Leggere i classici fa bene: undici ragioni valide

guerra

Non è vero che leggere i libri classici sia faticoso. C’è qualcosa nell’anima umana che ci fa desiderare di castigare noi stessi per non aver letto gli autori classici?

In un sondaggio fatto in Gran Bretagna, è emerso che solo il 4% dei britannici ha letto Guerra e pace di Lev Tolstoj, anche se il 14% avrebbe voluto leggerlo; il 3% ha letto I miserabili di Victor Hugo, ma il 10% vorrebbe leggerlo; e solo il 7% ha letto il capolavoro della letteratura americana Moby Dick, mentre l’8% l’avrebbe letto volentieri.

Il sondaggio di 1.664 adulti britannici aveva lo scopo di scoprire quali romanzi classici del XIX secolo gli inglesi avrebbero voluto leggere se avessero avuto il tempo e la pazienza di farlo. Oliver Twist era il classico più popolare nella lista, letto dal 21% degli intervistati, con Orgoglio e Pregiudizio e Piccole donne alla pari: 15% dei lettori.

Tuttavia, affermare che sia necessario avere pazienza per leggere questi libri svilisce sia i romanzi classici sia gli stessi lettori che, a quanto pare, non sono mentalmente in grado di leggerli… Il primo pensiero che sorge di fronte a un romanzo classico è quello di smettere di agire come se un libro sia una montagna. La lettura non solo è una necessità dello spirito ma soprattutto un divertimento da svolgere nel tempo libero.

1315

Elenchiamo undici ragioni che dovrebbero favorire la lettura dei classici:

  1. Potrete aumentare il vostro vocabolario. Vale la pena familiarizzare con le parole che riflettono immediatamente la vostra intelligenza. La lettura dei classici greci e latini, in particolare, svilupperà la vostra banca dati personale sulle parole, dal momento che molte parole italiane hanno radici in queste due lingue. L’italiano deriva dal greco e latino.
  2. Potrete migliorare le vostre abilità sociali. La lettura dei classici, in contrasto con la narrativa commerciale e anche la saggistica, porta ad una migliore percezione sociale e aumenta l’intelligenza emotiva. I romanzi sono incentrati su personaggi che possono rafforzare la vostra etica personale. Basta che sia chiara la distinzione tra i buoni e i cattivi .
  3. Saprete di leggere qualcosa di valore. I classici, e i loro temi tipicamente universali, hanno resistito alla prova del tempo; questi sono i libri in cui troviamo ancora personaggi, esperienze, emozioni, e prospettive attuali. Spesso un classico individuo è un’opera iconica all’interno di un movimento letterario o nel periodo in cui è stato scritto il libro. I classici abbracciano tutti i principali generi letterari, dal fantasy alla fantascienza, al romanticismo e anche la letteratura per bambini e ragazzi.
  4. Avrete molti più riferimenti letterari. Sarete un’enciclopedia dei principali riferimenti culturali, citando la fonte originale.
  5. Sarà possibile “premiare” voi stessi con la versione cinematografica quando hai terminato la lettura. Quasi ogni classico è stata adattato in un film. Alcune versioni cinematografiche dei classici hanno ottenuto ottime recensioni, per cui sarà stimolante valutarne le differenze con il libro.
  6. I classici offrono l’opportunità di comprendere la storia e la cultura in un determinato contesto. Gli unici sostituti per una esperienza che non abbiamo mai vissuto sono l’arte e la letteratura. Esse possiedono una meravigliosa capacità: al di là delle distinzioni di lingua, costume, struttura sociale, possono trasmettere l’esperienza di vita di una intera nazione all’altra… La letteratura trasmette un’inconfutabile esperienza condensata… di generazione in generazione. Così diventa la memoria vivente della nazione. Le grandi opere della letteratura segnano ogni periodo della storia moderna e offrono una prospettiva più accessibile su eventi storici e filosofie della maggior parte dei libri di testo.
  1. I classici sapranno arricchirvi in modo inaspettato. In una scuola media americana, si è ha scoperto che gli studenti più svantaggiati, legati a storie di disagio, perdita, si ritrovano nei romanzi classici. La lettura dei classici può anche essere una forma di terapia: uno studio dell’Università di Liverpool ha dimostrato che il linguaggio poetico, in particolare, stimola la parte del cervello legata alla “memoria autobiografica” e all’emozione. Questo tipo di attività cerebrale porta i lettori a riflettere sulle proprie esperienze in risposta a ciò che hanno letto. Questi libri ci aiutano a una comprensione più profonda della nostra esperienza di vita.
  2. I classici sfidano il cervello… in senso buono. Le funzioni linguistiche utilizzate da diversi autori classici hanno dimostrato di stimolare il cervello; per esempio, la completa lettura di Jane Austen è associata a un livello di complessità cognitiva che coinvolge la soluzione di un difficile problema di matematica. Nell’era televisiva delle fiction, potremmo aver bisogno di un materiale d’intrattenimento più stimolante. I classici sono disponibili a prezzi economici e anche gratuitamente presso qualunque biblioteca comunale, o si trovano integralmente su Internet.
  3. La conoscenza è potere. L’IQ (quoziente intellettivo) è il miglior predittore per le prestazioni di lavoro, livello di istruzione, reddito, salute, e la longevità e la lettura sono ancora considerate il modo migliore per migliorare l’intelligenza. Dunque, perché non leggere i classici? Studiando le opere delle più grandi menti della letteratura della storia umana, si costruisce la nostra conoscenza del mondo e impariamo a pensare per noi stessi.
  4. La letteratura, insieme a (forse) tutte le forme d’arte, è un retaggio distintamente umano. Si tratta, per definizione, di un’esplorazione della nostra stessa umanità, uno dei nostri più importanti strumenti di comunicazione, è una forza che riflette la nostra cultura. La parola scritta è un dono che abbiamo dato a noi stessi, e che non dovremmo dare per scontato.
  5. Iniziare la lettura dei classici fin da bambini. Ci sono molti libri per l’infanzia e per i ragazzi ma anche la lettura di racconti o romanzi adattati specificatamente per favorire la lettura ai più piccoli può abituare i bambini a sviluppare e stimolare le abilità intellettive.

 

Atmosphere libri presenta l’antologia di racconti classici Un perfetto Natale. La festa delle feste (da leggere non solo a Natale)

541

Per i bambini, i classici illustrati do grandi autori della letteratura mondiale:

Il mio primo Kafka, Il mio primo Dostoevskij (da aprile 2017)

combine_images-zucchero-filato

 

Leggere i classici fa bene: undici ragioni valide

E’ questo il futuro della punteggiatura!?

2044877658La punteggiatura suscita forti sentimenti. La gente si interessa alla punteggiatura non solo perché chiarisce il significato, ma anche perché il suo disuso sembra riflettere un più ampio declino sociale. Mentre le grandi battaglie sociali sembrano non trattabili, le piccole battaglie per l’uso di un apostrofo o di un punto e virgola appaiono come già perse.

Eppure, lo stato di questo e di altri amati segni è stato a lungo precario. La storia della punteggiatura è un viavai.

Non tutti i primi manoscritti avevano la punteggiatura, e quelli del periodo medievale suggeriscono un’innovazione casuale, con più di trenta segni di punteggiatura diversi. Il repertorio moderno della punteggiatura è emerso dai manoscritti stampati nei secoli XV e XVI che si sono sforzati di limitare questo miscellanea.

Molti segni di punteggiatura sono meno venerabili di quanto si possa immaginare. Le parentesi sono state utilizzate nel 1500, essendo state usate dagli scrittori inglesi e pubblicate in libri italiani. Le virgole non sono state impiegate fino al XVI secolo; in primi libri stampati in inglese si vede una barra (un’asta del tipo /), che è sostituita dalla virgola intorno al 1520.

