante le tradizionali rivalità tra Corea, Giappone e Cina, i giovani di quei Paesi hanno superato le distanze ed è interessante scoprire come, per esempio, i giovani sud-coreani vogliano capire meglio gli stili di vita e la cultura giapponesi leggendo moltissima narrativa proveniente dal Giappone, lasciando comprendere come la letteratura sia separata dalle dispute politiche tra il Giappone e la Corea del Sud. Anche in Cina, i cinesi più giovani si identificano con il cuore della società giapponese che i loro autori descrivono. Grazie a questo, centinaia di romanzi giapponesi sono pubblicati annualmente in Corea del Sud, e ancora di più lo sono in Cina.

Gli Stati Uniti e l’Europa hanno anche diversi giovani che leggono autori giapponesi e cinesi, ma il numero è sensibilmente più basso. Questo solleva una questione: se i cittadini cinesi e coreani possono guardare oltre le loro differenze per leggere romanzi giapponesi, qual è il freno che impedisce una reale diffusione della cultura dell’Estremo Oriente tramite la letteratura nei paesi occidentali?

Gli Stati Uniti fanno un caso a sé perché notoriamente solo il 3% dei libri pubblicati sono di autori che non parlano la lingua inglese. Tuttavia, non è del tutto colpa del lettore. La gente legge la letteratura straniera quando è disponibile, come il caso già citato di  Murakami Haruki, ma la realtà è che vi è la quasi totale volontà, da parte degli editori più grandi, di non tradurre la letteratura, determinando anche nel lettore una certa diffidenza nel leggere quel po’ di letteratura in traduzione in circolazione.

Ci sono anche delle difficoltà che gli editori devono affrontare nella pubblicazione di letteratura straniera e di certo non sono sempre facili. Gli americani di lingua inglese non sanno rinunciare ai loro scrittori, benché la tradizione e la qualità culturale americana non possa essere paragonabile a quella europea (in particolare alla russa e a quello dell’Inghilterra). Tuttavia, è un peccato rinunciare a tanti libri incredibili di scrittori di lingua non inglese che sono scritti in altre parti del mondo. A maggior ragione, anche in Europa è imbarazzante che la Corea del Sud, un paese che ha una tradizione culturale immensa, come il Giappone e la Cina, abbia solo una sparuta rappresentanza. Non dimentichiamo che diversi romanzi di famosi e apprezzati scrittori coreani e giapponesi sono stati tradotti dal francese o dall’inglese, con il risultato di confezionare dei prodotti che non corrispondono alla lingua originale, impedendo di trasmettere al lettore occidentale il nocciolo stesso della cultura.

Purtroppo, le fortune crescenti dei libri provenienti dagli Stati Uniti coincidono all’estero con l’ascesa della cultura pop americana in generale, ma devono anche essere in parte attribuite a una forte imposizione della narrativa commerciale (e le competenze editoriali si sono evolute per servire questi libri) che, fino a poco tempo fa, semplicemente non esistevano in molti altri paesi. È così per la narrativa, è così per il cinema: dagli Stati Uniti arriva qualsiasi cosa purché sia legato a un successo commerciale. Qualsiasi libro potrebbe essere migliore o peggiore nel complesso, ma c’è un certo livello di approfondimento culturale, di introspezione, di spessore linguistico da cui non si può prescindere che spesso nella narrativa americana non è rispettato. Le letterature dei paesi più lontani che hanno tratto la linfa da culture diverse da quella europea potrebbero rendere migliore la vita non solo dei lettori ma della nostra frenetica società occidentale.

