Cosa cerchi in un libro per la spiaggia?

ct-talk-brotman-book-folo-0702.jpg-20120701

Il tuo libro non dovrà essere troppo lungo né avere una copertina cartonata e troppo lucida per le tue mani unte di olio solare o cadrà a faccia in giù nella sabbia. Questo libro dovrà essere abbastanza maltrattabile, senza che risulti troppo debole nell’incollatura del dorso perché non si disintegri prima di leggerlo.

Ancora più importante, il soggetto non può essere troppo cupo. Abbiamo bisogno di qualcosa che ti faccia immergere nella storia mentre stai strizzando un occhio contro il sole e il tuo cappello non copre abbastanza i tuoi occhi e sostieni il libro con il gomito sospeso, indolenzito e appiccicoso di sudore. La tua attenzione è facilmente distratta da una partita di pallavolo nelle vicinanze mentre, in vicinanza, conversazioni vagano, passando e svanendo; da un uomo dagli occhi tristi che arranca verso di te con perline colorate o custodie per telefoni cellulari che insiste per dargli almeno un euro. Gli schiamazzi dei bambini sulla battigia e un elicottero che sorvola la spiaggia. Quindi è necessario che i personaggi del tuo libro siano facilmente riconoscibili e abbastanza diversi per essere interessanti; i punti di vista devono essere chiari e stimolanti abbastanza per tenerti sveglio, ma non troppo allarmato; un ambiente che sia facilmente accessibile e, preferibilmente, attraente, e una trama avvincente.

Se sei un turista, nella lettura di un libro in una spiaggia turistica, la realtà e la finzione si fondono in una nebbia di piacere di festa, animate dal brivido di nuove esperienze e linee di profumi locali. Nei tuoi sogni e nelle tue sieste, due mondi si fondono in una dimensione che non è né reale né del tutto immaginaria.

Come può fare uno scrittore fornire per te?

Le vacanze si prestano meravigliosamente alla narrativa. Quando uno scrittore va con te in vacanza, è come se uno spettacolo speciale da sfruttare sia stato messo in scena per te. L’impostazione è ben delineata, una spiaggia con le palme sullo sfondo; un ristorante illuminato da una pista da ballo; una strada costiera tortuosa, coperta di fiori con le scogliere su un lato, e l’abisso dall’altro. Ma a volte c’è veleno nel paradiso – fatiscenti alberghi e black-out; squali e pirati; omicidi e colate di cemento…

Le vacanze hanno una struttura che rende facile la presa, e sono state utilizzate da molti scrittori per descrivere un numero infinito di crimini nei romanzi. L’inizio è l’arrivo; il lettore prende familiarità con la posizione, allo stesso ritmo rilassato come i personaggi di fantasia, ma nella seconda settimana o negli ultimi giorni diventa più urgente estrarre ogni goccia di piacere e di interesse da parte del viaggio. È facile stabilire la base sicura di una routine quotidiana e costruire un mondo fantastico – una festa, una tempesta, anche la luna piena ci sarà, perché ciò sarebbe passato inosservato nella normale vita quotidiana. Poi, se tutto va bene, il ritorno a casa potrebbe avere un senso di realizzazione o se sono state sollevati dei dubbi, un senso di disillusione. O non ci sarà alcun ritorno a casa…

Lo scrittore può giocare con i suoi personaggi perché diventino i compagni dei tuoi giorni sulla spiaggia o sul bordo di una piscina. È meglio non resistere alla tentazione di terminare la lettura perché diventi irresistibile godere di un bel mare innocente quando tanto sangue si è versato nel tuo thriller. Ciò ti appaga e rappresenta l’estasi di giornata troppo calda. Una birra gelata o una fetta di anguria coronano la soddisfazione di conoscere finalmente l’assassino, quel personaggio che non avresti mai sospettato.

Lo scrittore può mantenere il vero mondo come fanno i bambini con la costruzione di un castello di sabbia o, in mancanza di un aquilone da far volare, serve come mezzo di caratterizzazione per la tua vacanza. Ma (a parte i bambini) ciò che si vede non è quello che si ottiene: le vacanze sono il mondo falso ed effimero di qualche giorno dove tutto e tutte le storie e i patemi d’animo sono nascosti, dove un costume da bagno dà il via a un minor numero di indizi di classe, professione o il gusto di un abbigliamento che normalmente avresti privilegiato. In vacanza si incontrano persone che nel mondo reale non avresti voluto incontrare e ti innamori stupidamente, dai via il tuo cuore troppo e troppo presto perché vorresti recuperare la tua vita in un quadro limitato di tempo. Agisci senza inibizioni; metti a nudo la tua anima dopo aver fatto l’ipotesi che probabilmente mai più incontrerai quella persona di nuovo. Poi accade qualcosa – un crimine, un disastro, un incidente, o forse il tempo cambia. Reagisci, affronti la situazione o forse non fai nulla, sopravvivi o torni al tuo libro dove tragicamente qualcuno muore.