Altri segni di punteggiatura hanno avuto più breve successo. Fu utilizzato un segno goffo che serviva a indicare un rinvio, noto come piede di mosca (¶); inizialmente era una C con una barra disegnata attraverso di esso. Simile nel suo effetto è stato uno dei più antichi simboli di punteggiatura, una foglia di edera orizzontale chiamata edera. Appare nei manoscritti dell’VIII secolo, e separa il testo dal commento, e dopo un periodo di moda ha fatto un inaspettato ritorno nei primi libri stampati. Poi scomparve del tutto.

Un altro segno, ora sconosciuto, è il punto d’ironie (⸮). Un segno di domanda al contrario comparso in testi stampati del XVI secolo proposto da Henry Denham per segnalare le domande retoriche, e ripreso nel 1899 dal poeta francese Alcanter de Brahm. Più di recente, la difficoltà di rilevare l’ironia e il sarcasmo nelle comunicazioni elettroniche ha spinto gli utenti a utilizzarlo spesso come emoticon per indicare messaggi sarcastici ma le probabilità che faccia ritorno sono flebili.

In realtà, la cultura di Internet in generale favorisce uno stile più informale e più leggero della punteggiatura. È vero, le emoticon sono nate per trasmettere sfumature di umore e di tono. Inoltre, la tipizzazione rende facile amplificare la punteggiatura: scrivere venti punti esclamativi su una sola riga, oppure utilizzare più punti interrogativi per significare l’incredulità esagerata. Ma, nel complesso, la punteggiatura è irrinunciabile.

Come potrebbe evolvere oggi la punteggiatura? La visione distopica è che svanirà. Questo sembrerebbe concepibile, anche se non improbabile. Già adesso possiamo vedere qualche avvisaglia di cambiamento: l’austerità editoriale con virgole, la preferenza redazionale per il punto sopra tutti gli altri segni, e il gusto per la chiarezza visiva.

Anche se non è raro sentire richieste di nuova punteggiatura, i segni proposti tendono a cannibalizzare quelle esistenti. In tale ottica, si può aver incontrato il punto esclarrogativo (‽), l’unione di due diversi simboli, il punto interrogativo e il punto esclamativo, scritti l’uno nell’altro e con il punto in comune, che indica l’intonazione tipica della domanda e della sorpresa.

Tali segni sono sintomi di una crescente tendenza a usare la punteggiatura in chiave retorica piuttosto che grammaticale. Invece di presentare relazioni sintattiche e logiche, la punteggiatura riproduce i modelli di comunicazione orale.

Una manifestazione di questo è l’anticipo della lineetta. Imita la frastagliata urgenza della conversazione, in cui cambiamo direzione bruscamente e con fermezza. Le lineette divennero comuni solo nel XVIII secolo. Il loro appello è visivo, la loro forma drammatica. Questo è quello che uno stile moderno prolisso di scrittura sembra richiedere.

Al contrario, l’uso del punto e virgola sta diminuendo. Anche se i due punti erano comuni fin dal XIV secolo, il punto e virgola era raro nei libri inglesi prima del XVII secolo. Il segno è sempre stato considerato come un utile ibrido — un separatore che è anche un raccordo — ma è un gingillo amato da persone che vogliono dimostrare che sono andati alla giusta scuola.

Più sorprendente è l’eclissi del trattino. Tradizionalmente, è stato utilizzato per collegare due metà di un sostantivo composto e ha suggerito che un nuovo neologismo è in prova. Ma ora il sostantivo è diviso (ex dipendente) o scritto senza trattino (nordovest, superuomo). Può essere che l’ultimo avamposto del trattino sarà in un’emoticon, dove potrebbe svolgere un ruolo di primo piano.

I grafici, che prediligono un’estetica ordinata, odiano i trattini e sono diventati, anche in parte, responsabili della scomparsa dell’apostrofo. Questo piccolo scarabocchio comparve per prima volta in un testo inglese nel 1559. Il suo utilizzo non è mai stato completamente stabile, e oggi la confusione conduce alla sovracompensazione che vediamo in quei segni scritti a mano. L’alternativa non è quella di non utilizzare per niente gli apostrofi — un atto di pragmatismo facilmente scambiato per ignoranza.

I difensori dell’apostrofo insistono che minimizza l’ambiguità, ma ci sono situazioni in cui la sua omissione può portare a reali malintesi.

L’apostrofo è essenzialmente un dispositivo utile per l’occhio, non per l’orecchio. Forse, in futuro, gli apostrofi saranno scomparsi o ridotti a piccoli vezzi di “gioielleria” ortografica.

 

E’ questo il futuro della punteggiatura!?

Il Salone del libro di Torino è ancora utile?  

salone-libro-torino1Nella nostra epoca di comunicazione elettronica istantanea, l’editoria è ancora un business alimentato da una passione per i libri e per le relazioni personali. Questa è rimasta una costante, anche con le nuove opportunità che gli ebook danno agli autori e agli editori, ed è parte del motivo per cui l’editoria è un’arte più che una scienza.

Per un lettore, una fiera del libro dà la possibilità di avere una conoscenza almeno parziale di quello che un editore propone; inoltre, ci si guadagna a incontrare editori, scrittori e parlare dei libri che amano, e i libri che il lettore ama. Per gli scrittori noti e i nuovi autori, una fiera è il luogo in cui agenti ed editori possono concentrarsi su libri di cui sono appassionati. La fiera tuttavia è fatta di grandi e piccole case editrici. Appare superfluo dire che è praticamente impossibile entrare in contatto con un grande editore mentre è piuttosto semplice contattare un piccolo editore. Qui si pone la domanda: chi fa cultura con i libri e chi commercia libri. È indiscutibile che i piccoli editori (quelli seri) sappiano cos’è un libro di qualità. Per un grande editore, l’insinuazione non si pone. Un grande gruppo editoriale sa perfettamente riconoscere un prodotto di qualità, ma spesso preferisce non pubblicarlo perché non garantirebbe i guadagni previsti per ogni libro. Un libro commerciale, al contrario, non avrebbe senso che lo pubblichi un piccolo editore perché comunque non avrebbe la visibilità sulla stampa e in libreria. Se Cinquanta sfumature di grigio fosse stato pubblicato da un piccolo editore avrebbe realizzato un millesimo delle copie vendute dal più grande gruppo editoriale che l’ha stampato e distribuito.

Ci sono alcune persone che mettono in dubbio la necessità delle fiere nel mondo di oggi che dispone di internet, ma si perdono qualcosa. Certo, tutti possiamo fare il nostro business online, ma se si rimuove l’elemento umano, si rimuove il cuore e l’anima del business.

È per questo che è ancora utile andare a Torino, che rimane la più grande fiera del libro dell’anno in Italia, e anche la più varia e la più frequentata nel settore editoriale, spingendo la gente a comprare e a comprendere l’importanza dei libri.

Si potrebbe comunque obiettare che grandi e piccoli editori stanno insieme come il diavolo e l’acqua santa. Sarà vero? È indubbio che i grandi editori convogliano molta gente alla fiera. Non sarebbe così attraente (per alcuni) se questi non ci fossero. È pur vero che i libri dei grandi editori sono visibili in tutte le librerie, quindi non si capisce quanto e perché sia utile per un lettore pagare il biglietto d’ingresso alla fiera per toccare con mano gli stessi libri che trovano nelle librerie di catena. Al contrario, per il lettore dovrebbe essere molto più utile partecipare alla fiera per scoprire le case editrici e libri che non hanno sufficiente visibilità. La promozione costa decine, migliaia di decine di migliaia di euro e un piccolo editore non può certo permettersi una spesa simile. Già la presenza alla fiera con un piccolo stand comporta un esborso economico non indifferente che non sarà mai coperto dalla vendita dei libri in fiera. Si va a Torino solo per farsi conoscere, per far capire che esisti e i tuoi libri sono ugualmente validi, se non superiori, a quelli distribuiti dalle grandi case editrici.

