Leggere i classici fa bene: undici ragioni valide

guerra

Non è vero che leggere i libri classici sia faticoso. C’è qualcosa nell’anima umana che ci fa desiderare di castigare noi stessi per non aver letto gli autori classici?

In un sondaggio fatto in Gran Bretagna, è emerso che solo il 4% dei britannici ha letto Guerra e pace di Lev Tolstoj, anche se il 14% avrebbe voluto leggerlo; il 3% ha letto I miserabili di Victor Hugo, ma il 10% vorrebbe leggerlo; e solo il 7% ha letto il capolavoro della letteratura americana Moby Dick, mentre l’8% l’avrebbe letto volentieri.

Il sondaggio di 1.664 adulti britannici aveva lo scopo di scoprire quali romanzi classici del XIX secolo gli inglesi avrebbero voluto leggere se avessero avuto il tempo e la pazienza di farlo. Oliver Twist era il classico più popolare nella lista, letto dal 21% degli intervistati, con Orgoglio e Pregiudizio e Piccole donne alla pari: 15% dei lettori.

Tuttavia, affermare che sia necessario avere pazienza per leggere questi libri svilisce sia i romanzi classici sia gli stessi lettori che, a quanto pare, non sono mentalmente in grado di leggerli… Il primo pensiero che sorge di fronte a un romanzo classico è quello di smettere di agire come se un libro sia una montagna. La lettura non solo è una necessità dello spirito ma soprattutto un divertimento da svolgere nel tempo libero.

1315

Elenchiamo undici ragioni che dovrebbero favorire la lettura dei classici:

  1. Potrete aumentare il vostro vocabolario. Vale la pena familiarizzare con le parole che riflettono immediatamente la vostra intelligenza. La lettura dei classici greci e latini, in particolare, svilupperà la vostra banca dati personale sulle parole, dal momento che molte parole italiane hanno radici in queste due lingue. L’italiano deriva dal greco e latino.
  2. Potrete migliorare le vostre abilità sociali. La lettura dei classici, in contrasto con la narrativa commerciale e anche la saggistica, porta ad una migliore percezione sociale e aumenta l’intelligenza emotiva. I romanzi sono incentrati su personaggi che possono rafforzare la vostra etica personale. Basta che sia chiara la distinzione tra i buoni e i cattivi .
  3. Saprete di leggere qualcosa di valore. I classici, e i loro temi tipicamente universali, hanno resistito alla prova del tempo; questi sono i libri in cui troviamo ancora personaggi, esperienze, emozioni, e prospettive attuali. Spesso un classico individuo è un’opera iconica all’interno di un movimento letterario o nel periodo in cui è stato scritto il libro. I classici abbracciano tutti i principali generi letterari, dal fantasy alla fantascienza, al romanticismo e anche la letteratura per bambini e ragazzi.
  4. Avrete molti più riferimenti letterari. Sarete un’enciclopedia dei principali riferimenti culturali, citando la fonte originale.
  5. Sarà possibile “premiare” voi stessi con la versione cinematografica quando hai terminato la lettura. Quasi ogni classico è stata adattato in un film. Alcune versioni cinematografiche dei classici hanno ottenuto ottime recensioni, per cui sarà stimolante valutarne le differenze con il libro.
  6. I classici offrono l’opportunità di comprendere la storia e la cultura in un determinato contesto. Gli unici sostituti per una esperienza che non abbiamo mai vissuto sono l’arte e la letteratura. Esse possiedono una meravigliosa capacità: al di là delle distinzioni di lingua, costume, struttura sociale, possono trasmettere l’esperienza di vita di una intera nazione all’altra… La letteratura trasmette un’inconfutabile esperienza condensata… di generazione in generazione. Così diventa la memoria vivente della nazione. Le grandi opere della letteratura segnano ogni periodo della storia moderna e offrono una prospettiva più accessibile su eventi storici e filosofie della maggior parte dei libri di testo.
  1. I classici sapranno arricchirvi in modo inaspettato. In una scuola media americana, si è ha scoperto che gli studenti più svantaggiati, legati a storie di disagio, perdita, si ritrovano nei romanzi classici. La lettura dei classici può anche essere una forma di terapia: uno studio dell’Università di Liverpool ha dimostrato che il linguaggio poetico, in particolare, stimola la parte del cervello legata alla “memoria autobiografica” e all’emozione. Questo tipo di attività cerebrale porta i lettori a riflettere sulle proprie esperienze in risposta a ciò che hanno letto. Questi libri ci aiutano a una comprensione più profonda della nostra esperienza di vita.
  2. I classici sfidano il cervello… in senso buono. Le funzioni linguistiche utilizzate da diversi autori classici hanno dimostrato di stimolare il cervello; per esempio, la completa lettura di Jane Austen è associata a un livello di complessità cognitiva che coinvolge la soluzione di un difficile problema di matematica. Nell’era televisiva delle fiction, potremmo aver bisogno di un materiale d’intrattenimento più stimolante. I classici sono disponibili a prezzi economici e anche gratuitamente presso qualunque biblioteca comunale, o si trovano integralmente su Internet.
  3. La conoscenza è potere. L’IQ (quoziente intellettivo) è il miglior predittore per le prestazioni di lavoro, livello di istruzione, reddito, salute, e la longevità e la lettura sono ancora considerate il modo migliore per migliorare l’intelligenza. Dunque, perché non leggere i classici? Studiando le opere delle più grandi menti della letteratura della storia umana, si costruisce la nostra conoscenza del mondo e impariamo a pensare per noi stessi.
  4. La letteratura, insieme a (forse) tutte le forme d’arte, è un retaggio distintamente umano. Si tratta, per definizione, di un’esplorazione della nostra stessa umanità, uno dei nostri più importanti strumenti di comunicazione, è una forza che riflette la nostra cultura. La parola scritta è un dono che abbiamo dato a noi stessi, e che non dovremmo dare per scontato.
  5. Iniziare la lettura dei classici fin da bambini. Ci sono molti libri per l’infanzia e per i ragazzi ma anche la lettura di racconti o romanzi adattati specificatamente per favorire la lettura ai più piccoli può abituare i bambini a sviluppare e stimolare le abilità intellettive.