Nel frattempo la gente del posto ti guarda, ma tu non te ne curi perché la trama del tuo thriller continua…

reading+on+beach+03

Cosa cerchi in un libro per la spiaggia?

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Flags 3D Globe

Negli ultimi decenni, gli sviluppi nel campo della grammatica trasformazionale, della linguistica generale e contrastiva, della semantica, della teoria dell’informazione, dell’antropologia, della semiotica, della psicologia e dell’analisi del discorso hanno esercitato una grande influenza sulla teoria della traduzione in generale, consentendo di offrire nuove intuizioni nel concetto di corrispondenza sul trasferimento tra sistemi linguistici e culturali.

Tuttavia, la traduzione di narrativa ha beneficiato molto poco degli sviluppi che si riferiscono alla linguistica. Negli studi di traduzione letteraria, molta attenzione è stata data alla traduzione poetica, poca alla traduzione di narrativa.

È generalmente accettato che tradurre la narrativa è un processo complesso soggetto all’influenza di numerosi fattori variabili, come ad esempio se la traduzione deve essere orientata alla lingua originale o alla lingua di arrivo, o se un dato originale deve essere adattato per certi scopi pragmatici. La traduzione di narrativa è molto più complicata di quanto sia la traduzione di altri generi, in quanto tratta non solo il transfert bilingue, ma anche quelli bi-culturale e bi-sociale. Il traduttore deve rappresentare culture diverse, molto diverse in termini di convenzioni linguistiche, letterarie e culturali-sociali. Il traduttore non solo deve prestare particolare attenzione ad alcuni modi peculiari in cui il linguaggio genera effetti estetici nella lingua originale e ai metodi utilizzati dai traduttori per raggiungere un’identità espressiva in italiano, ma anche dare spunti ai valori culturali-sociali nella traduzione. Tuttavia, entrambi gli approcci letterario-stilistici e linguistici non sono riusciti a riconoscere la natura della traduzione narrativa.
Per la prosa narrativa, esistono due tipi di stile: uno è lo stile autoriale, vale a dire lo stile relativo al significato in modo generale. Quando si parla di stile autoriale, in altre parole, si parla di un modo di scrivere che è riconoscibile in un particolare scrittore, come ad esempio nei russi Viktor Pelevin e Vladimir Sorokin. Questo modo di scrivere distingue la scrittura un autore da quella degli altri, e le diverse visioni del mondo degli autori. La loro satira è forte e irresistibile, proprio perché dà uno specchio fedele della realtà e della propria visione del mondo. L’altro concetto di stile è lo stile del testo, vale a dire lo stile intrinsecamente legato al significato. Proprio come gli autori possono dire di avere uno stile, così può essere per i testi. Quando esaminiamo lo stile del testo, dobbiamo analizzare le scelte linguistiche che sono intrinsecamente connesse al significato e all’effetto sul lettore. I modelli lessicale e grammaticale, la coerenza del discorso e la coesione, e la figura del discorso dovrebbero essere esplorate in dettaglio. A volte, anche una virgola apparentemente insignificante può essere molto importante in termini interpretativi. Il concetto di stile della prosa narrativa è molto utile per esplorare la natura della sua traduzione.

La traduzione di narrativa comporta lo scambio di esperienza sociale di individui nel mondo immaginario con i lettori di un’altra cultura o società. Sia il fattore sociale sia il fattore autoriale sono enfatizzati nel processo di traduzione. Pertanto, la riproduzione di stile (sia dello stile autoriale sia dello stile del testo) è considerato il nucleo nella traduzione di narrativa. È un compito difficile per il traduttore di narrativa esplorare lo stile di un romanzo e il messaggio che l’autore trasmette sulla vita sociale, i rapporti umani, ecc.

La prosa narrativa ha una grande influenza sociale. Un best seller può avere milioni di lettori, e molti romanzi sono adattati in film, aumentando ulteriormente il loro pubblico. Esercitare un’influenza sociale su larga scala è anche lo scopo dei romanzieri. Anche la traduzione di narrativa ha dunque un’influenza sociale su larga scala, e questo è il motivo per cui sempre più narrativa è tradotta in molte lingue.
L’intero processo coinvolto nella traduzione di un romanzo è quindi complicato, tra cui la codifica del messaggio da parte del prosatore, e la decodifica e la riconversione del messaggio da parte del traduttore. Il messaggio, tra cui significato, stile e funzionalità, sono ciò che l’autore di prosa vuole trasmettere attraverso il suo romanzo in ordine di livello pragmatico (intenzione dell’autore o il tema della finzione), livello semantico (scelta delle parole), livello sintattico (scelta dei modelli di frase, ecc.) e il livello del discorso (che integra i precedenti tre livelli in tutto il discorso). Tuttavia, il traduttore decodifica il messaggio in ordine inverso. In un primo momento, il traduttore si imbatte in tutto il discorso di prosa narrativa, e poi lo analizza a livello sintattici, semantici e, infine, pragmatici. La cosa più importante è come il traduttore ri-codifica il messaggio che capisce, che è alla base dell’attività di traduzione.