Leggere meno americano e più orientale non nuoce alla salute

La più grande letteratura del mondo

Best-inspiring-quotes-for-the-World-Book-Day-2014Qual è la “migliore” letteratura? Se sei di lingua inglese si potrebbe semplicemente pensare che il meglio della letteratura mondiale sia quella britannica perché la letteratura è in lingua originale e quella in traduzione non è la stessa. Nessun altro paese al mondo forse può arrivare alla Gran Bretagna per qualità e quantità di grandi scrittori. William Shakespeare; Charles Dickens ; Jane Austin; Alfred, Lord Tennyson; Agatha Christie; George Orwell; JK Rowling; Virginia Woolf; Lewis Carroll; Ian Fleming; Kingsley e Martin Amis; Arthur Conan Doyle; Rudyard Kipling; T S Elliott; C S Lewis; le sorelle Bronte; J R R Tolkien; Robert Louis Stevenson; George Elliott; John Milton; Doris Lessing; David Herbert Lawrence; John Le Carre; Edward Lear; Graham Greene; Lord Byron; William Wordsworth; Philip Larkin; Mary Shelley; Bram Stoker; Percy Bysshe Shelley; Rupert Brook; Wilfred Owen; Roald Dahl; Robert Burns; Iris Murdoch; Beryl Bainbridge; J G Ballard; Ian McEwan; Philip Pullman; William Golding; J M Barrie; Walter Scott; Beatrix Potter; Ken Follett; Samuel Taylor Coleridge; John Keats; William Blake; Thomas Hardy; Robert Browning; Anthony Burgess; Daphne du Maurier; Dylan Thomas; Hilary Mantel; E M Forster; Joseph Conrad …
Ma tutti i grandi paesi europei hanno una ricchezza di meravigliosa letteratura. La Russia ha alcuni grandi autori come Čechov, Dostoevskij, e altri. La Germania ha Hermann Hesse e altri ancora. Marcel Proust era francese. Dante italiano. Miguel Cervantes era spagnolo. È forse opportuno chiedersi “qual è il miglior linguaggio” piuttosto che la migliore letteratura?
Non è una sorpresa che la letteratura russa ha spesso i temi della miseria, sofferenza, tristezza e tormento perché la Russia, e la sua incarnazione Unione Sovietica, è stata scossa da turbolenze di generazione in generazione. Nonostante il malgoverno zarista, la guerra napoleonica, la guerra di Crimea, due guerre mondiali, la rivoluzione bolscevica, la brutale guerra civile, la repressione stalinista e la povertà, la Russia ha prodotto alcuni dei più grandi scrittori. Molti di loro hanno sofferto come i personaggi delle loro opere. Dunque, la letteratura russa supera quella britannica? Per molti, è così. La ragione principale di questo è semplificata dal libro “Il Maestro e la Margherita”. Non esiste un romanzo che si possa paragonare scritto in inglese o in qualsiasi altra lingua. È considerato una delle novelle più belle della letteratura mai scritta, e molti scrittori hanno cercato di emulare uno stile simile a Michail Bulgakov. La letteratura russa ha anche influenzato quella inglese. Ad esempio, George Orwell, in 1984, non è stato fortemente influenzato da “Noi” di Evgenij Zamjatin?
La comprensione del dolore e della sofferenza degli scrittori russi va ben al di là dei libri e molti mostrano come le famiglie, amanti e intere culture possono cadere a pezzi quando la pressione è applicata da forze esterne. Tutti hanno bisogno di sperimentare la letteratura russa a un certo momento. È possibile parlare di grande letteratura senza leggere i libri di Nikolaj Gogol’, Anton Čechov, Ivan Turgenev, Fëdor Dostoevskij, Lev Tolstoj, Boris Pasternak, Andrej Platonov, Vasilij Grossman e Aleksandr Solženicyn?
In Italia, il periodo di cultura che Dante ha vissuto è stato interessato per eccellenza dall’etica e dalla filosofia morale. L’età che ha vissuto Petrarca è stata dominata dalla scienza filologica. Le conseguenze derivanti da questa nuova direzione di pensiero erano profonde. La scoperta di Petrarca di un mondo antico molto diverso da quello conosciuto alle generazioni precedenti ha rivelato improvvisamente in Italia le sue vere origini, e ha dato nuova vitalità al patrimonio italiano. Gli uomini sono diventati consapevoli del tempo trascorso dalla caduta dell’Impero Romano, e dell’inferiorità che la cultura neo-latina ha mostrato nei settori in cui la civiltà classica era al suo splendore. Un impulso di esaltazione, difficile per noi immaginare, attraversava gli italiani quando le ricchezze del mondo classico dei loro antenati sono stati esposte allo sguardo del Petrarca e dei suoi seguaci.
La letteratura asiatica conta soprattutto sulla Cina e il Giappone. Nell’antica Cina, ci sono numerosi poeti, autori nuovi e maestri letterari. Solo nei libri di poesie della dinastia Tang (AD 618-906), ci sono quarantatré mila poesie scritte da più di duemila poeti. I più famosi poeti sono Li Bai, Du Fu e Juyi Bai. Nel loro poesie hanno mostrato le emozioni, le ambizioni personali di servire il paese, la determinazione a lottare contro il nemico, la tristezza di perdere l’amore. In poesia, però, succede che spesso la bellezza, tradotta in altre lingue, si perde: i ritmi sono difficili da mantenere in traduzione e non tutte le parole cinesi possono corrispondere in altre lingue.
Oggi, nessun Paese ha la più grande letteratura. La letteratura è più grande in quei Paesi in cui non ci sono limitazioni da eventuali confini fisici. Libertà, scambio di culture diverse, apporto costante alla diffusione della cultura fanno grande la letteratura di un Paese. Forse c’è da chiedersi se la migliore letteratura non sia quella i cui scrittori sono ancora molto letti e considerati attuali. Shakespeare e Dostoevskij sono i più fulgidi rappresentanti di una letteratura classica che non tramonta mai.