La fiera rimane la grande vetrina per tutti nel settore editoriale. Si mostrano i propri autori, si introducono nuovi prodotti, e soprattutto si dà un volto a quelle email tra esordienti scrittori, lettori affamati, agenti letterari, traduttori ostinati, redattori indefessi ed editori più o meno intelligenti. Sotto questo aspetto sociale, vi è la questione molto seria della vendita, perché può creare o distruggere una casa editrice in questi periodi di difficile congiuntura.

La fiera dovrebbe essere una grande gioia per tutto il mondo della lettura e della scrittura. È un luogo comune dire che l’editoria è un settore sociale, ma come molti luoghi comuni, è così perché è vero. Comportarsi socialmente non è un lusso, è buono per gli affari, e Torino è uno dei nodi chiave del settore, soprattutto per le persone che faticosamente ci operano.

 

Il Salone del libro di Torino è ancora utile?  

L’arte della lettura lenta

untitledSe stai leggendo questo articolo dopo averlo stampato, è probabile che riuscirai ad arrivare solo alla metà di quello che ho scritto. E se lo stai leggendo online, potresti anche non arrivare a un quinto. Almeno, questi sono i due verdetti di un paio di recenti progetti di ricerca che entrambi suggeriscono che molti di noi non hanno più la concentrazione per leggere articoli fino alla loro conclusione.

Il problema non si ferma lì: gli studiosi riferiscono che stiamo diventando meno attenti con il book-reader e, soprattutto, con il tablet.

Quindi stiamo diventando più stupidi? È di questo che si tratta? La tecnologia, che ha reso le nostre abitudini online iperattive, potrebbe aver danneggiato le facoltà mentali di cui abbiamo bisogno per elaborare e comprendere le informazioni testuali lunghe. Da un articolo all’altro ci sono collegamenti ipertestuali che condizionano il nostro impegno di concludere la lettura che è anche interrotta dalle nuove email e aggiornamenti delle news, per non parlare dei contenuti che cambiano continuamente su Twitter e Facebook, distogliendoci da una lettura meditata.

Grazie a internet, siamo diventati molto bravi a raccogliere una vasta gamma di informazioni, ma stiamo anche gradualmente dimenticando come sederci, contemplare, e riguardare tutti questi fatti navigando da una pagina all’altra. E così stiamo perdendo la nostra capacità di trovare un equilibrio tra questi due diversi stati d’animo. Mentalmente, siamo in perpetuo movimento.

State ancora leggendo? Probabilmente siete in minoranza. Ma non importa: una rivoluzione letteraria è a portata di mano. In primo luogo abbiamo avuto lo slow food , poi la marcia lenta. Ora, siamo presi da una lettura lenta, cioè c’è gente che vuole prendersi tutto il tempo possibile per la lettura e la rilettura.

“Se vuoi fare una profonda esperienza di un libro, se lo si vuole interiorizzare, mescolando le idee dell’autore con le tue e renderla un’esperienza più personale, si deve leggere lentamente” dice John Miedema, autore di Slow Lecture (2009).

Ma Lancelot R. Fletcher, il primo autore a diffondere il termine “lettura lenta”, non è d’accordo. Egli sostiene che la lettura lenta non è tanto quella di scatenare la creatività del lettore, quanto quella di scoprire l’autore del libro.

E mentre Fletcher ha usato il termine inizialmente come strumento accademico, la lettura lenta da allora è diventata un concetto più ampio. Miedema scrive sul suo sito web che la lettura lenta, come lo slow food, è ora, alla radice, un’idea localista che può aiutare il collegamento di un lettore al suo quartiere. La “lettura lenta” scrive Miedema, “è un evento comunitario che ripristina i collegamenti tra le idee e le persone con una continuità dei rapporti attraverso la lettura come quando leggiamo lunghe storie ai nostri bambini fino a che non si addormentano.” La lettura lenta e la profonda attenzione sono una sfida per tutti.

Un professore di letteratura, Pierre Bayard, ha scritto un libro su come i lettori possano formarsi opinioni valide su testi che addirittura non hanno letto affatto. “È possibile avere una conversazione appassionata di un libro che non si è letto con qualcun altro che non l’ha letto” dice in Come parlare di libri che non avete letto (2007), prima suggerendo che tale bluff è anche “al centro di un processo creativo”.

I lettori lenti, ovviamente, sono ai ferri corti con Bayard. Tracy Seeley, un professore di Inglese dell’Università di San Francisco,  dice che si potrebbe essere in grado di impegnarsi “in una conversazione di base, se avete letto solo il sommario di un libro, ma per il tipo di lettura seria bisogan trovare la materia delle parole. La forma fisica della materia delle frasi.”

Nicholas Carr, nel suo libro The shallows (Internet ci rende stupidi?), elabora ulteriormente il concetto: “Le parole dello scrittore fungono da catalizzatore nella mente del lettore, ispirando nuove intuizioni, associazioni, e percezioni, talvolta anche epifanie.” E, forse ancor più significativo, è solo attraverso la lettura lenta che la grande letteratura può essere coltivata in futuro.” Come scrive Carr: “L’esistenza stessa dell’attento lettore critico fornisce la spinta per il lavoro dello scrittore. Dà all’autore la fiducia per esplorare nuove forme di espressione, a tracciare percorsi difficili e impegnativi di pensiero, di avventurarsi nell’inesplorato e talvolta pericoloso territorio.”

Il bluff letterario semplicemente nasconde un problema più grande: l’erosione delle nostre capacità di concentrazione, come è stato dimostrato che la maggior parte non può concentrarsi sulla lettura di un testo per più di 30 secondi o un minuto alla volta.

Ma Hitchings, autore del libro How to Really Talk About Books You Haven’t Read, ritiene inoltre che le distinzioni nette tra lettura lenta e veloce sono leggermente idealiste. “In breve, la polarità fast-slow – o l’antitesi, se si preferisce – mi sembra falsa. Tutti abbiamo diversi modi di leggere. Se sto leggendo James Joyce, la lettura lenta è auspicabile, mentre se sto leggendo il manuale di istruzioni per una nuova lavatrice, non è così.”

Hitchings è d’accordo che internet è parte del problema. “Ci si abitua a nuovi modi di leggere e di guardare e dunque di consumare la lettura. Così si frantuma la nostra capacità di attenzione in un modo che non è l’ideale se si vuole leggere.” Egli sostiene inoltre che “il vero problema con internet può essere che erode lentamente il proprio senso di sé, la propria capacità per il tipo di piacere in solitudine che la lettura di libri stampati garantisce.”

Cosa c’è da fare, allora? Tutti i lettori lenti hanno cominciato a rendersi conto che il rigetto totale del web è estremamente realistico, ma molti ritengono che l’isolamento temporaneo dalla tecnologia è una risposta. Alcuni sostengono che bisogna spegnere il computer per un giorno alla settimana. Ma, dato il ritmo al quale la maggior parte di noi vive, abbiamo il tempo per farlo? Greg Garrard, della Bath Spa University, sembra pensarla così: «Non sono un luddista – per godere regolarmente della lettura nel mezzo della settimana bisogna scollegarsi quattro o cinque ore da internet.”