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Leggere meno americano e più orientale non nuoce alla salute

Murakami sonno apertura

Un buon libro può superare molte barriere nella sua ricerca di trovare un pubblico, ma l’Oceano Pacifico, a quanto pare, è uno sbarramento troppo forte. Questo è il caso della letteratura giapponese, ma anche della cinese e di quella coreana che sfidano le differenze di lingua, cultura, e di politica per raggiungere i lettori in tutta l’Asia, ma devono ancora trovare un approdo stabile e duraturo in Europa, fatta eccezione della Francia dove hanno diversi seguaci.

Gli esperti indicano che l’apertura mentale dei giovani è un fattore di risposta alla domanda del perché, nonostante ci siano degli autori orientali che hanno un buon seguito da noi, come Murakami Haruki, il tedoforo degli autori giapponesi in Occidente e, ma solo in parte, di Yoshimoto Banana, non c’è traccia nelle classifiche di autori dell’Estremo Oriente e non c’è segno di pubblicazioni di un numero consistente di nuovi autori asiatici. Nonostante le tradizionali rivalità tra Corea, Giappone e Cina, i giovani di quei Paesi hanno superato le distanze ed è interessante scoprire come, per esempio, i giovani sud-coreani vogliano capire meglio gli stili di vita e la cultura giapponesi leggendo moltissima narrativa proveniente dal Giappone, lasciando comprendere come la letteratura sia separata dalle dispute politiche tra il Giappone e la Corea del Sud. Anche in Cina, i cinesi più giovani si identificano con il cuore della società giapponese che i loro autori descrivono. Grazie a questo, centinaia di romanzi giapponesi sono pubblicati annualmente in Corea del Sud, e ancora di più lo sono in Cina.

Gli Stati Uniti e l’Europa hanno anche diversi giovani che leggono autori giapponesi e cinesi, ma il numero è sensibilmente più basso. Questo solleva una questione: se i cittadini cinesi e coreani possono guardare oltre le loro differenze per leggere romanzi giapponesi, qual è il freno che impedisce una reale diffusione della cultura dell’Estremo Oriente tramite la letteratura nei paesi occidentali?

Gli Stati Uniti fanno un caso a sé perché notoriamente solo il 3% dei libri pubblicati sono di autori che non parlano la lingua inglese. Tuttavia, non è del tutto colpa del lettore. La gente legge la letteratura straniera quando è disponibile, come il caso già citato di  Murakami Haruki, ma la realtà è che vi è la quasi totale volontà, da parte degli editori più grandi, di non tradurre la letteratura, determinando anche nel lettore una certa diffidenza nel leggere quel po’ di letteratura in traduzione in circolazione.

Ci sono anche delle difficoltà che gli editori devono affrontare nella pubblicazione di letteratura straniera e di certo non sono sempre facili. Gli americani di lingua inglese non sanno rinunciare ai loro scrittori, benché la tradizione e la qualità culturale americana non possa essere paragonabile a quella europea (in particolare alla russa e a quello dell’Inghilterra). Tuttavia, è un peccato rinunciare a tanti libri incredibili di scrittori di lingua non inglese che sono scritti in altre parti del mondo. A maggior ragione, anche in Europa è imbarazzante che la Corea del Sud, un paese che ha una tradizione culturale immensa, come il Giappone e la Cina, abbia solo una sparuta rappresentanza. Non dimentichiamo che diversi romanzi di famosi e apprezzati scrittori coreani e giapponesi sono stati tradotti dal francese o dall’inglese, con il risultato di confezionare dei prodotti che non corrispondono alla lingua originale, impedendo di trasmettere al lettore occidentale il nocciolo stesso della cultura.

Purtroppo, le fortune crescenti dei libri provenienti dagli Stati Uniti coincidono all’estero con l’ascesa della cultura pop americana in generale, ma devono anche essere in parte attribuite a una forte imposizione della narrativa commerciale (e le competenze editoriali si sono evolute per servire questi libri) che, fino a poco tempo fa, semplicemente non esistevano in molti altri paesi. È così per la narrativa, è così per il cinema: dagli Stati Uniti arriva qualsiasi cosa purché sia legato a un successo commerciale. Qualsiasi libro potrebbe essere migliore o peggiore nel complesso, ma c’è un certo livello di approfondimento culturale, di introspezione, di spessore linguistico da cui non si può prescindere che spesso nella narrativa americana non è rispettato. Le letterature dei paesi più lontani che hanno tratto la linfa da culture diverse da quella europea potrebbero rendere migliore la vita non solo dei lettori ma della nostra frenetica società occidentale.