La più grande letteratura del mondo

Il valore della letteratura dei giovani adulti

ireadya

Il termine letteratura per giovani adulti è di per sé amorfo, perché i termini costituiti da “giovani adulti” e “letteratura” sono dinamici, cambiando la cultura e i cambiamenti della società – che forniscono loro il contesto. Il termine fu in uso dalla fine degli anni Sessanta, e si riferiva alla narrativa realistica che era impostata nel reale (al contrario di quella immaginata), nel mondo contemporaneo dove si affrontano i problemi e le circostanze della vita che interessano i giovani lettori di età compresa tra i 12 e i 18 anni. Molto è cambiato oggi. Per alcuni, questo rimane vero anche adesso. Negli ultimi anni, per esempio, la dimensione di questo gruppo di popolazione è cambiata drammaticamente. Tra il 1990 e il 2000 il numero di persone tra i 12 e 19 anni è salito notevolmente, con un tasso di crescita di circa il 20%, superando in modo significativo la crescita del resto della popolazione. Le dimensioni di questa fascia di popolazione hanno permesso di aumentare anche la definizione convenzionale di “giovani adulti”, che si è ampliata per includere quei giovani di circa 10 anni e quelli più vecchi di circa 25 anni.
“Letteratura”, che tradizionalmente significava finzione, ha inoltre ampliato il suo significato per includere nuove forme di letteratura – o narrativa – saggistica e nuove forme di poesia, tra cui romanzi e opere di saggistica in versi. La crescente importanza della comunicazione visiva ha iniziato a espandere questa definizione per includere il pittorico, soprattutto quando è offerto in combinazione con il testo, o i libri illustrati, i fumetti e la graphic novel.
Ulteriore prova è il numero straordinario di autori adulti acclamati che hanno iniziato a scrivere per i giovani adulti, e una miriade di altri scrittori. Come risultato di queste e altre innovazioni, la letteratura per giovani adulti è diventata una delle più dinamiche tra le aree creativamente più interessanti dell’editoria.
La letteratura per giovani adulti non può essere quantificata, ma è da ricercare in quei libri che sanno affrontare le esigenze dei suoi lettori. Spesso descritto come “sviluppo”, queste esigenze riconoscono che i giovani adulti sono esseri in evoluzione, alla ricerca di sé e dell’identità; esseri che sono in costante crescita e mutevoli, in trasformazione dalla condizione dell’infanzia a quella dell’età adulta. Tale periodo di passaggio chiamato “età adulta” è una parte unica della vita, che si distingue per esigenze uniche che sono – come minimo – fisiche, intellettuali, emotive e sociali.
La letteratura per giovani adulti è preziosa non solo per la sua arte, ma anche per la sua rilevanza sulla vita dei suoi lettori, non solo affrontando le loro esigenze, ma anche i loro interessi. La letteratura diventa un potente incentivo per loro di leggere, un altro motivo valido per valorizzarla, soprattutto in un momento in cui l’alfabetizzazione degli adolescenti è diventata una questione di fondamentale importanza.
La giovane età adulta è, intrinsecamente, un periodo di tensione. Da un lato i giovani adulti hanno il bisogno di possedere tutto ciò che si può consumare. Dall’altro, ma sono anche intrinsecamente individualistici, per quanto riguarda l’essere unico, che – per loro – non è motivo di celebrazione ma, piuttosto, di disperazione. Essere unici diventa fondamentale per essere differenti dai propri coetanei, cioè essere un “altro”. Il fatto di sentirsi un “altro” può far paura perché non si appartiene a un gruppo, ti fa sentire un emarginato. Così, vedendo se stessi tra le pagine di un libro, il giovane adulto può ricevere la rassicurazione che non si è soli, dopo tutto, non si è solo un “altro”, non si è un estraneo ma, invece, una parte vitale di una più ampia comunità di esseri che condividono una comune umanità.
Un altro valore della letteratura dei giovani adulti è la sua capacità di favorire la comprensione, l’empatia, la compassione e offrire ritratti realizzati vividamente della vita. In questo modo, la letteratura dei giovani adulti invita i suoi lettori ad abbracciare l’umanità che condivide con chi – se non fosse per l’incontro nella lettura – potrebbe rimanere per sempre sconosciuto o – peggio ancora – un “altro” irrimediabilmente.
Ancora un altro valore della letteratura dei giovani adulti è la sua capacità di raccontare ai lettori la verità, per quanto spiacevole possa essere a volte, perché in questo modo si dotano i lettori a trattare con le realtà della vita adulta imminente e ad assumere i diritti e le responsabilità di cittadinanza.
Dando ai lettori un tale quadro di riferimento, si aiutano anche a trovare modelli di riferimento, per dare un valore al mondo in cui vivono, per sviluppare una filosofia personale di essere, per determinare ciò che è giusto e, allo stesso modo, ciò che è sbagliato, a coltivare una sensibilità personale. Per diventare, in altre parole, una persona civile.
In Italia, la letteratura dei giovani adulti è celebrata, oltre dal tradizione Premio Andersen, dal Premio Letteratura Ragazzi, dal Premio Mare di Libri, dal Premio Giovanni Arpino e dal Premio Strega Ragazzi e Ragazze.

Il valore della letteratura dei giovani adulti

La letteratura contemporanea: cosa cambia?

kafka1-300x225Nei primi anni del XX secolo, l’idea che Dio era morto, un concetto per primo introdotto nella cultura generale, fu causa di angoscia e di un grande senso di perdita. Scrittori e artisti, e la gente in generale, cominciarono a mettere in discussione il senso stesso della vita, arrivando alla conclusione che, se non c’è Dio, la vita è intrinsecamente senza senso. L’obiettivo “verità” non esiste; tutto quello su cui dobbiamo fare affidamento è la nostra prospettiva – la nostra personale verità – poiché ciò è tutto quello che possiamo vedere.

La maggior parte della letteratura scritta prima della Seconda guerra mondiale (in particolare La terra desolata di TS Eliot e Il Grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald) ha affrontato il tema di come le persone potessero continuare a vivere con queste consapevolezze.

Alla fine della Seconda guerra mondiale, però, queste idee erano state culturalmente (anche se non necessariamente singolarmente) assimilate. Dopo le atrocità della guerra, non è stato così difficile accettare l’idea che non vi era alcun Dio benevolo che vegliasse su ogni piccolo passero, che nessuna vita fosse gettata via. Anche nel mezzo di una grande gioia e sollievo che la guerra fosse finita, l’atteggiamento predominante fu la disillusione: “Va bene così, Dio è morto e la vita non ha senso, che si fa adesso?”

All’indomani di una guerra le cui azioni e risultati sono stati quasi incomprensibili, gli scrittori si sono trovati con nuovi dilemmi: il mondo prima della guerra non c’era più, e un intero nuovo mondo aveva preso il suo posto. Gli scrittori del dopoguerra non si interessarono al significato della perdita di Dio, ma al modo di far fronte a un mondo in cui l’unica costante era stato il cambiamento. E come la vita cambiava sempre di più e sempre più rapidamente, la letteratura cambiava con essa.