Nel frattempo, Jakob Nielsen, un guru di internet, pensa che l’iPad potrebbe essere proprio la risposta: “È piacevole e divertente, e non ricorda alla gente il lavoro.” Ma se John Miedema pensa che iPad e Kindle sono “una buona via di mezzo, in particolare se siete in viaggio” l’autore rivela che, per il vero lettore lento, semplicemente non c’è alcun sostituto per particolari aspetti del libro di carta: “La rilegatura di un libro cattura un’esperienza o un’idea in un determinato spazio e tempo.” E anche l’atto di memorizzare un libro è un piacere per Miedema. “Quando la lettura è completata, si inserisce il libro con soddisfazione sullo scaffale” dice.

Ma se, come me, volete solo di tanto in tanto per leggere più lentamente, l’aiuto è a portata di mano. È possibile scaricare un’applicazione per computer chiamato “Freedom”, che consente di leggere in pace, tagliando la connessione a Internet. Oppure, se si desidera rimuovere pubblicità e altre distrazioni dallo schermo, si può sempre scaricare offline il reader “Instapaper” per il vostro smartphone. Se state ancora leggendo, cioè.

 

L’arte della lettura lenta

Il futuro del libro: da Gutenberg agli e-reader

gutenberg-pressIl pensiero attuale è che siamo nel bel mezzo di una nuova rivoluzione in editoria al pari di quella lanciata da Johannes Gutenberg più di  500 anni fa. Questa volta è Internet, non la stampa, che sta portando il cambiamento e una rottura senza precedenti per il nostro modo di creare, distribuire e leggere libri. In realtà, Gutenberg è anche stato ufficiosamente adottato come patrono dell’industria informatica, e gli stessi tipi di persone che sono disposti a parlare di una “terza rivoluzione industriale” sono anche presumibilmente disposti a discutere con Jeff Bezos di Amazon che ci ha portato il Kindle, come di un nuovo Gutenberg dell’era digitale.

Ma l’esperienza di lettura di un libro quanto è realmente cambiata nella passata generazione – o, del resto, fin dall’età di Gutenberg?

Apparentemente l’industria dell’editoria sembra essere in un periodo di rottura senza precedenti – forse la più grande rottura dall’età di Gutenberg. Ora sempre più consumiamo e-book su telefoni cellulari, sugli e-reader e sui tablet, e consumiamo più tipi di contenuti rispetto al passato. Scarichiamo i libri da Internet piuttosto che comprarli nelle librerie indipendenti e in quelle di catena. E stiamo trovando nuovi modi innovativi per pubblicare e distribuire i libri che sconvolgono gli intermediari (il distributore e/o il libraio), creando in tal modo del tutto nuovi legami tra autore e lettore sia emotivi sia economici.

Tuttavia, il futuro della lettura appare ancora simile al passato della lettura.

La ragione è che, anche se il cambiamento tecnologico continua ad accelerare a un ritmo esponenziale, noi, come lettori, siamo in grado di cambiare a un ritmo lineare. In breve, il cambiamento tecnologico è rivoluzionario, ma il cambiamento umano è evolutivo. L’esperienza della lettura, l’amore della narrazione, e il desiderio di nuove storie sono stati cablati nel nostro DNA, e c’è molta poca tecnologia che può farci cambiare radicalmente, altro che ri-cablaggio del nostro cervello. Lo stesso Bezos, fondatore di Amazon, ha osservato che “Se la natura umana non cambia, neanche il cervello umano cambia”.

Questo potrebbe spiegare perché la prima incursione di Apple nel vendere e-book sul suo iPad ha presentato una visione scheumorfica della lettura. I libri sono stati presentati come tomi con copertine impressionanti, librerie che appaiono in legno grezzo, e anche la sensazione fisica di trasformare una pagina è stato resa con un’animazione unica digitale. I lettori sembrano acquistare l’idea che la lettura di un e-book su un tablet non dev’essere fondamentalmente diversa dalla lettura di un libro tradizionale, in modo che i lettori potessero personalizzate i reader di e-book con cover colorate e hanno trovato modi creativi per creare “librerie” per i loro e-book. Come lettori, abbiamo bisogno di tempo per adattarci, sebbene in questi mesi sia evidente l’obsolescenza dello scheumorfismo rispetto al trend del momento, il flat design. E si è a lungo dibattuto sull’opportunità per Apple di abbandonare il passato – spesso caratterizzata anche da eccessi visivi – per tornare sulla via del suo proverbiale minimalismo con il nuovo sistema iOS 7. In passato, soprattutto agli albori della tecnologia consumer, questa metodologia si era rivelata decisamente funzionale: l’uomo “tecnologicamente” delle caverne necessitava di un ambiente familiare, di essere guidato passo per passo nella modernità: un calendario virtuale solo se avrà le fattezze di un taccuino, un orologio solo se ne vedrà le lancette, una libreria virtuale solo se dotata di ripiani in legno. Oggi si eliminano gli effetti glossy, si estinguono le ombreggiature, si vietano pelli-pellicce-moquette virtuali e qualsiasi altro fronzolo non necessario. Il design si fa semplice, quasi impercettibile, e smette di distrarre l’utente.

ibooks-appleSe si prende per un lungo periodo la visione antropologica della lettura – si può osservare come la gente legga e quali vari comportamenti si associano con i libri nel tempo – si può affermare che non molto è cambiato negli ultimi 500 anni dall’invenzione dei caratteri mobili e della stampa di Gutenberg. Le innovazioni tecnologiche che oggi abbiamo sono esistite in un’altra forma nel passato. La possibilità di annotare i nostri e-book, per esempio, risale all’antica pratica di mettere le note a margine dei libri stampati.

Il che potrebbe significare che il futuro dell’innovazione nel settore dell’editoria ha meno a che fare con il “miglioramento” dei libri tramite la tecnologia digitale – cioè la trasformazione in piattaforme multimediali interattive – e più a che fare con le associazioni emotive e psicologiche create dai libri.

Quando gli innovatori tecnologici saranno in grado di assimilare la “sensazione di calore” in un oggetto fisico diverso da un libro, potremo davvero parlare della prossima rivoluzione di Gutenberg.

Il futuro del libro: da Gutenberg agli e-reader

Si può giudicare un libro dalla copertina?

copertine-libriCharles Dickens, parlando della copertina di un libro, disse che ci sono libri le cui copertine sono di gran lunga le parti migliori. È bene giudicare un libro dalla copertina? Perché le persone dovrebbero consigliare un libro solo dalla sua copertina? È chiaro che non si deve giudicare il valore di qualcosa basandosi esclusivamente sulle apparenze.

Nella vita in generale, questo è un buon consiglio. Le apparenze possono ingannare. Prima di poter dare un giudizio sul valore di qualcosa o se ne vale la pena, è necessario prendere il tempo necessario per indagare più a fondo. Prendetevi il tempo di uno sguardo più attento. Potreste essere sorpresi da ciò che si trova.

Alcuni pensano che le copertine dei libri possano identificare un genere. Si presuppone che un thriller, correlato di copertine colorate, sia emozionante. Allo stesso modo, libri con coperture noiose si rivelino meravigliosi. Ciò non corrisponde al vero molte volte: non si può necessariamente giudicare un libro dalla sua copertina. Se vedete un libro la cui copertina vi intriga, date un’occhiata più approfondita. Forse saprà rivelarsi uno dei vostri preferiti o potrebbe essere un vero disastro, non appena abbiate superato lo “scoglio” di una copertina stupefacente!