Leggere meno americano e più orientale non nuoce alla salute

Il valore della letteratura dei giovani adulti

ireadya

Il termine letteratura per giovani adulti è di per sé amorfo, perché i termini costituiti da “giovani adulti” e “letteratura” sono dinamici, cambiando la cultura e i cambiamenti della società – che forniscono loro il contesto. Il termine fu in uso dalla fine degli anni Sessanta, e si riferiva alla narrativa realistica che era impostata nel reale (al contrario di quella immaginata), nel mondo contemporaneo dove si affrontano i problemi e le circostanze della vita che interessano i giovani lettori di età compresa tra i 12 e i 18 anni. Molto è cambiato oggi. Per alcuni, questo rimane vero anche adesso. Negli ultimi anni, per esempio, la dimensione di questo gruppo di popolazione è cambiata drammaticamente. Tra il 1990 e il 2000 il numero di persone tra i 12 e 19 anni è salito notevolmente, con un tasso di crescita di circa il 20%, superando in modo significativo la crescita del resto della popolazione. Le dimensioni di questa fascia di popolazione hanno permesso di aumentare anche la definizione convenzionale di “giovani adulti”, che si è ampliata per includere quei giovani di circa 10 anni e quelli più vecchi di circa 25 anni.
“Letteratura”, che tradizionalmente significava finzione, ha inoltre ampliato il suo significato per includere nuove forme di letteratura – o narrativa – saggistica e nuove forme di poesia, tra cui romanzi e opere di saggistica in versi. La crescente importanza della comunicazione visiva ha iniziato a espandere questa definizione per includere il pittorico, soprattutto quando è offerto in combinazione con il testo, o i libri illustrati, i fumetti e la graphic novel.
Ulteriore prova è il numero straordinario di autori adulti acclamati che hanno iniziato a scrivere per i giovani adulti, e una miriade di altri scrittori. Come risultato di queste e altre innovazioni, la letteratura per giovani adulti è diventata una delle più dinamiche tra le aree creativamente più interessanti dell’editoria.
La letteratura per giovani adulti non può essere quantificata, ma è da ricercare in quei libri che sanno affrontare le esigenze dei suoi lettori. Spesso descritto come “sviluppo”, queste esigenze riconoscono che i giovani adulti sono esseri in evoluzione, alla ricerca di sé e dell’identità; esseri che sono in costante crescita e mutevoli, in trasformazione dalla condizione dell’infanzia a quella dell’età adulta. Tale periodo di passaggio chiamato “età adulta” è una parte unica della vita, che si distingue per esigenze uniche che sono – come minimo – fisiche, intellettuali, emotive e sociali.
La letteratura per giovani adulti è preziosa non solo per la sua arte, ma anche per la sua rilevanza sulla vita dei suoi lettori, non solo affrontando le loro esigenze, ma anche i loro interessi. La letteratura diventa un potente incentivo per loro di leggere, un altro motivo valido per valorizzarla, soprattutto in un momento in cui l’alfabetizzazione degli adolescenti è diventata una questione di fondamentale importanza.
La giovane età adulta è, intrinsecamente, un periodo di tensione. Da un lato i giovani adulti hanno il bisogno di possedere tutto ciò che si può consumare. Dall’altro, ma sono anche intrinsecamente individualistici, per quanto riguarda l’essere unico, che – per loro – non è motivo di celebrazione ma, piuttosto, di disperazione. Essere unici diventa fondamentale per essere differenti dai propri coetanei, cioè essere un “altro”. Il fatto di sentirsi un “altro” può far paura perché non si appartiene a un gruppo, ti fa sentire un emarginato. Così, vedendo se stessi tra le pagine di un libro, il giovane adulto può ricevere la rassicurazione che non si è soli, dopo tutto, non si è solo un “altro”, non si è un estraneo ma, invece, una parte vitale di una più ampia comunità di esseri che condividono una comune umanità.
Un altro valore della letteratura dei giovani adulti è la sua capacità di favorire la comprensione, l’empatia, la compassione e offrire ritratti realizzati vividamente della vita. In questo modo, la letteratura dei giovani adulti invita i suoi lettori ad abbracciare l’umanità che condivide con chi – se non fosse per l’incontro nella lettura – potrebbe rimanere per sempre sconosciuto o – peggio ancora – un “altro” irrimediabilmente.
Ancora un altro valore della letteratura dei giovani adulti è la sua capacità di raccontare ai lettori la verità, per quanto spiacevole possa essere a volte, perché in questo modo si dotano i lettori a trattare con le realtà della vita adulta imminente e ad assumere i diritti e le responsabilità di cittadinanza.
Dando ai lettori un tale quadro di riferimento, si aiutano anche a trovare modelli di riferimento, per dare un valore al mondo in cui vivono, per sviluppare una filosofia personale di essere, per determinare ciò che è giusto e, allo stesso modo, ciò che è sbagliato, a coltivare una sensibilità personale. Per diventare, in altre parole, una persona civile.
In Italia, la letteratura dei giovani adulti è celebrata, oltre dal tradizione Premio Andersen, dal Premio Letteratura Ragazzi, dal Premio Mare di Libri, dal Premio Giovanni Arpino e dal Premio Strega Ragazzi e Ragazze.