La letteratura contemporanea è difficile da caratterizzare perché riflette la vita e la cultura contemporanee, che sono in rapida evoluzione e piene di contraddizioni. Ma ci sono alcune tendenze che spiccano. Queste sono generalizzazioni, ci sono anche delle eccezioni.

In primo luogo, la letteratura contemporanea non è più “innocente”, ma ironica. Riflette le nostre delusioni politica, sociale e personale, e non crede più che si possa creare qualcosa di nuovo. Essa può rilanciare il vecchio stile in una nuova forma.

Alcuni autori (anche se non tutti) ritengono che l’innovazione non sia più possibile. Ci sono solo tante idee e combinazioni di idee, e tutto è stato utilizzato. Tutto ciò che è rimasto è la capacità di imitare, in un modo più fresco possibile, ciò che il passato ci ha lasciato. Un numero crescente di romanzi e opere teatrali sono ambientate nel passato, ma i loro eventi sono visti con cinismo contemporaneo.

Una seconda tendenza nella letteratura contemporanea è un nuovo cinismo che caratterizza il ruolo dell’arte e della stessa letteratura. Per le generazioni precedenti, la letteratura e le altre arti erano destinate dai loro creatori a essere “antigovernative” – cioè ripudiare e sovvertire i valori e le tradizioni stabilite. In altre parole, l’arte si distingueva dalla società, vedeva le masse come persone che avevano bisogno di essere illuminate, ma che erano state così legate alla tradizione e all’apatia che probabilmente non era facile svelarle. Molti scrittori e artisti contemporanei sono ancora così, ma la linea di demarcazione tra cultura “Alta” e “Bassa” è difficile da distinguere, dal momento che i mass media cooptano arte e immagini molto velocemente, e dal momento che scrittori “seri” non si limitano a scrivere romanzi “letterari”, ma spesso usano il corollario del cinema di serie B, circondando i personaggi dei loro romanzi con l’armamentario della cultura del consumo. Alto e Basso coincidono e l’amoralità, svuotata dei valori, della cultura mediatica diviene ben lungi dall’essere prerogativa di un piccolo gruppo di pensatori d’avanguardia; anche il cinismo banale di tutta la cultura commerciale entra nella scrittura dei “pensatori”, degli illustri scrittori finora annoverati nell’elite letteraria.

Facciamo una precisazione sui generi: quello “letterario” è quasi sempre guidato dal personaggio (si basa sui protagonisti per raccontare la storia) piuttosto che guidato dalla trama. Il genere letterario è un modo di descrivere la fascia alta della scrittura, cioè quella scritta dai “letterati”. La prosa tende a essere arcaica o eccessivamente elaborata o una combinazione tra le due. Tuttavia, le storie letterarie possono essere una gioia da leggere. Possono essere squisite, poetiche, potentemente descrittive, affascinanti e seducenti nel loro insieme.
Il romanzo commerciale è per lo più dettato dalla trama e si concentra sui moderni dilemmi giornalieri. Esso è di solito ricco di azione e cerca di proporre una scrittura che sia leggibile per quasi tutti. Questo tipo di romanzo include molti generi come il thriller, il noir, il mistero, la fantascienza, l’avventura, il romanzo rosa e così via. I romanzi commerciali si basano su quante vendite essi possono generare. Il risultato è che vendono molto di più dei romanzi letterari.
Una cosa è però importante, a prescindere dal genere. La buona narrativa è buona narrativa, indipendentemente dal genere.

Ogni storia, ben congegnata, che conquista il lettore, lo intrattiene e gli fa credere nella storia non ha né un vantaggio né uno svantaggio. La narrativa commerciale ha un enorme seguito rispetto alla letteraria semplicemente perché gli editori sono pronti a investire denaro nei romanzi commerciali e non altrettanto. Questo spiega perché la piccola e media editoria sembra generare maggiore qualità letteraria, non dovendo rincorrere necessariamente un grande margine di profitto.

La letteratura contemporanea accetta come dato l’idea, tramandata da XX secolo, che tutto quello che sappiamo dipende dal nostro punto di vista. Io vedo le cose in un modo, e tu le vedi un’altra. Così, dal momento che non c’è nessun osservatore veramente oggettivo, non esiste una cosa definita come la “Verità”. Ci sono solo la mia verità e la tua verità, e quelli in grado di cambiarla in qualsiasi momento con l’aggiunta di più fatti.

Ma la letteratura contemporanea prende questa idea un passo avanti o due, rimettendo in questione gli stessi fatti, e sostenendo che i “fatti” sono inaffidabili, influenzati dalla cultura, dalla prospettiva storica, dai giochi linguistici, e da altri fatti non ancora scoperti o deliberatamente omessi. Così, come la letteratura contemporanea sostiene, due “verità” contraddittorie possono (e spesso lo fanno) coesistere.

A causa di questa capacità di comprendere le contraddizioni, la letteratura contemporanea, come la società contemporanea, a volte sembra schizofrenica. Anche se mette in discussione e denigra l’uso e il valore del linguaggio, essa usa con cura e precisione lo stesso linguaggio per illustrare le proprie idee. Anche come essa documenta frammentazione e disintegrazione, al tempo stesso ridisegna tutti i frammenti in un insieme coerente.