Un editore olandese, De Arbeiderspers / AW Bruna Uitgevers, in collaborazione con lo studio di ricerca Neurensics, ha esaminato quali aree del cervello sono attivate per costringere il consumatore ad acquistare un libro. Ai soggetti sono stati mostrati libri di tre generi – commerciale, thriller e letterario, mentre si trovavano nello scanner di una risonanza magnetica. I soggetti sono stati autorizzati a portare a casa un libro di ciascun genere dopo aver completato lo studio. Confrontando i dati di scansione del cervello ottenuti quando i soggetti vedevano le copertine del libro con i “dati di vendita”, cioè di preferenza, i ricercatori sono stati in grado di mappare il collegamento tra l’attività del cervello e il comportamento d’acquisto.

cervelloI risultati sono stati sorprendenti. Le regioni più importanti che innescano il comportamento di acquisto differiscono per ciascuno dei generi studiati, e questi sono stati mappati. Lo studio ha esaminato anche cinque elementi di una copertina di un libro che può influenzare le vendite, come una fotografia anziché un’illustrazione o un titolo collocato in alto anziché in basso. Anche in questo caso gli elementi possono avere effetti differenti basati sul genere letterario.

Questi risultati sono unici nel settore editoriale perché offrono un approfondimento significativo di come e perché i consumatori acquistano i libri. L’influenza di una copertina sulla vendita finale è grande; spesso è l’unico strumento di marketing che aumenta le vendite. Una ricerca sul cervello commissionata dal Gruppo Telegraph Media ha chiarito che anche il marchio offre un valore eccezionale. Anche prima che il consumatore sappia che libro sta per comprare, il cervello ha già fatto la sua scelta. Gli studiosi di Neurensics sono stati in grado di avvalorare questo dato con oltre l’80% di sicurezza.

Un paio di librerie di New York ha fatto degli esperimenti con i propri lettori. Una ha mostrato tutti i libri del genere thriller esibendo sui banchi e sugli scaffali solo la quarta di copertina, cioè il retro del libro. Un altro libraio è stato più audace: ha impacchettato i libri, impedendo ai clienti la visione della copertina, aggiungendo a penna sull’involucro il titolo e alcune righe della trama.

libri coperti

Questa scelta ha lo scopo di “costringere” il lettore a decidere l’acquisto solo sulla base delle proprie percezioni sensoriali, evitando di lasciarsi influenzare dal marchio (un chiaro vantaggio per i grandi gruppi editoriali), dalla visione della copertina (il senso della vista è annullato, dunque il cervello decide la bontà o meno di un libro solo sulla base degli stimoli derivati dall’analisi della trama).

Si può giudicare un libro dalla copertina?

Le librerie indipendenti come risorsa comunitaria unica

autori_alessandro-12Le librerie indipendenti si dovrebbero evolvere in un’unica – quasi indispensabile – risorsa della comunità. I negozi diventerebbero più che semplici negozi, così come molti si sono già evoluti in luoghi in cui la comunità si riunisce, in cui sono sostenuti i nuovi autori, e dove l’economia locale ha iniziato a rivivere. Per la sorpresa di molti – spesso, degli stessi librai – le librerie indipendenti sono diventate un centro di vita locale.

Cosa è avvenuto negli ultimi 25 anni? La maggior parte dei mezzi di informazione non considera la “libreria” un luogo culturale, come potrebbe essere una biblioteca, ma solo un esercizio commerciale. Le scuole di business sembrano considerare il mondo quotidiano della comunità basato sulla vendita al dettaglio. Che resta di altri aspetti che andrebbero considerati?

L’impatto importante di una libreria indipendente può essere suddiviso in tre categorie:

1. libreria indipendente come motore per la crescita economica locale
2. libreria locale come catalizzatore per nuovi scrittori e lettori
3. attività libraria come punto focale per la vita comunitaria

I librai indipendenti condividono alcune di queste caratteristiche con altre istituzioni. Tutti i rivenditori locali, per esempio, sono un motore migliore per la crescita locale rispetto ai loro concorrenti “di catena”, ma il vantaggio locale fornito dalle librerie indipendenti è probabilmente ancora maggiore. Altre organizzazioni forniscono un punto di incontro per le attività della comunità, ma le librerie indipendenti spesso forniscono un programma che può aiutare a stimolare la comunità locale. In ultima analisi, è l’interazione di questi tre tipi di attività che rende moderna l’indipendenza del libraio in qualcosa di unico e prezioso.

Ironia della sorte, i librai indipendenti si trovano in questa posizione di responsabilità proprio nel momento in cui sono più sotto assedio. Nello stesso periodo in cui le librerie indipendenti sono diventate così preziose per la comunità, le loro fila si stanno impoverendo a causa dell’inarrestabile espansione delle librerie “di catena” e il richiamo di internet (i negozi online). Il numero di librerie indipendenti è dimezzato, mentre quello “di catena” è più che raddoppiato. Anche se la situazione si è stabilizzata un po’ negli ultimi due anni, il futuro delle librerie indipendenti è sempre legato a una questione di sopravvivenza. Può sembrare melodrammatico, ma ciò che è in gioco è la qualità della vita in molte comunità servite da buoni librai indipendenti. Una comunità con una buona libreria è in una posizione migliore per resistere alle pressioni incessanti che portano all’appiattimento culturale.

1. Libreria indipendente: un motore per la crescita economica locale

Questo tipo di attività porta denaro nell’economia locale, mentre i punti vendita di locali “di catena” non fanno nulla di paragonabile. Non sono solo i grandi, drammatici eventi che danno una spinta all’economia locale. I librai indipendenti, per ogni passaggio di una novità editoriale, che hanno una lista di eventi con l’autore, potrebbero anche vendere i libri autografati su internet per i clienti di altre città. Non basta terminare il proprio compito di libraio con l’evento, ma proseguire la campagna di sensibilizzazione di un buon libro nel tempo. Ci sono molti modi di “spingere” un libro: parlarne con i clienti, proporlo ai gruppi di lettura, selezionarlo sul proprio sito con una recensione.


2. Libreria indipendente: un catalizzatore per nuovi scrittori e lettori

Se i librai indipendenti sono stati costretti ad abbandonare le imprese, la maggior parte delle persone – anche i clienti irriducibili di librerie indipendenti – danno per scontato che avrebbero potuto trovare i libri che vogliono da qualche altra parte. Ma è probabile che sia il caso di rivedere questo concetto. Nel business del libro, più che in ogni altro, la qualità di ciò che viene creato presso il produttore o il livello di editore è in gran parte determinato da come quei libri sono venduti ai consumatori al dettaglio. Se il librario indipendente muore, molti tipi di libri moriranno con lui. Un mondo senza Indipendenti. Per vedere l’effetto raggelante sui nuovi libri, immaginate un business del libro in cui non ci sono librerie indipendenti. L’editoria, in questo tipo di sfortunato scenario, assomiglierebbe a un imbuto. Molte migliaia di scrittori, che lavorano magari attraverso centinaia di piccoli editori, sarebbero alla ricerca di potenziali lettori. Ma avrebbero questa possibilità solo se i loro libri riuscissero a superare il collo stretto dell’imbuto per approdare a una piccola manciata di acquirenti delle librerie “di catena”.

L’analogia imbuto non è inverosimile. Le “catene” comprano a livello nazionale; a volte c’è un solo acquirente che decide se un libro apparirà in uno dei loro negozi. Questa decisione può avere un effetto letale sul futuro del libro. Il rifiuto delle principali catene di portare un libro, di solito provoca l’editore a ripensare alla sua commercializzazione, spesso tagliando il budget pubblicitario e lasciando che il libro languisca, a meno che qualcosa di miracoloso non si verifichi per rilanciare le vendite. Spesso è anche peggio di così.
Senza librai indipendenti che possano eseguire la cruciale commercializzazione dei nuovi autori e di libri non convenzionali, l’industria editoriale molto probabilmente peggiorerebbe molto rapidamente in un business di autori famosi, affermati best-seller e libri formula. Le implicazioni sarebbero disastrose per la libertà di parola. Libri su affari pubblici probabilmente sarebbero limitati solo a coloro che riflettono il punto di vista politico delle persone al vertice della piramide sociale. Dal punto di vista di nuovi autori, ci potrebbe forse essere uno scenario peggiore che avere il destino dei propri libri decisi da un paio di acquirenti “di catena”? Beh, in realtà potrebbe essere così.

