E’ questo il futuro della punteggiatura!?

2044877658La punteggiatura suscita forti sentimenti. La gente si interessa alla punteggiatura non solo perché chiarisce il significato, ma anche perché il suo disuso sembra riflettere un più ampio declino sociale. Mentre le grandi battaglie sociali sembrano non trattabili, le piccole battaglie per l’uso di un apostrofo o di un punto e virgola appaiono come già perse.

Eppure, lo stato di questo e di altri amati segni è stato a lungo precario. La storia della punteggiatura è un viavai.

Non tutti i primi manoscritti avevano la punteggiatura, e quelli del periodo medievale suggeriscono un’innovazione casuale, con più di trenta segni di punteggiatura diversi. Il repertorio moderno della punteggiatura è emerso dai manoscritti stampati nei secoli XV e XVI che si sono sforzati di limitare questo miscellanea.

Molti segni di punteggiatura sono meno venerabili di quanto si possa immaginare. Le parentesi sono state utilizzate nel 1500, essendo state usate dagli scrittori inglesi e pubblicate in libri italiani. Le virgole non sono state impiegate fino al XVI secolo; in primi libri stampati in inglese si vede una barra (un’asta del tipo /), che è sostituita dalla virgola intorno al 1520.

Altri segni di punteggiatura hanno avuto più breve successo. Fu utilizzato un segno goffo che serviva a indicare un rinvio, noto come piede di mosca (¶); inizialmente era una C con una barra disegnata attraverso di esso. Simile nel suo effetto è stato uno dei più antichi simboli di punteggiatura, una foglia di edera orizzontale chiamata edera. Appare nei manoscritti dell’VIII secolo, e separa il testo dal commento, e dopo un periodo di moda ha fatto un inaspettato ritorno nei primi libri stampati. Poi scomparve del tutto.

Un altro segno, ora sconosciuto, è il punto d’ironie (⸮). Un segno di domanda al contrario comparso in testi stampati del XVI secolo proposto da Henry Denham per segnalare le domande retoriche, e ripreso nel 1899 dal poeta francese Alcanter de Brahm. Più di recente, la difficoltà di rilevare l’ironia e il sarcasmo nelle comunicazioni elettroniche ha spinto gli utenti a utilizzarlo spesso come emoticon per indicare messaggi sarcastici ma le probabilità che faccia ritorno sono flebili.

In realtà, la cultura di Internet in generale favorisce uno stile più informale e più leggero della punteggiatura. È vero, le emoticon sono nate per trasmettere sfumature di umore e di tono. Inoltre, la tipizzazione rende facile amplificare la punteggiatura: scrivere venti punti esclamativi su una sola riga, oppure utilizzare più punti interrogativi per significare l’incredulità esagerata. Ma, nel complesso, la punteggiatura è irrinunciabile.

Come potrebbe evolvere oggi la punteggiatura? La visione distopica è che svanirà. Questo sembrerebbe concepibile, anche se non improbabile. Già adesso possiamo vedere qualche avvisaglia di cambiamento: l’austerità editoriale con virgole, la preferenza redazionale per il punto sopra tutti gli altri segni, e il gusto per la chiarezza visiva.

Anche se non è raro sentire richieste di nuova punteggiatura, i segni proposti tendono a cannibalizzare quelle esistenti. In tale ottica, si può aver incontrato il punto esclarrogativo (‽), l’unione di due diversi simboli, il punto interrogativo e il punto esclamativo, scritti l’uno nell’altro e con il punto in comune, che indica l’intonazione tipica della domanda e della sorpresa.

Tali segni sono sintomi di una crescente tendenza a usare la punteggiatura in chiave retorica piuttosto che grammaticale. Invece di presentare relazioni sintattiche e logiche, la punteggiatura riproduce i modelli di comunicazione orale.

Una manifestazione di questo è l’anticipo della lineetta. Imita la frastagliata urgenza della conversazione, in cui cambiamo direzione bruscamente e con fermezza. Le lineette divennero comuni solo nel XVIII secolo. Il loro appello è visivo, la loro forma drammatica. Questo è quello che uno stile moderno prolisso di scrittura sembra richiedere.

Al contrario, l’uso del punto e virgola sta diminuendo. Anche se i due punti erano comuni fin dal XIV secolo, il punto e virgola era raro nei libri inglesi prima del XVII secolo. Il segno è sempre stato considerato come un utile ibrido — un separatore che è anche un raccordo — ma è un gingillo amato da persone che vogliono dimostrare che sono andati alla giusta scuola.

Più sorprendente è l’eclissi del trattino. Tradizionalmente, è stato utilizzato per collegare due metà di un sostantivo composto e ha suggerito che un nuovo neologismo è in prova. Ma ora il sostantivo è diviso (ex dipendente) o scritto senza trattino (nordovest, superuomo). Può essere che l’ultimo avamposto del trattino sarà in un’emoticon, dove potrebbe svolgere un ruolo di primo piano.

I grafici, che prediligono un’estetica ordinata, odiano i trattini e sono diventati, anche in parte, responsabili della scomparsa dell’apostrofo. Questo piccolo scarabocchio comparve per prima volta in un testo inglese nel 1559. Il suo utilizzo non è mai stato completamente stabile, e oggi la confusione conduce alla sovracompensazione che vediamo in quei segni scritti a mano. L’alternativa non è quella di non utilizzare per niente gli apostrofi — un atto di pragmatismo facilmente scambiato per ignoranza.