Salman Rushdie ha scritto che “La letteratura è dove si va a esplorare i posti più alti e quelli più bassi della società umana e dello spirito umano, dove si spera di trovare non la verità assoluta, ma la verità del racconto, della fantasia e del cuore.”
Proprio mentre si celebra la diversità umana e ci si lamenta dell’alienazione umana, la letteratura rivela l’universalità del carattere umano e l’emozione.

La letteratura contemporanea: cosa cambia?

Il brutto e il bello di leggere Ian Fleming

spectre-spot-tv-locandina-finale-italiana-e-nuovi-poster-internazionali-4Il problema con i brutti libri è quello di trovare, come Friedrich Nietzsche consigliava, degni nemici. Il libro malfatto deve essere interessante, altrimenti non se ne parlerebbe. Una forte languidezza è un’opzione, come Il Piccolo Principe (1943) o La strada di Cormac McCarthy (2006), ma l’opera fatta in serie è forse la peggiore. Se ne può parlare ogni volta di nuovo, anche se nessuno ne vorrebbe parlare. In realtà, questo è il fascino dell’opera scritta in serie. I romanzi di Ian Fleming sono costituiti interamente di luoghi comuni. Il comandante James Bond è un signor Nessuno, un super doppio zero (“una figura neutrale”, come Fleming lo definisce) che vive come se dovesse pubblicizzare un orologio, come se fosse costantemente in una rivista di moda. È un “agente segreto” che non dice a nessuno il suo nome. Essendo un agente, non può agire per se stesso, può andare ovunque, non ha una casa e vive come nella terra di nessuno dove ogni lato ha un altro lato, ma c’è anche un terzo lato che può essere il secondo lato di uno dei due lati, in modo che i lati opposti spesso si trovano sullo stesso lato.

ian_fleming_by_paulbaack-d5w33qdPer questo motivo, Fleming ha sostituito il sovietico e famigerato SMERSH con l’organizzazione criminale SPECTRE in molti dei suoi romanzi. SPECTRE sta al romanzo e al cinema come la moltiplicazione dei pani e dei pesci, può animare la ripetibilità di Bond, mentre questi genera il suo individualismo e l’invulnerabilità. La serie non può continuare se il nemico, una volta vinto, si trova semplicemente dall’altra parte. Bond è insostituibile perché è doppio, uno che “vive due volte”, che “non dice mai”, per il quale “il mondo non è abbastanza.”

Le spy story di Ian Fleming impegnano l’immaginazione del pubblico, al contrario dei libri di scrittori di grande successo come Eric Ambler e John Le Carré. Ambler e Le Carré fanno l’errore di scrivere thriller molto particolari e interessanti per lettori che amano il brivido; Fleming ha avuto il buon senso di attenersi prediligendo i “deboli di cuore”, banalizzando l’azione e il risvolto deduttivo alla ricerca del colpevole. Tutto appare chiaro fin dall’inizio, perché da 007 non ci si aspettano sorprese. I film in cui i sagaci attori Sean Connery, Roger Moore e attualmente Daniel Craig hanno reso i romanzi di Ian Fleming dei bestseller. Non dimentichiamo che il suo primo romanzo, Casino Royale, ebbe scarso successo commerciale e pessime recensioni critiche, prima che approdasse, nel 1962, nelle sale cinematografiche il primo film ufficiale di James Bond, Agente 007 – Licenza di uccidere,

La cosa grandiosa di questo apprezzamento della cattiveria fine a se stessa è che ribadisce la sovranità dell’individuo di fronte alle enormi forze impersonali che lo minacciano oggi (a differenza dei giorni di Gengis Khan, la costruzione delle Piramidi, o la Morte Nera, quando l’uomo comune poteva sentirsi schiavo in un modo significativo piuttosto personale).

Il punto è che il buon intrattenimento espone l’individuo. Ammettendo, esplicitamente o implicitamente, che si ama qualcosa, e si pensa che sia buono, uno stabilisce i propri gusti alle critiche e al possibile ridicolo. Uno rivela se stesso. Si può scoprire che i propri gusti sono condivisi da persone con le quali ci sentiamo socialmente o intellettualmente imbarazzati.

Con una brutta e mediocre storia si può godere di un rapporto molto più rilassato – un rapporto in cui si ha il sopravvento. Fleming ne è il testimone. Invece di stare lì come un campagnolo a bocca aperta, dolorosamente ansioso di sapere quali deduzioni trarre da storie complesse, con i lavori di Fleming e il signor Nessuno 007, si può rimanere sempre sereni. Si resta invulnerabili, come un uomo che ha il buon senso di non innamorarsi. Nessuno si innamora di un romanzo di Ian Fleming.  Siamo lì ad aspettare da 007 tutto ciò che abbiamo già immaginato. Il romanzo o il film c’erano già nella nostra testa prima ancora di leggerlo o vederlo. Fleming ha scritto per noi dei mediocri ma indiscutibili romanzi rilassanti. Che viva in eterno nessuno lo sa. Nessuno lo sa meglio del signor Nessuno.

 

 

Il brutto e il bello di leggere Ian Fleming

libri mon amour

je-t-aime-mon-amour-sourceQuante volte abbiamo pronunciato “mon amour” al nostro partner appropriandoci di una delle più apprezzate citazioni francesi? Mon amour, mon amour, mon amour suona una delizia per le nostre orecchie. Come dimenticare la forza della poesia del Prevért, il ribelle romantico i cui versi piegano le labbra come il respiro all’amore, al palpitare del cuore.