Il valore della letteratura dei giovani adulti

Immagina un mondo senza parole e scrittura

jang07-20131127290701“Un mondo senza parole” davvero fa riflettere sull’importanza del linguaggio nella nostra vita. Non riusciamo nemmeno a immaginare un mondo in cui non ci sono parole e nessuna comunicazione, perché la lingua è una grande parte del nostro mondo.
La neurologa Jill Bolte Taylor ha descritto la sensazione di perdere la capacità di usare il linguaggio e di avere ancora parole nel suo cervello come una cosa spaventosa e incredibile. Scrisse di avere un completo silenzio nella sua mente senza parole che le ronzavano nel cervello, e senza quella vocina che sembra parlare a tutti noi. Jill disse che aveva trovato la pace interiore dopo aver perso le sue parole, e anche se poi sembrasse contenta di aver recuperato la capacità di usarle, era anche triste di aver perso quel silenzio assoluto che aveva ottenuto quando aveva perso la capacità di parlare o di formare pensieri nella sua mente.

La lingua è una parte enorme del nostro mondo. Ci permette di comunicare tra di noi tramite la voce ed esprime ciò che sentiamo e pensiamo. Senza parole il mondo sarebbe un posto molto diverso. In molti modi saremmo peggiori senza linguaggio, ma in qualche altro modo, come la pace interiore e il silenzio che Jill aveva sperimentato, avremmo acquisito nuove prospettive sulla vita e la testimonianza e l’esperienza del mondo in un modo diverso.
Senza parole la vita sarebbe molto più semplice. La comunicazione apparirebbe molto diversa e la vita non sarebbe così avanzata o complicata. Il linguaggio è quello che lega il mondo insieme. Le parole sono spesso usate con noncuranza e possono rendere il mondo rumoroso e caotico, ma un mondo senza parole ci farebbe tacere e non saremmo più collegati. Anche se il silenzio che Jill aveva trovato bello e l’ha portata a trovare una nuova comprensione di se stessa, fu comunque felice di essere stata in grado di recuperare l’uso delle parole, e si rese conto che il mondo ha bisogno del linguaggio e della comunicazione, con brevi momenti di silenzio e la necessità di essere da soli.
La storia di Jill di come ha perso le sue parole fa davvero riflettere su un mondo senza comunicazione e come dovrebbe influenzare la nostra vita quotidiana. La lingua è una parte fondamentale del nostro modo di vivere la nostra vita, e un mondo senza parole porterebbe a un modo molto diverso di come sopravvivere e come interagire non solo con gli altri ma anche con noi stessi.

Immaginate dunque un mondo senza parole: nessuna lettura, nessuna scrittura, nessuna comunicazione. È difficile desiderare un posto del genere. Sicuramente, in un mondo in cui la tecnologia sta avanzando a un ritmo vertiginoso e la conoscenza è la chiave per il successo, un “mondo senza comunicazione” è impossibile da concepire. Ma per alcune persone, questo mondo immaginario senza parole è ancora una realtà. Un mondo di tenebre e di ignoranza soffocante preme intorno a loro lasciando poche possibilità di sopravvivenza in una società guidata al successo. Come adulti e ragazzi finiscono in circostanze come queste? Sono semplicemente scivolati attraverso le lacune del nostro sistema di istruzione, la maggiore delle quali è l’assenza di enfasi della letteratura.

Il valore della grande letteratura si estende ben oltre la semplice lettura di parole stampate su una pagina. Naturalmente l’obiettivo primario di leggere libri, soprattutto in tenera età, è quello di imparare a leggere. Tuttavia, come gli studenti imparano le abilità di tutti i giorni, quelle di base, le possibilità diventano infinite. Le grandi opere della letteratura contengono molto più delle parole. Intuizioni incredibili nel periodo di vita dell’autore o del soggetto su cui l’autore ha scritto sono facilmente disponibili. Si tratta di una lezione di storia, senza il libro di testo. La storia prende vita attraverso la lettura. La letteratura presenta anche l’opportunità di conoscere nuove idee e culture sconosciute al lettore. Forse il più grande vantaggio ottenuto attraverso la letteratura è che gli studenti imparano a scrivere costantemente leggendo eccellenti manoscritti. Nel complesso, un forte accento sulla letteratura produce un individuo a tutto tondo.