I difensori dell’apostrofo insistono che minimizza l’ambiguità, ma ci sono situazioni in cui la sua omissione può portare a reali malintesi.

L’apostrofo è essenzialmente un dispositivo utile per l’occhio, non per l’orecchio. Forse, in futuro, gli apostrofi saranno scomparsi o ridotti a piccoli vezzi di “gioielleria” ortografica.

 

Annunci
E’ questo il futuro della punteggiatura!?

La buona scrittura

Qual è la differenza tra scrivere male e bene?

Quanto è importante per uno scrittore essere in grado di discernere la differenza tra il bene e il male nella scrittura?
Alcuni scrittori non si occupano della qualità. Nel mondo fai-da-te di oggi, la qualità gioca un ruolo di secondo piano rispetto alla quantità. Chi se ne frega se i tuoi libri sono pieni di errori di battitura, grammatica e la trama è povera finché hai pubblicato e hai fatto un po’ di soldi?
Lettori, abbiate cura. Agenti, editori e revisori, abbiate cura. Scrittori, con un mucchio di libri mal scritti e un sistema di commercializzazione stellare, il vostro lavoro non sarà preso sul serio. Non è improbabile che sia possibile rendere grande un libro scrivendo male. Succede, ma non accade spesso. Migliore sarà la scrittura, maggiore sarà le possibilità di garantirsi un pubblico e una carriera.

Le caratteristiche della buona scrittura

Quindi, cos’è che costituisce la buona scrittura? Le opinioni in materia variano notevolmente. Ci saranno diverse caratteristiche che rendono buona la narrativa come buone la poesia o la saggistica. Si può fare un elenco generale delle caratteristiche di buona scrittura (in nessun ordine particolare):
1. Chiarezza e concentrazione: Nella buona scrittura, tutto ha un senso e non si deve costringere i lettori a perdersi o a rileggere i passaggi per capire cosa sta succedendo. Incentrate la scrittura in un’idea centrale senza prendere troppe tangenti.
2. Organizzazione: Un brano di scrittura organizzato è non solo chiaro, ma è anche presentato in un modo che è logico ed esteticamente gradevole. Si possono raccontare storie non lineari o inserire la vostra tesi al termine di un saggio e farla franca finché le scene o le idee sono ben ordinate.
3. Idee e temi: qual è il tema in questione? La vostra storia è completa di temi? Può il lettore visualizzare la tua poesia? Un brano di scrittura è da considerare ben realizzato quando contiene idee e i temi sono chiaramente identificabili.
4. Voce: Questo è ciò che vi distingue da tutti gli altri scrittori. È un modo unico di infilare parole insieme, formulare idee, e le relative scene o immagini da consegnare al lettore. In ogni brano di scrittura, la voce deve essere costante e identificabile.
5. Linguaggio (parola scelta): Gli scrittori non possono mai sottovalutare o non apprezzare gli strumenti più preziosi: le parole. La buona scrittura include scelte di parole precise e accurate e frasi ben realizzate.
6. Grammatica e stile: Molti scrittori sorvolerebbero su questi punti, ma per un brano da considerare buono (per non parlare di grande), si deve seguire le regole della grammatica (e rompere queste regole solo quando c’è una buona ragione). Lo stile è anche importante per garantire che un brano sia chiaro e coerente. Assicurarsi di avere un libro di grammatica e una guida di stile a portata di mano.
7. Credibilità: Nulla dice che una cattiva scrittura è ottenuta da fatti sbagliati o travisati. Nella narrativa, la storia deve essere credibile (anche se è impossibile), e in saggistica, un’accurata ricerca può creare o distruggere uno scrittore.
8. Stimolante ed emotivamente stuzzicante: Forse la più importante qualità della buona scrittura è come il lettore risponde a essa. La lettura dà una prospettiva fresca e nuove idee? Il lettore chiude l’ultima pagina del libro con le lacrime agli occhi o un senso di vittoria? Ciò che determinerà il vostro successo come scrittore è come i lettori reagiscono al vostro lavoro.
Una menzione d’onore va all’originalità. Tutto è stato fatto prima, così l’originalità è un po’ arbitraria. Tuttavia, mettere insieme vecchie idee in modi nuovi e creare un remix delle migliori è un’abilità che vale la pena di sviluppare.
Perché avete bisogno di conoscere la differenza tra buona e cattiva scrittura
Per scrivere bene, uno scrittore deve essere in grado di riconoscere la qualità in un brano di scrittura. Come si può valutare o migliorare il proprio lavoro se non si può riconoscere la differenza tra scrivere mediocre e buona nel lavoro altrui?
Scrivere è anche una forma d’arte e quindi è soggetta al gusto personale. Si può leggere un libro e averlo in antipatia, ma riconoscere che la scrittura era buona. Avete mai letto un libro e amato la storia, ma sentire che la scrittura era debole?
Uno scrittore dovrebbe essere in grado di articolare perché un brano di scrittura può avere esito positivo o negativo, e uno scrittore dovrebbe anche essere in grado di riconoscere le qualità in un brano anche quando non è di proprio gusto. Queste abilità sono particolarmente necessarie quando gli scrittori stanno rivedendo o criticando il lavoro di altri scrittori e durante la revisione, l’editing, la correzione di bozze e il proprio lavoro.

La buona scrittura