Pour toi mon amour (Per te amore mio) di Jacques Prévert

Sono andato al mercato degli uccelli
E ho comprato degli uccelli
Per te
mon amour

Sono andato al mercato dei fiori
E ho comprato dei fiori
Per te
mon amour

Sono andato al mercato della ferraglia
E ho comprato delle catene
Pesanti catene
Per te
mon amour

E poi sono andato al mercato degli schiavi
E ti ho cercata
Ma non ti ho trovata
mon amour.

Anche la letteratura ha abbondantemente intonato le note di due semplici parole per titolare saggi, romanzi, film. Vi riporto quindici tra i più conosciuti libri nei cui titoli compaiono le magiche parole “sussurrate” mon amour, amore mio.

Hiroshima Mon Amour di Marguerite Duras

Una delle opere più influenti nella storia del cinema, Hiroshima Mon Amour di Alain Renais, scritta da Marguerite Duras, ha raccolto riconoscimenti internazionali alla sua uscita nel 1959 ed ha vinto il Premio al Festival di Cannes e il New York Film Critics. Apparentemente è la storia d’amore tra un architetto giapponese e un’attrice francese in visita in Giappone per fare un film sulla pace. Hiroshima Mon Amour è una splendida esplorazione della influenza della guerra sia nella cultura giapponese sia in quella francese e rappresenta il conflitto tra l’amore e l’umanità.

Marilyn Mon Amour di Andre de Dienes

Nel 1945, il fotografo Andre de Dienes trovò tra le agenzie di modelle di Los Angeles una giovane donna per la posa in ritratti artistici. Fu selezionata una ragazza di nome Norma Jean Baker. Affascinata dalla sua fresca, accattivante innocenza, de Dienes fotografa Marilyn Monroe in un’ampia varietà di stati d’animo. Questo è l’album privato di Andre de Dienes che celebra una Marilyn mai vista prima.

Fraktur Mon Amour di Judith Schalansky

Quando è stata l’ultima volta che un libro sui caratteri tipografici vi ha sorpreso? Rifatevi gli occhi con le lettere d’amore a base di Berlin Fraktur con le font Blackletter. Le Blackletter, note anche Fraktur o font di tipo gotico, erano comunemente usate in tutta Europa nel Medioevo. Verso la fine del Rinascimento furono sostituite dal carattere latino Antiqua. L’uso del tipo Blackletter è diventato un tabù in Germania dopo la Seconda guerra mondiale perché è stato erroneamente associato ai nazisti, che in realtà vietarono il suo uso nel 1941 perché credettero che fosse un’invenzione ebraica. Aziende come Nike, Reebok, e Coca-Cola oggi usano il Fraktur nelle loro pubblicità. Si decorano manifesti, copertine degli album, e anche la pelle in forma di tatuaggi.
Fraktur Mon Amour riproduce 300 varianti di font Blackletter, che vanno dai caratteri storici alle reinvenzioni contemporanee, in un sensuale, bello e caldo catalogo di colore rosa shocking che è destinato a diventare un feticcio per i progettisti e gli appassionati del genere. Ogni carattere Blackletter è presentato su una pagina intera con il relativo alfabeto completo, data di origine, il nome del suo progettista, e la fonderia di originale. Nella pagina a fianco è stata creata una composizione dalla font che esplora la bellezza sovversiva di questo carattere unico.

Paris Mon Amour di Jean-Claude Gautrand

Parigi è stata una fonte di ispirazione per innumerevoli artisti e scrittori nel corso dei secoli. Ma non meno importante è la costante musa di una relativamente giovane arte: la fotografia. Fin dai primi giorni del dagherrotipo fino ai nostri tempi, fotografi di fama come Joseph Nicéphore Niépce, Henri Cartier-Bresson, Robert Doisneau e Jeanloup Sieff hanno vissuto e lavorato nella città delle luci. Nel corso degli anni si è sviluppata una storia d’amore tra Parigi e la fotografia, dando vita a un record straordinario della metropoli raccontata dalla nuova forma d’arte. Il libro accompagna il lettore in numerose passeggiate, macchina fotografica in mano, per le strade di Parigi. Atmosferici bianco-nero scattati da grandi fotografi, per più di un secolo, rivelano la drammatica e la tranquillità, lo storico e il quotidiano – in parchi e giardini della capitale, viali e vicoli, passaggi e porticati, bistrot e locali notturni.

New York Mon Amour di Jacques Tardi

Molti anni fa, Jacques Tardi è stato introdotto al pubblico americano con “Manhattan”, una storia triste e sporca di depressione, la follia e il suicidio di New York la cui apparizione nel primo numero di RAW magazine è stato determinante nella definizione sia della rivista sia del virtuosismo estetico e la sensibilità noir dell’artista. Tre decenni più tardi, New York Mon Amour raccoglie “Manhattan” e altre tre storie della Grande Mela – resi da Tardi con altrettanto brio in un volume spettacolare.
Oltre a “Manhattan”, il fulcro del libro è la graphic novel “Cockroach Killer”, scritta da Benjamin Legrand. Questo violento e surreale thriller ha come protagonista uno sfortunato sterminatore di nome Walter. Tardi dispone di un bicolore bianco e rosso, una tecnica sorprendente e unica che segna una delle più sorprendenti opere del cartoonist. New York Mon Amour è completata da due racconti scritti da Dominique Grange: “È così difficile” (interpretato da John Lennon) e “The Killing di Hung” (una storia di vendetta e redenzione).