L’impatto delle librerie indipendenti

Bisogna mettere le librerie indipendenti di nuovo in scena perché nuovi autori e nuovi tipi di scrittura abbiano molte più possibilità di successo. Anche se possono essere solo una piccola parte del business complessivo del libro, con alcuni tipi di libri – in particolare i libri nelle loro fasi iniziali – i librai indipendenti svolgono un ruolo fondamentale. I librai indipendenti sono essenziali per promuovere nuovi tipi di letteratura fagocitati da editori intraprendenti, forse anomali, ma coraggiosi. Questo è ben riconosciuto dagli editori intelligenti. L’editore si augura che quei librai sappiano apprezzare il libro e consigliarlo a clienti. L’editore dovrebbe utilizzare il feedback positivo che ottiene dai librai indipendenti per spingere la commercializzazione del libro più vigorosamente. Il problema ora si evidenzia in tutto il suo aspetto più intricato, accattivante e difficile. Le librerie indipendenti non dovrebbero continuare a scimmiottare le concorrenti “di catena” approfittando di vendere i bestseller indicati dalle classifiche convenzionali.  Chi fa le classifiche? Gli stessi giornali che appartengono ai grandi gruppi editoriali! Le librerie indipendenti dovrebbero proporre settimanalmente una classifica al di sopra degli schemi, basata sulla letteratura di qualità.

Senza un vero associazionismo, un coordinamento delle librerie indipendenti, le proposte dei librari indipendenti finirebbero per assomigliarsi a quelle dei corrispettivi “di catena”.

La soluzione potrebbe essere quella di generare proposte diverse, lasciando da parte i libri dei grandi gruppi editoriali (a meno di opportune eccezioni) o dell’editoria di cassetta.

Nuove idee dal basso

La maggior parte dei librai indipendenti non si accontenta semplicemente di vendere libri dall’alto verso il basso. Di solito dovrebbero spingere gli editori dal basso, suggerendo argomenti che potrebbero vendere nella loro comunità, dando un feedback sulle preferenze dei clienti, e spingendo le carriere di autori locali. Questa “spinta dal basso” è un modo di migliorare la tendenza delle case editrici nazionali e presumere che tipo di libro si legge in un quartiere o in città piuttosto che in altri. I librai indipendenti dovrebbero lavorare a stretto contatto con i piccoli editori locali, fornendo un mix di libri che non possono essere disponibili a livello nazionale. Per molti di questi piccoli editori sarebbe difficile rimanere in attività se avessero solo le catene nazionali dove distribuire i loro libri. Alcune librerie indipendenti vanno oltre, lavorando per portare nuovi autori nel sistema.

3. Librerie indipendenti: un punto di riferimento per la vita comunitaria

Il sociologo Ray Oldenburg ha coniato il termine “Il terzo posto” (che ha contrapposto al primo e secondo posto di una casa e di lavoro). “Il benessere sociale e la salute psicologica” sostiene, “dipendono dalla comunità”.

Quali sono le caratteristiche che fanno di una struttura degna del titolo di ” terzo posto?” L’autenticità è uno di loro. I centri commerciali preconfezionati con musica in sottofondo sono l’apoteosi del “non fare, né diventare”, un formato manipolato e manipolativo capeggiato da una gestione indifferente e propensa solo controllare l’aspetto superficiale. Le librerie indipendenti, al contrario, sono luoghi dove la gente si riunisce “facilmente, a buon mercato, regolarmente, e piacevolmente”. Il libraio/proprietario è quasi sempre una persona di fiducia – un residente della comunità, profondamente coinvolto nella vita civile, e tenace nelle cose in cui crede.

Talvolta l’interazione tra autori e la comunità crea un evento che è quasi magico nelle sue dimensioni. L’evento di un autore a volte porta a lezioni di scrittura tenute da quell’autore.
Ci sono alcuni momenti toccanti della vita della libreria quando fornisce un luogo di incontro per riunioni sia formali sia informali. Le librerie indipendenti sono un rifugio per i gruppi di scrittura che si incontrano nel negozio, pianificano le loro riunioni e coordinano presentazioni di nuovi libri. A volte la libreria può essere semplicemente un luogo di incontro della comunità.

Il nuovo ruolo
Senza preavviso o fanfare, i librai indipendenti hanno assunto un nuovo ruolo nelle loro comunità. Loro possono diventare il motore della crescita economica locale, gli sponsor di nuovi autori, e le librerie luoghi di ritrovo per una vasta gamma di gruppi locali e per le attività della comunità. Ma sono ancora dei librai. La vendita di libri è fondamentale e, a meno che non si venda un numero sufficiente di libri, tutta l’impresa potrebbe subire una battuta d’arresto, lasciando un buco nella vita comunitaria. La sopravvivenza può essere garantita solo dall’originalità delle scelte e dal grado di cooperazione che i librai indipendenti sapranno garantire alla comunità, agli editori.

holidayshopping_infographic_final_hr

 

Le librerie indipendenti come risorsa comunitaria unica

Comprare libri su Internet

Comprare libri su Internet: ecco come scegliere i siti migliori e acquistarli direttamente dai siti delle case editrici

WEB-online-book-store-header1
Per procurarsi i libri, il primo giro è meglio farlo in biblioteca, è il luogo migliore. Se poi si vogliono anche comprare, c’è sempre tempo.
Una volta che ho deciso di comprare, si va in libreria – quella vera – perché è meglio. Meglio soprattutto se non è la libreria di “catena”, cioè Feltrinelli, Mondadori o Giunti al punto).

Ma non sempre è vero. Internet mette a disposizione dei lettori un catalogo che nessuna biblioteca o libreria potrebbe mai avere. Se pensiamo che i piccoli editori sono praticamente sconosciuti ai librai (quelli di catena, in particolare), non possiamo certo pensare che un giro in libreria possa darci un’idea reale del panorama letterario italiano. Moltissimi editori hanno un bellissimo catalogo di autori stranieri e italiani, ma sono visibili in poche librerie. Non sappiamo se la crisi che attanaglia le librerie indipendenti sia la causa della sostanziale scomparsa dei libri della piccola editoria. Con certezza, le librerie di catena puntano sui libri commerciali e, soprattutto, della casa editrice che le rappresenta. Ci sarà un motivo per cui queste librerie di catena si chiamano Mondadori, Feltrinelli e Giunti? Quali saranno i libri maggiormente rappresentati in ciascuna di esse? Non oso pensare che qualcuno non sappia rispondere.

Sarebbe stato bello creare un diversivo, una “catena” tra le librerie indipendenti che avesse a cuore la piccola e media editoria, ma nessuno vuole rischiare, in un Paese dove la cultura propositiva non riceve sovvenzioni dallo Stato che comunque elargisce fondi all’editoria (si fa per dire!), cioè a giornali di partito, associazioni politiche e via dicendo, senza dimenticare i colossi della carta stampata, come La Repubblica e il Corriere della Sera. L’esempio del gruppo “Arion” di circa venti librerie indipendenti consociate nella citta di Roma non lascia ben sperare. Il privato imprenditore libraio deve pensare a vendere. Una libreria Arion è indistinguibile da una Feltrinelli o Mondadori.  Ci troviamo di fronte le stesse enormi torri di libri con Ken Follett in testa. Altro che piccola e media editoria! Forse un ruolo avrebbe potuto averlo l’associazione dei librai indipendenti, ma forse è sono una sigla. Pensate all’AIE, l’associazione degli editori. Il 95% degli introiti societari di questa associazione viene dai quattro-cinque grandi gruppi editoriali. I piccoli editori già faticano a pagare la esosa quota sociale (circa mille euro l’anno per un microeditore), poi sono rappresentati sono a parole. Forse siamo di fronte alla fine del libro cartaceo e tra dieci anni non esisteranno neanche le librerie di catena, se l’uso dell’ebook dovesse (me lo auspico da piccolo editore) prendere definitivamente piede. Tutti oggi sono pronti a demonizzare Amazon, ma nessuno ci dice che almeno lì i libri di tutti sono presenti e a portata di… acquisto.