 

Atmosphere libri presenta l’antologia di racconti classici Un perfetto Natale. La festa delle feste (da leggere non solo a Natale)

541

Per i bambini, i classici illustrati do grandi autori della letteratura mondiale:

Il mio primo Kafka, Il mio primo Dostoevskij (da aprile 2017)

combine_images-zucchero-filato

 

Annunci
Leggere i classici fa bene: undici ragioni valide

La più grande letteratura del mondo

Best-inspiring-quotes-for-the-World-Book-Day-2014Qual è la “migliore” letteratura? Se sei di lingua inglese si potrebbe semplicemente pensare che il meglio della letteratura mondiale sia quella britannica perché la letteratura è in lingua originale e quella in traduzione non è la stessa. Nessun altro paese al mondo forse può arrivare alla Gran Bretagna per qualità e quantità di grandi scrittori. William Shakespeare; Charles Dickens ; Jane Austin; Alfred, Lord Tennyson; Agatha Christie; George Orwell; JK Rowling; Virginia Woolf; Lewis Carroll; Ian Fleming; Kingsley e Martin Amis; Arthur Conan Doyle; Rudyard Kipling; T S Elliott; C S Lewis; le sorelle Bronte; J R R Tolkien; Robert Louis Stevenson; George Elliott; John Milton; Doris Lessing; David Herbert Lawrence; John Le Carre; Edward Lear; Graham Greene; Lord Byron; William Wordsworth; Philip Larkin; Mary Shelley; Bram Stoker; Percy Bysshe Shelley; Rupert Brook; Wilfred Owen; Roald Dahl; Robert Burns; Iris Murdoch; Beryl Bainbridge; J G Ballard; Ian McEwan; Philip Pullman; William Golding; J M Barrie; Walter Scott; Beatrix Potter; Ken Follett; Samuel Taylor Coleridge; John Keats; William Blake; Thomas Hardy; Robert Browning; Anthony Burgess; Daphne du Maurier; Dylan Thomas; Hilary Mantel; E M Forster; Joseph Conrad …
Ma tutti i grandi paesi europei hanno una ricchezza di meravigliosa letteratura. La Russia ha alcuni grandi autori come Čechov, Dostoevskij, e altri. La Germania ha Hermann Hesse e altri ancora. Marcel Proust era francese. Dante italiano. Miguel Cervantes era spagnolo. È forse opportuno chiedersi “qual è il miglior linguaggio” piuttosto che la migliore letteratura?
Non è una sorpresa che la letteratura russa ha spesso i temi della miseria, sofferenza, tristezza e tormento perché la Russia, e la sua incarnazione Unione Sovietica, è stata scossa da turbolenze di generazione in generazione. Nonostante il malgoverno zarista, la guerra napoleonica, la guerra di Crimea, due guerre mondiali, la rivoluzione bolscevica, la brutale guerra civile, la repressione stalinista e la povertà, la Russia ha prodotto alcuni dei più grandi scrittori. Molti di loro hanno sofferto come i personaggi delle loro opere. Dunque, la letteratura russa supera quella britannica? Per molti, è così. La ragione principale di questo è semplificata dal libro “Il Maestro e la Margherita”. Non esiste un romanzo che si possa paragonare scritto in inglese o in qualsiasi altra lingua. È considerato una delle novelle più belle della letteratura mai scritta, e molti scrittori hanno cercato di emulare uno stile simile a Michail Bulgakov. La letteratura russa ha anche influenzato quella inglese. Ad esempio, George Orwell, in 1984, non è stato fortemente influenzato da “Noi” di Evgenij Zamjatin?