India mon amour di Dominique Lapierre

Nei primi anni Settanta Dominique Lapierre, con Larry Collins, arriva a Nuova Delhi per scrivere la straordinaria storia dell’indipendenza dell’India dall’impero britannico. È l’inizio di una prodigiosa storia d’amore. Al volante di una vecchia Rolls-Royce Silver Cloud – la macchina dei maharaja percorre in sei mesi più di ventimila chilometri. Raccoglie testimonianze e documenti unici, vive avventure rocambolesche, conosce e riesce persino a intervistare gli assassini del Mahatma Gandhi. Ne nascerà “Stanotte la libertà”, racconto epico sulla lotta per l’indipendenza indiana. Dopo il primo viaggio, Lapierre ritornerà in India incessantemente, impegnandosi in programmi concreti contro le condizioni di estrema povertà. Incontra madre Teresa di Calcutta; collabora con James Stevens, fondatore del centro Udayan, grazie al quale migliaia di figli di lebbrosi vengono strappati dalla miseria e dalla malattia. L’intervento di Lapierre si rivelerà decisivo per la sopravvivenza e il rilancio di questa istituzione. Seguiranno gli anni vissuti tra i diseredati delle bidonville di Pilkhana, a fianco dell’infermiere svizzero Gaston Grandjean. Anni di grande slancio e di immersione nella sofferenza e nella privazione da cui vedranno la luce un libro e un film celeberrimi: “La Città della gioia”. Ripetuti viaggi nei misteri del paese-continente, la vitalità e il fascino dell’umanità incontrata si condensano in “India mon amour”.

Mon amour di Jean André

Lo scopo del libro è quello di raccogliere le tante facce della femminilità e diventa un tributo al genere femminile. Con l’acume di un graphic designer e la passione di un regista erotico degli anni ‘70, Jean André gestisce le sue donne con curiosità, riverenza e intuizione.

Aberystwyth Mon Amour di Malcolm Pryce

Un divertente romanzo dalle tinte noir che si svolge ad Aberystwyth in Scozia, dove alcuni studenti stanno scomparendo e nessuno sa perché. Louise Knight, investigatore privato della città, cercherà di scoprire che cosa sta accadendo a questi ragazzi e se Lovespoon è molto più di un prepotente. E chi era Gwenno Guevara?

Italia mon amour di Vladimir Lorchenkov

Il romanzo descrive un piccolo villaggio moldavo che va in preda a una mania collettiva: raggiungere l’Italia, il paese dove per tutti c’è la possibilità di un lavoro ben pagato e di un futuro felice. Gli abitanti del villaggio inseguono il loro sogno di benessere con qualunque mezzo: trattori volanti, crociate di massa, sommergibili a pedali, vendita di organi, camuffamenti collettivi… L’ossessione per un’Italia idealizzata (e purtroppo inesistente), via di fuga dalle disgustose condizioni di vita moldave, contagia tutta la nazione, dal contadino più povero fino alla massima autorità politica del paese, il presidente della giovane Repubblica, che sogna di aprire una pizzeria in una cittadina del nord Italia. Il romanzo ride e riflette sul sogno e la fuga, sui disagi e i desideri, e tanto più farà riflettere noi italiani, anche se i veri protagonisti sono i moldavi. La trama si frantuma in tante piccole storie di sopravvivenza quotidiana e di tentata emigrazione.

Grandville Mon Amour di Bryan Talbot

L’avventura dell’ispettore LeBrock è descritta in questa graphic novel che scaturisce dalle visioni di Bryan Talbot. All’inseguimento di Mad Dog, ribelle sanguinario, LeBrock si ritrova di nuovo a Grandville, a indagare su una catena di omicidi compiuti nell’ambiente della prostitute d’alto bordo. Intrighi, suspence e colpi di scena condurranno alla sorprendente conclusione. Perché la realtà, come la fantasia, non è mai ciò che sembra…

Baghdad Mon Amour di Salah Al Hamdani

Dalla sua prigionia nel famigerato carcere fortezza di Saddam Hussein “Abu Ghraib” al suo esilio in Francia, la vita e la poesia di Salah Al Hamdani registrano una sfida costante alla tirannia e alla dittatura, alla guerra e all’imperialismo.

Sarajevo, mon amour di Jovan Divjak

La guerra, le figure fosche di Milosevic, Karadzic e Mladic, ma anche le contraddizioni e i voltafaccia della componente musulmana durante la guerra e i nazionalismi sorti dalla devastazione bellica sono rivelati e spiegati in un libro carico di pathos destinato a finire tra i grandi volumi di storia.
In questo libro, il militare serbo che difese Sarajevo, che ha “adottato” un nipote musulmano e ha fondato la più grande associazione nazionale per aiutare gli orfani di guerra, racconta le bombe, le tribolazioni dei civili, i doppi giochi dei politici bosniaci e della comunità internazionale, la miseria e il desiderio di una pace che in Bosnia non è ancora davvero arrivata.

Ombre de mon amour di Guillaume Apollinaire

Apollinaire incontra una giovane donna di nome Louise de Coligny-Châtillon, soprannominata Lou. La contessa è divorziata e ha una vita libera. Il poeta vivrà un paio di giorni di selvagge passioni. Siamo appena prima della guerra 1914/18. Apollinaire trasmette poesie di fuoco a Lou ma presto la bella proverà disinteresse per lui, essendo innamorata di un altro uomo. Pochi mesi dopo Apollinaire morirà a Parigi di influenza spagnola.