Il problema con il sistema di istruzione pubblica in questo paese è che in qualche modo lo studente laureato può non aver letto mai grandi opere della letteratura. Succede di volta in volta. Sia perché gli insegnanti non danno agli studenti la possibilità di leggere eccellente letteratura, sia perché gli studenti trovano una delle molte scappatoie per sfuggire realmente alla lettura. I risultati possono essere diabolici: medici, ingegneri, avvocati, informatici, matematici, geologi che non leggono letteratura. Non hanno il tempo di leggere. Non pensano che la lettura sia indispensabile. Cosa saranno questi professionisti? Riusciranno a comprendere che un mondo senza le giuste parole sarà la casa della loro vecchiaia?

Immagina un mondo senza parole e scrittura

La scrittura è un lusso

personalstatement__2489852bLa scrittura è un lusso. Lo so che suona terribile. Sembra sacrilego! Ma per la maggior parte di noi, capita che sia vero.

A meno che qualcuno non si guadagni effettivamente da vivere scrivendo (e le statistiche indicano che pochi di noi lo fanno), la scrittura è un lusso. Se ci si guadagna da vivere scrivendo comunicati stampa e brochure aziendali, la scrittura del romanzo è un lusso. “Necessarie” sono quelle attività che servono a nutrirsi, vestirsi, e mantenere la vostra famiglia.

Immaginiamo la giornata tipo. Iniziate bloccando le ore di ogni periodo di 24 ore che vengono date al dormire – ipotizziamo una media di 8 ore. Aggiungiamo un’altra ora divisa tra la preparazione per andare a letto e “alzarsi” – abbiamo circa 15 ore per altri scopi. Se hai un lavoro a tempo pieno, questo è di almeno 6-7 ore. Anche un tempo relativamente per un breve tragitto può consumare un’ora al giorno, e molti pendolari ne impiegano molto di più. I pasti sono qualcosa di essenziale, e la maggior parte di noi mangia tre volte al giorno – che richiede tempi di preparazione aggiuntiva. Poi abbiamo lo shopping, lavarsi, svolgere qualche commissione – tutte cose che richiedono tempo. E chi ha figli? Non bisogna dedicarci del tempo?

Queste necessità sono compiti non si possono mettere in conto quando siete “in vena” o avete un po’ di tempo libero. Sono fabbisogni giornalieri. Ci resta il “tempo libero”. La maggior parte di noi, ho il sospetto, utilizza molto poco il proprio “tempo libero”.

La scrittura è generalmente una di quelle attività che sono relegate a quelle ore “libere” che sono a disposizione quando sono soddisfatte le nostre esigenze quotidiane. Ed è per questo che dico che è un “lusso”. A meno che la tua scrittura sia in realtà “mettere il pane sulla tavola e mantenere il tetto sopra la testa”, non fa parte delle necessità che sostengono la maggior parte delle vostre ore.

Questo non vuol dire banalizzare l’importanza della scrittura. Anzi, dico di minimizzare il peso della colpa che proviamo quando siamo in grado di dare più tempo alla scrittura come vogliamo. Il senso di colpa si moltiplica quando i nostri progetti rimangono incompiuti, e i nostri obiettivi insoddisfatti. Affermazioni come “Se è importante per voi, troverete il tempo per farlo” ci fanno sentire ancora più in colpa.

Riconoscendo che la scrittura è in realtà un’opzione, puoi avere meno sensi di colpa e una gestione del tempo più efficace. Una volta che hai capito che la scrittura è un lusso, ti rendi conto che non sei in qualche modo un fallito per non aver scavato più ore da dedicare a essa.

Il tempo libero è un bene prezioso, e non solo per noi. Un adagio popolare dice che “il tempo è denaro“, e lo è. Il vostro tempo è molto richiesto perché fare soldi ad altre persone. Migliaia di aziende stanno cercando di capitalizzare quella sottile fetta del vostro tempo. Ogni app, ogni gioco web, ogni video, ogni download di musica, ogni show televisivo che reclama la vostra attenzione sta cercando di trasformare il vostro tempo nel profitto di qualcun altro.

La scrittura è un lusso, e i lussi reali sono preziosi. Essi sono preziosi. I veri lussi sono ricercati e amati. Questo dovrebbe essere vero per il nostro tempo di scrittura. Il primo passo nello sviluppo di una comprensione realistica di come prezioso sia il tempo è rendersi conto di quanto sia limitato – perché esso è limitata ai nostri ore “opzionali”. Riconoscere questo fatto è il primo passo nella gestione del tempo – e il secondo è decidere quale dei tanti “lussi” che competono per il nostro tempo dovrebbe avere la priorità assoluta.