Amazon – è il migliore?
Amazon è monumentale e ricca quando si tratta di comprare libri in lingua straniera in un negozio su Internet.
In sintesi: Amazon ha quasi tutte le caratteristiche che dovrebbe avere un negozio online per la vendita dei libri. (Quindi: l’elenco dei pregi di Amazon vale anche come elenco delle caratteristiche da valutare quando si sceglie il sito dove comprare).
1) Amazon ha il più ricco catalogo. Io ho sempre trovato tutto quanto ho cercato.
2) Amazon ha buoni prezzi perché ha sempre gli sconti
3) Amazon invia i libri senza costi di spedizione.
4) Da Amazon i libri arrivano rapidamente; e li trovate regolarmente a casa, anche se nessuno è in casa quando arriva il pacco.
5) Per gli ordini multipli, Amazon effettua, se necessario, spedizioni parziali, in momenti differenti. In sostanza: non si deve aspettare che siano disponibili tutti i titoli ordinati.

Per quanto riguarda invece i libri in italiano, evito di dichiarare la mia preferenza, anche perché non c’è nessun negozio che sia nettamente migliore degli altri.

Come regolarsi:

1) Il catalogo deve essere di facile consultazione, preciso e aggiornato
Un catalogo di uno store che mi dice che posso comprare un libro e poi scopro che quel libro è in verità fuori catalogo, e se me lo dice dopo che l’ho comprato, non è un buon catalogo.

2) I prezzi devono essere competitivi.
Gli sconti mi interessano sui libri che sto cercando, non su quelli che mi propone il sito.

3) I costi di spedizione non dovrebbero esserci.
Se ci sono, devono essere chiari: senza trucchi insomma. Nella scelta bisogna sempre ricordarsi di controllare il prezzo del libro + il prezzo della spedizione. Praticamente tutti (salvo Amazon, InMondadori che non prevedono spese di spedizione con il programma di iscrizione annuale che offre un numero illimitato di spedizioni con consegna garantita entro 2-3 giorni lavorativi su milioni di articoli venduti su Amazon.it.  La spedizione “2-3 giorni” è compresa nel costo annuale di iscrizione di € 9,99. Altri negozi on line, come Ibs e Libreria universitaria fanno comunque pagare un euro, almeno fino a € 24-25 di ordinativo) hanno un tetto di spesa oltre il quale non ci sono spese per l’invio.

4) La spedizione deve essere veloce.
Se mi dici che il libro arriverà in due o tre giorni, non puoi farmi aspettare dieci giorni per riceverlo.

5) Il corriere che mi porta i libri a casa (o a qualsiasi indirizzo abbia indicato) deve essere flessibile.
Se non mi trova a casa non se ne deve andare immediatamente con il mio pacco e farmi passare un’ora al telefono con il suo call center per recuperarlo; inoltre non può propormi come momento di consegna sempre la stessa ora del giorno.

6) Spedizioni separate.
Se ordino quattro libri e uno di questi sarà disponibile fra 20 giorni, non posso aspettare 20 giorni per tutti  i libri. Dovrebbe mandarmeli in tempi diversi, senza aumentare le spese di spedizione.

7) Cosa ne pensa Google?
Un criterio che ogni tanto uso – metodo un po’ eccentrico, lo ammetto, non basato su una considerazione di convenienza – è questo: inserisco in Google autore e titolo del libro che mi interessa. Nella pagina dei risultati, il primo negozio che trovo linkato con la scheda del libro che ho cercato diventa il privilegiato nella scelta (non sempre ovviamente). Giusto per dare un “premio” alla capacità del negozio di farsi indicizzare da Google (naturalmente non considero però i link a pagamento, quelli pubblicitari). Comunque, il fatto di essere trattati bene da Google, nei risultati “organici”, è in generale un buon segno a favore del negozio.

Come promemoria ecco un elenco (in ordine alfabetico) dei siti di vendita di libri (in italiano) su Web che prendo in considerazione (per quelli in inglese, non c’è partita, vince Bookdepository):

  1. Amazon.it
  2. bol.it
  3. ibs.it
  4. lafeltrinelli.it
  5. Libreriauniversitaria.it
  6. Hoepli.it
  7. Libraccio.it
  8. InMondadori.it
  9. Ultimabooks.it (solo ebook)

ACQUISTA DIRETTAMENTE SUI SITI DELLE CASE EDITRICI

La maggior parte delle case editrici vende i libri del proprio catalogo. Molte di esse non applicano sconti, ma diverse praticano uno sconto pari al 15%, ma si devono pagare le spese di spedizione per importi inferiori a € 50,00. Le spese di spedizione non sono mai gratuite se non per ordini consistenti.

Il Giunti store applica una tariffa postale di € 2,30 per ordini inferiori a € 19.

Atmosphere libri pratica il 20% di sconto anche sulle novità con spese di spedizione gratuita. Un modo per farsi conoscere e che dovrebbero adottare soprattutto i piccoli editori. Che senso ha applicare lo stesso sconto dei grandi web store come Amazon. Bisognerebbe favorire il lettore con maggiori incentivi a scegliere l’acquisto di un libro o di un ebook sul sito dell’editore.

Comprare libri su Internet

La psicologia dei libri: Perche’ leggiamo cio’ che leggiamo

 

piola-libri

La psicologia dei libri: Perché leggiamo ciò che leggiamo

L’acquisto e la lettura di libri sono atti profondamente emotivi e personali. Le scelte del materiale di lettura si basano su una combinazione complessa e veramente senza limiti di influenze di marketing e di emozioni mercuriali. Questo vale sia per l’acquisto di libri sia per decidere quale prossimo libro da leggere. Due cose diverse, ma strettamente connesse; ciascuna è influenzata da un algoritmo misterioso di istinto e impulso, volontà e bisogno, stimoli sia esterni sia interni.

Il nostro desiderio di acquistare e leggere un libro svela il buio entroterra della nostra anima. Le scelte sono spesso un riflesso della nostra identità. Possiamo passare ore su internet o in una libreria sfogliando tra gli scaffali (virtuali e reali), controllare le nuove uscite (fiction, per lo più) e poi fare un tuffo in profondità, a volte dalla A alla Z. Spesso si annota il nome di un autore che ci interessa, perché del suo lavoro si è letto da qualche parte.

Se abbiamo letto un autore e ci è piaciuto, beh, allora, andiamo a comprare più libri di quello stesso scrittore. Anche a prezzo pieno, senza badare agli sconti.

Che succede quando finiamo un libro? Lasciamo che il nostro subconscio prendi il sopravvento. Ci permettiamo di entrare in uno stato di fuga e di nostalgia. È come prendere una caramella. Ogni libro ha un involucro di una promessa colorata. Ogni titolo culla un suggerimento che parla direttamente al nostro inconscio.