Siria mon amour di Amani El Nasif, Cristina Obber

Amani è nata in Siria ma è cresciuta in Italia. Quando compie sedici anni, con una scusa, la madre la porta nel suo paese di origine per qualche giorno. Dopo i primi entusiasmi per un mondo diverso e affascinante, ricco di profumi e sapori nuovi, Amani scopre di essere stata in realtà fidanzata a un cugino, mai conosciuto e mai amato. Le dicono che in Italia non tornerà più. Amani si ribella a quel fidanzamento e a quell’uomo, pagando un prezzo molto alto, in una realtà dura e violenta dove le donne non sono che oggetti sotto la tutela dei maschi. Lontana dalle sue amiche e da Andrea, il suo ragazzo, Amani resisterà e lotterà fino a riprendersi la sua vita.

New Orleans, Mon Amour di Andrei Codrescu

Un rifugiato nato in Transilvania trova la sua casa a New Orleans, un luogo in cui i vampiri si aggirano per le strade e le regine voodoo vivono dietro l’angolo; dove i cimiteri sono i punti di picnic più popolari, i fantasmi dei poeti, le prostitute e i pirati sono palpabili, e nel quartiere francese, nessuno ha mai posto. I saggi di Codrescu sono stati chiamati “gemme satiriche”, “sovversivi”, “sardonici e sorprendenti”, divertenti, “gonzi”, argutamente struggenti e perversi. Qui è uno scrittore che rispecchia perfettamente il selvaggio, il voluttuoso carattere bohemien di New Orleans in sé.

 

libri mon amour

Si può giudicare un libro dalla copertina?

copertine-libriCharles Dickens, parlando della copertina di un libro, disse che ci sono libri le cui copertine sono di gran lunga le parti migliori. È bene giudicare un libro dalla copertina? Perché le persone dovrebbero consigliare un libro solo dalla sua copertina? È chiaro che non si deve giudicare il valore di qualcosa basandosi esclusivamente sulle apparenze.

Nella vita in generale, questo è un buon consiglio. Le apparenze possono ingannare. Prima di poter dare un giudizio sul valore di qualcosa o se ne vale la pena, è necessario prendere il tempo necessario per indagare più a fondo. Prendetevi il tempo di uno sguardo più attento. Potreste essere sorpresi da ciò che si trova.

Alcuni pensano che le copertine dei libri possano identificare un genere. Si presuppone che un thriller, correlato di copertine colorate, sia emozionante. Allo stesso modo, libri con coperture noiose si rivelino meravigliosi. Ciò non corrisponde al vero molte volte: non si può necessariamente giudicare un libro dalla sua copertina. Se vedete un libro la cui copertina vi intriga, date un’occhiata più approfondita. Forse saprà rivelarsi uno dei vostri preferiti o potrebbe essere un vero disastro, non appena abbiate superato lo “scoglio” di una copertina stupefacente!

Un editore olandese, De Arbeiderspers / AW Bruna Uitgevers, in collaborazione con lo studio di ricerca Neurensics, ha esaminato quali aree del cervello sono attivate per costringere il consumatore ad acquistare un libro. Ai soggetti sono stati mostrati libri di tre generi – commerciale, thriller e letterario, mentre si trovavano nello scanner di una risonanza magnetica. I soggetti sono stati autorizzati a portare a casa un libro di ciascun genere dopo aver completato lo studio. Confrontando i dati di scansione del cervello ottenuti quando i soggetti vedevano le copertine del libro con i “dati di vendita”, cioè di preferenza, i ricercatori sono stati in grado di mappare il collegamento tra l’attività del cervello e il comportamento d’acquisto.

cervelloI risultati sono stati sorprendenti. Le regioni più importanti che innescano il comportamento di acquisto differiscono per ciascuno dei generi studiati, e questi sono stati mappati. Lo studio ha esaminato anche cinque elementi di una copertina di un libro che può influenzare le vendite, come una fotografia anziché un’illustrazione o un titolo collocato in alto anziché in basso. Anche in questo caso gli elementi possono avere effetti differenti basati sul genere letterario.

Questi risultati sono unici nel settore editoriale perché offrono un approfondimento significativo di come e perché i consumatori acquistano i libri. L’influenza di una copertina sulla vendita finale è grande; spesso è l’unico strumento di marketing che aumenta le vendite. Una ricerca sul cervello commissionata dal Gruppo Telegraph Media ha chiarito che anche il marchio offre un valore eccezionale. Anche prima che il consumatore sappia che libro sta per comprare, il cervello ha già fatto la sua scelta. Gli studiosi di Neurensics sono stati in grado di avvalorare questo dato con oltre l’80% di sicurezza.

Un paio di librerie di New York ha fatto degli esperimenti con i propri lettori. Una ha mostrato tutti i libri del genere thriller esibendo sui banchi e sugli scaffali solo la quarta di copertina, cioè il retro del libro. Un altro libraio è stato più audace: ha impacchettato i libri, impedendo ai clienti la visione della copertina, aggiungendo a penna sull’involucro il titolo e alcune righe della trama.

libri coperti

Questa scelta ha lo scopo di “costringere” il lettore a decidere l’acquisto solo sulla base delle proprie percezioni sensoriali, evitando di lasciarsi influenzare dal marchio (un chiaro vantaggio per i grandi gruppi editoriali), dalla visione della copertina (il senso della vista è annullato, dunque il cervello decide la bontà o meno di un libro solo sulla base degli stimoli derivati dall’analisi della trama).

Si può giudicare un libro dalla copertina?