La comprensione del dolore e della sofferenza degli scrittori russi va ben al di là dei libri e molti mostrano come le famiglie, amanti e intere culture possono cadere a pezzi quando la pressione è applicata da forze esterne. Tutti hanno bisogno di sperimentare la letteratura russa a un certo momento. È possibile parlare di grande letteratura senza leggere i libri di Nikolaj Gogol’, Anton Čechov, Ivan Turgenev, Fëdor Dostoevskij, Lev Tolstoj, Boris Pasternak, Andrej Platonov, Vasilij Grossman e Aleksandr Solženicyn?
In Italia, il periodo di cultura che Dante ha vissuto è stato interessato per eccellenza dall’etica e dalla filosofia morale. L’età che ha vissuto Petrarca è stata dominata dalla scienza filologica. Le conseguenze derivanti da questa nuova direzione di pensiero erano profonde. La scoperta di Petrarca di un mondo antico molto diverso da quello conosciuto alle generazioni precedenti ha rivelato improvvisamente in Italia le sue vere origini, e ha dato nuova vitalità al patrimonio italiano. Gli uomini sono diventati consapevoli del tempo trascorso dalla caduta dell’Impero Romano, e dell’inferiorità che la cultura neo-latina ha mostrato nei settori in cui la civiltà classica era al suo splendore. Un impulso di esaltazione, difficile per noi immaginare, attraversava gli italiani quando le ricchezze del mondo classico dei loro antenati sono stati esposte allo sguardo del Petrarca e dei suoi seguaci.
La letteratura asiatica conta soprattutto sulla Cina e il Giappone. Nell’antica Cina, ci sono numerosi poeti, autori nuovi e maestri letterari. Solo nei libri di poesie della dinastia Tang (AD 618-906), ci sono quarantatré mila poesie scritte da più di duemila poeti. I più famosi poeti sono Li Bai, Du Fu e Juyi Bai. Nel loro poesie hanno mostrato le emozioni, le ambizioni personali di servire il paese, la determinazione a lottare contro il nemico, la tristezza di perdere l’amore. In poesia, però, succede che spesso la bellezza, tradotta in altre lingue, si perde: i ritmi sono difficili da mantenere in traduzione e non tutte le parole cinesi possono corrispondere in altre lingue.
Oggi, nessun Paese ha la più grande letteratura. La letteratura è più grande in quei Paesi in cui non ci sono limitazioni da eventuali confini fisici. Libertà, scambio di culture diverse, apporto costante alla diffusione della cultura fanno grande la letteratura di un Paese. Forse c’è da chiedersi se la migliore letteratura non sia quella i cui scrittori sono ancora molto letti e considerati attuali. Shakespeare e Dostoevskij sono i più fulgidi rappresentanti di una letteratura classica che non tramonta mai.

La più grande letteratura del mondo

Narrativa russa contemporanea

i_love_russian_literature_tshirt-p235188950929818587z7tqq_400

La letteratura russa è un grande esempio della vivacità, intelligenza, e intuizione della sua gente. Come ogni altra attività culturale in questo paese eurasiatico, la letteratura russa si è evoluta nel corso dal XVIII al XX secolo. In effetti, nel corso del XVIII secolo la letteratura russa è nel suo periodo d’oro grazie alla magnifica rappresentazione letteraria di molti scrittori, come Fëdor Dostoevskij, Lev Nikolàevič Tolstòj e Aleksandr Sergeevič Puškin, per citarne alcuni.

Il XX secolo è stato considerato l’età d’argento nella letteratura russa, perché in questo periodo la poesia ha raggiunto il suo massimo splendore.