Quando decidiamo quale libro leggere, il nostro stato d’animo è in un preciso momento. A volte, dipende dal libro che abbiamo appena finito di leggere. Era un romanzo? Beh, allora forse vogliamo provare un libro di racconti successivi. O forse un libro di memorie. Riflettiamo e… poi troviamo il nostro prossimo libro da leggere. Sì, è così semplice.

Ma anche così complicato. Prendiamo lo scenario libro-come-regalo apparentemente innocuo. In superficie, i libri sono il regalo perfetto. A chi non piace regalare un libro? Ma come convincere il nostro potenziale lettore ad apprezzare la nostra scelta? Oh, ecco il pericolo. Oh, il potenziale momento di follia. Regalare libri è una strada difficile. Come si considerare perfetto il libro per una sorella, per il padre, o la moglie o un amico? Il tuo libro può trasformarsi in una esperienza di dono anche sgradevole. Noi sappiamo che il libro è buono, ma lo sguardo sui loro volti dice tutto. Mentre timidamente strappano l’involucro, può arrivare un grande sorriso che dice che è perfetto o un brivido di incomprensione e delusione davanti a una stratificazione di pagine di carta che sembra loro superficiale e inutile. Se dovesse succedere, significa davvero che abbiamo fatto un grave errore di calcolo.

 

Come avviene la nostra decisione di acquistare il libro da leggere?

libri-scuola-prezzi-ministero-istruzione-thumb

Ecco le risposte:

  • La scelta di quale libro leggere verifica una momentanea sensazione o uno stato d’animo. Può essere una scelta stagionale, nel senso che leggiamo nello stesso periodo dell’anno un libro il cui racconto si svolge, per esempio, a luglio.
  • Raccomandazioni di amici.
  • Libri di autori che amiamo.
  • Compriamo libri basati sulle recensioni.
  • Dipende dal nostro umore.
  • Dipende dal saldo del nostro conto in banca.
  • Andiamo in biblioteca dove hanno una lista di libri consigliati.
  • Libri dei nostri amici.
  • Le interviste di uno scrittore giocano un ruolo maggiore di una singola recensione.
  • A volte la copertina.
  • A volte, la fascetta sul libro.
  • Se un libro conquista un certo premio.
  • Passaparola.
  • I riferimenti in altri libri.
  • Le raccomandazioni di Amazon o ibs.

 

Va bene, ora abbiamo un’idea. Soggettiva, personale, ma spesso universale. E adesso? Non resta che leggere perché la nostra vita sia migliore.

 

La psicologia dei libri: Perche’ leggiamo cio’ che leggiamo

La critica letteraria è al servizio dei potenti gruppi editoriali?

La critica letteraria è al servizio dei potenti gruppi editoriali?

Literary-Criticism,-caricature-of-literary-critics-removing-passages-from-books-that-displease-them,-c.1830

 

La crisi del settore dei quotidiani degli Stati Uniti ha portato i giornali ad abbattere tutti i costi inutili tra cui soprattutto le recensioni di libri. Il New York Times è l’unico giornale americano che offre un supplemento letterario.Vi è anche il rischio che la stessa cosa succeda in Germania. Le recensioni online potrebbero colmare il divario? Quanto è pericoloso un rapporto confidenziale tra i critici e gli autori?

Un’alternativa alla contrazione delle critiche letterarie sui giornali può essere offerta ai media online? Dopo tutto, su internet non ci sono solo recensioni di dilettanti, ma c’è anche la critica professionale.

È pur vero che attualmente le recensioni online non possono sostituire in egual misura quelle tradizionali. I critici amatoriali e professionali su internet tendono a mancare dell’autorità dei critici della carta stampata. La loro imparzialità non può essere verificata, soprattutto in considerazione che parte degli esperti amatoriali, con il pretesto di una presunta democratizzazione della critica letteraria, stanno in realtà de-professionalizzando il critico.

Chi può garantire, dopo tutto, che i blogger non pubblichino ottime recensioni su internet o che le case editrici non si scrivano da sé le proprie recensioni?

Negli anni recenti, forse per un fenomeno che coincide con il lungo periodo di crisi economica, la tendenza nella critica letteraria verso il giornalismo di servizioaccompagna e rafforza le attività di marketing del critico, senza alcuna distanza critica e senza giudizio critico.

I critici corrono il rischio di essere utilizzati come prolungamento dei dipartimenti di marketing degli editori, producendo solo recensioni ammorbidite e cantando le lodi dei titoli più venduti delle case editrici, che in ogni caso dominano il mercato del libro grazie alla pubblicità aggressiva. Tutto ciò avviene per i grandi gruppi editoriali. Non è infrequente che ci siano pagine sui giornali di un annunciato bestseller già prima che sia stato messo in vendita. Non a caso si tratta di autori che pubblicano solo con i più grandi gruppi editoriali. Il margine, per un critico, di verificare e scoprire nuovi talenti e nuove forze che provengono dall’estero, scrivendo una recensione obiettiva del contenuto letterario, è veramente esiguo. Le grandi case editrici “commissionano” le recensioni, come oggi pagano le librerie di catena per esporre le proprie novità. Il critico, come il libraio, è sempre più condizionato dal marketing e dall’esigenza di “fare cassa”, considerando la penuria di lettori in Italia e l’aumento delle spese gestionali di un gruppo editoriale. Oggi si verifica che i diversi supplementi letterari settimanali a importanti quotidiani (La Repubblica, La Stampa, Corriere della Sera, Avvenire, Sole24ore, Manifesto) Oggi si verifica che sono a volte degli imbonitori del mercato librario, quasi dei vivandieri che di critico hanno ormai ben poco. È perfettamente comprensibile che molti lettori si allontanano da qualcosa che non sono più in grado di condividere. La critica letteraria online è in un campionario completamente diverso: di fatto emette brillanti sentenze presentate nei modi più disparati, sebbene si avverta più sentimento che critica.

È impossibile ignorare la graduale diminuzione della reputazione della critica della carta stampata. I giovani critici letterari, in particolare, reagiscono con strategie diverse a questa crisi che mette a rischio il loro sostentamento. Molti critici sono preoccupati soprattutto per il loro prestigio sociale e la propria carriera. In questo caso, i buoni rapporti con i detentori del potere nelle case editrici sono la priorità – è una questione di attenzione mettendo orecchiabili suono-morsi di lode, che possono essere utilizzati per le fascette pubblicitarie dei libri, migliorando la visibilità stessa del critico.

È più divertente il parere dei lettori che di certi critici. Per questo, Anobii, Goodreads, i pareri su Amazon, ibs e tutti i blog letterari  guadagnano il riconoscimento e rafforzano il settore. La piccola e media editoria trova i suoi spazi nel pubblicizzare i propri titoli, scavalcando le morbosità dei critici della carta stampata. Il presunto difetto di recensioni naif contrasta con l’ampiezza del fenomeno critico, non più rinchiuso nel piccolo cerchio dei tutori della critica letteraria. Aumentano le recensioni, aumentano i lettori, e, prima o poi, aumenterà la qualità delle recensioni. I nuovi professionisti passano per la Rete e anche i giornali dovranno tenerne conto.

Internet offre la visibilità a tutti e il critico della carta stampata, o si adatta alle mutate condizioni di mercato e alle aspettative dei lettori, non rinunciando al proprio giudizio critico e all’imparzialità, osubiranno il pesodei potenti del mercato. Al critico è richiesto un giudizio di abilità, passione e indipendenza, indispensabili ad alimentare il legame con la comunità solidale di autori e dei loro lettori.

Se i libri giusti trovano i giusti lettori, il merito è anche la mediazione critica da parte dei critici letterari in base alla loro credibilità. Il tentativo di legittimare sempre di nuovo questa credibilità è il compito gratificante del critico.

La critica letteraria è al servizio dei potenti gruppi editoriali?