Non sto suggerendo che debba rinunciare a un intrattenimento, buttare via il televisore, bloccare YouTube, tagliare tutti i tuoi amici di facebook e twitter, non giocare più sul computer. Ma, soppesando le opzioni in competizione per il vostro tempo “libero”, penso che prendere in considerazione le opzioni contribuisca al nostro guadagno personale o professionale. I giochi gratis, le applicazioni, i video ci privano della possibilità di creare qualcosa di utile. Possiamo utilizzare il tempo di mettere i soldi nelle tasche di qualche società – o possiamo usarlo per creare qualcosa che potrebbe mettere più soldi nelle nostre tasche e, eventualmente, rendere il mondo un posto migliore, allo stesso tempo. La scrittura può essere un lusso – ma merita di essere “visitata” il più spesso possibile!

 

La scrittura è un lusso

LA SOLITUDINE DEGLI SCRITTORI

 

Solitude-WritingPer necessità, gli scrittori hanno bisogno di sognare, ideare, pianificare, ricercare e scrivere per proprio conto. Per molti, ci può essere un elemento di solitudine che coinvolge in questo aspetto la scrittura. Ci può essere anche una transizione per gli scrittori a imparare ad affrontare, e lavorare efficacemente con la solitudine della scrittura. L’arte e il concetto di solitudine non sono inseguiti dalla maggior parte delle persone in questo veloce e rumoroso mondo.

La maggior parte delle persone richiede un po’ di tempo per abituarsi alla solitudine produttiva. Il pensiero di essere solo in realtà spaventa molte persone. Gli esseri umani sono animali da soma e vogliono essere in branco. Alcune persone pensano che l’idea di voler stare da solo o la ricerca della solitudine siano strane o egoiste. Tuttavia, gli psicologi sottolineano che sia la necessità di impegnarsi con gli altri e sia la necessità di stare da solo sono essenziali per la felicità umana. Inoltre, nuovi studi stanno dimostrando che trovare il tempo per la solitudine e il tempo da soli, nel nostro mondo frenetico di oggi, è ancora più importante per il proprio benessere.

Alcuni studi sostengono che ci sono due estremità continue: la solitudine vista come negativa, che connota quelli che non hanno scelto di essere isolati; la solitudine come positiva, a significare lo stato favorevole di essere soli per scelta e per scopo. In questo senso la solitudine è uno stato volutamente scelto di isolamento. È nella solitudine che, per la maggior parte, nasce il lavoro creativo. Gli scrittori devono capire che, per necessità, devono trascorrere molto del loro tempo in solitudine – e devono essere in grado di resistere alla solitudine estrema. La scrittura, secondo Gordimer, è la più solitaria delle occupazioni – paragonabile a essere il guardiano di un faro.

È utile esaminare alcuni dei benefici della solitudine per rendersi conto di quanto sia importante il momento di stare da soli. Le persone possono trovare il tempo di stare all’aperto o al chiuso da soli. La solitudine all’aperto ci permette di toccare il mondo naturale in un modo unico. Al chiuso, la solitudine ci permette di toccare in modo più chiaro i nostri pensieri. Quando sei solo con te stesso la tua mente può attingere a risposte creative, e idee ispiratrici. La pratica della solitudine permette all’individuo di concentrarsi e sentire la propria voce. La solitudine permette a una persona di allontanarsi dalle migliaia di voci e dalle distrazioni che ci distolgono. La solitudine riduce lo stress, favorisce lo sviluppo dell’identità, e può contribuire a favorire l’autonomia. Inoltre, la solitudine può migliorare i livelli di energia, aumentare la fiducia in se stessi, e contribuire a creare un atteggiamento più positivo verso la vita.

Al contrario, la mancanza di solitudine diminuisce l’impegno a trovare un’identità – che può essere particolarmente problematico per uno scrittore. Tutti gli scrittori devono capire quanto sia importante la solitudine nel processo di scrittura – e rendersi conto di quanto sia essenziale promuovere la contemplazione e la creatività. Questa è un importante sottoprodotto della solitudine. Un individuo in uno stato di bassa eccitazione alimenta l’ispirazione creativa. Il mondo esterno ha tanta eccitazione, distrazione e clamore che drenano la batteria creativa. Solo il tempo la ricarica.

La disciplina di lavorare da soli è difficile per molti. Alcuni sostengono che questa disciplina sia ancora più difficile per le donne. Lo spazio solitario permette il processo di scrittura e lo protegge. Le donne, più degli uomini, hanno bisogno di questa abilitazione alla protezione. Le donne hanno bisogno di rivendicare il proprio spazio, quello spazio solitario in cui entrare in comunione con i propri pensieri e sentimenti per sperimentare il proprio processo creativo intimamente.