È stato un periodo molto creativo nella storia della letteratura russa. Inoltre, molti movimenti artistici e scuole poetiche apparsero sulla scena, come il Futurismo russo, l’acmeismo e l’anarchismo mistico. Purtroppo, l’età d’argento si concluse dopo la guerra civile russa.

La letteratura russa di oggi è caratterizzata da una moltitudine di generi, dai classici agli innovatori estremi, e tutti hanno riscontro a un vasto pubblico. I russi sono ancora i lettori fanatici. La rassegna che presentiamo qui è una scelta molto personale tra una vasta gamma di autori.

Uno degli autori più letti è Grigorij Čhkhartišvili (1956), filologo, critico, saggista e traduttore giapponese che scrive romanzi polizieschi sotto lo pseudonimo di Boris Akunin. Egli è l’autore di una serie di romanzi con protagonista Erast Petrovič Fandorin e una serie sulla suora detective Pelagija.

Lo scrittore Victor Pelevin (1962), con formazione di ingegnere elettromeccanico, è degno di nota per i suoi testi stratificati postmoderni che fondono elementi della cultura pop e filosofie esoteriche. La sua opera più famosa è forse il romanzo Generazione P (1999). La P di Pepsi, come dimostra la frase di apertura: “C’è stato in Russia una vera e spensierata, giovane generazione che guardava con un sorriso all’estate, al mare e al sole, e ha scelto la Pepsi”. Seguita da una satira esilarante di un poeta che finisce nel mondo della pubblicità e diventa molto ricco.

Come Pelevin, il postmoderno Vladimir Sorokin (1955) utilizza termini piuttosto crudi mentre descrive perversioni sessuali, depravazioni e la violenza spesso irrazionale e orribile. Il romanzo La Coda (1983) è una di queste opere di Sorokin. Il libro non ha storia, solo l’impatto letterale dei dialoghi di persone in attesa in una coda da qualche parte a Mosca negli anni ’80. Con il suo romanzo Lardo azzurro (1999), ha scioccato il pubblico con una scena in cui i cloni di Stalin e di Krusciov hanno rapporti sessuali tra loro. Allo stesso tempo ha mostrato il suo genio letterario, attraverso cloni di grandi scrittori russi come Tolstoj, Dostoevskij e Nabokov, scrivendo i suoi testi nello stile degli autori coinvolti.

Il drammaturgo, romanziere e ristoratore Dmitrij Lipskerov (1964) presenta personaggi che funzionano in un mondo dove la realtà russa è spesso fortemente trasformata in una miscela di realismo e fantasia. Dal momento che il suo romanzo L’ultimo sogno della ragione (2000), molti russi lo confrontano con Gabriel Garcia Marquez e Salman Rushdie. I lettori al di fuori della lingua russa non conoscono Lipskerov. Fino ad oggi abbiamo infatti trovato solo un suo libro tradotto (in francese).

Nella letteratura russa contemporanea un ruolo di primo piano è svolto da donne scrittrici. Uno delle migliori autrici russe è Galina Shcherbakova (1932). Stranamente, non una delle sue opere è stato mai tradotta, ed è del tutto sconosciuta al di fuori della Russia. Un altro autore top è Dina Rubina (1953). Da quando il suo romanzo d’esordio Ecco il Messia (1996) Alcuni dei suoi libri sono dei bestseller.

Lo stesso vale per Tatiana Ustinova (1968), che originariamente ha ottenuto una laurea in fisica. Ha esordito come scrittore nel 1999 con la sua storia criminale Un angelo personale. Da allora, ogni libro di Tatjana Ustinova è un bestseller. Oggi, lei è uno dei migliori autori di romanzi gialli. I suoi romanzi sono sempre dotate di una protagonista femminile che finisce inaspettatamente nel bel mezzo di un’attività criminale.

Altra autrice è Ljudmila Ulickaja (1943), che scrive storie di vita quotidiana, situate principalmente in Russia in ambienti artistici e accademici, e che viene spesso paragonata a Čechov. Con lei il romanzo Daniel Stein, traduttore è diventato un bestseller nella letteratura russa.

 

 

 

 

 

Tra i più giovani, Michail Elizarov (1973) con laurea in filosofia ha scritto il suo primo libro, Unghie, nel 2001, seguito da Pasternak e dal più famoso Il bibliotecario, miglior libro russo nel 2008, tradotto in tedesco, italiano, francese, ecc. Oggi il nuovo Cartoons, non ancora pubblicato in Italia, riprende il successo del precedente romanzo.

 

Narrativa russa contemporanea