Quelli che sono scrittori, o che aspirano a esserlo, devono riconoscere che hanno bisogno di solitudine per essere produttivi e che devono lavorare sodo per raggiungerla. Le donne, in particolare, hanno bisogno di affermazione, attenzione, e lodi. Le donne, più degli uomini, sentono il bisogno di qualcuno che elogi il loro lavoro. È una delle ragioni per cui le donne, molto più degli uomini, affollano gruppi di scrittura e trovano difficoltà a valorizzare il proprio lavoro senza uno scambio di opinioni.

Il primo compito dello scrittore è l’accettazione della solitudine. Tutto il resto non è la verità. Tuttavia, se introversi o estroversi per natura, la maggior parte di noi cerca di riempire il tempo con qualsiasi altra cosa, ma non con la solitudine. Ci sono le distrazioni – continue o intermittenti – della famiglia, amici, colleghi, animali domestici, televisione, telefoni che squillano, radio, musica, computer, email, sms, tweet, iPod – qualsiasi cosa che tenta di tenerci lontano da noi stessi.

Che cosa dobbiamo fare? Ovviamente, tutte le persone creative devono riconoscere l’importanza della solitudine e adottare misure e azioni quotidiane per creare i tempi necessari perché si resti soli per il proprio lavoro creativo. La nostra mente è più nitida e più acuta in isolamento e in solitudine senza interruzioni. Come scrisse Picasso: “La vocazione all’arte richiede tempo per vedere, pensare, imparare, praticare e per potersi esprimere più e più volte. Il prezzo che l’artista paga per questa cosa è la solitudine”.

 

 

 

LA SOLITUDINE DEGLI SCRITTORI

Arabi ed ebrei: la politica della traduzione letteraria

Israel_Palestine-300x187Chiunque sia coinvolto nell’arte della traduzione sa il delicato equilibrio che esso comporta: rimanere fedeli al testo originale, purché si permetta al lavoro brillare di luce propria nella sua nuova incarnazione. Si richiede anche una conoscenza intima dell’altra cultura. Ma quando la politica predomina sulle culture, l’intero sistema si rompe, e la traduzione può assumere un significato completamente diverso.

A causa di oltre sessant’anni di lotte, le opere degli scrittori di Israele e del mondo arabo non sono stati spesso tradotte nei rispettivi paesi.

Tra il XII e il XIV secolo, le traduzioni dall’arabo in ebraico e viceversa erano frequenti. Poeti ebrei e filosofi nei paesi arabi, come Maimonide, hanno scritto prima in arabo, poi hanno tradotto i loro libri in ebraico. Nel XVI secolo è comparso un dizionario di termini medici in arabo, ebraico e latino.

Oggi, il lungo conflitto tra Israele e paesi arabi ha influito pesantemente sulle traduzioni tra le due lingue semitiche, che ora sono viste da molti con sospetto e diffidenza reciproca.

Il quotidiano israeliano Ha’aretz ha recentemente pubblicato un articolo di un editore tunisino sui negoziati con il traduttore israeliano-palestinese Tayeb Ghanayem per la traduzione delle sue opere israeliane in arabo. L’editore ha rifiutato di essere nominato per motivi di sicurezza personale. Un editore libanese che ha anche rifiutato di essere citato pubblicherà una traduzione in arabo di un romanzo dello scrittore israelo-palestinese Sayed Kashua (che scrive in ebraico) la prossima primavera. Gli editori arabi sono discreti quando si tratta di valutare narrativa israeliana o saggistica, ma che poi pubblicano. E i principali giornali arabi pubblicano regolarmente articoli dalla stampa israeliana.

Ci sono ancora poche anime coraggiose in Israele e nelle regioni arabe che stanno sfidando il tabù in uno sforzo per capire l’“altro”.

In Israele, tuttavia, la situazione è diversa. “Ogni giorno, un lettore di arabo può trovare circa 20 articoli tradotti dalla stampa israeliana. Sarebbe difficile per il lettore israeliano trovare un pezzo tradotto [dall’arabo] ogni 20 giorni” ha detto Yael Lerer.

Lerer ha fondato a Tel Aviv Andalus, una casa editrice nel 2000, in cui le culture arabi ed ebree convivevano pacificamente. Andalus era specializzata nella traduzione di letteratura araba in ebraico. Lerer sosteneva che, anche se Israele si trovava nell’epicentro del mondo arabo, gli israeliani, in generale, non erano esposti alla letteratura araba. Diversi autori illustri e poeti come Mahmoud Darwish e Mohamed Choukri, Hanan al Shaykh, Huda Barakat e Elias Khoury hanno accettato di essere tradotti in ebraico.

Eppure Lerer è stato recentemente costretto a interrompere le pubblicazioni; Andalus non vendeva abbastanza libri per rimanere in vita. Lerer attribuisce questo a una mancanza di interesse da parte della popolazione di Israele. Tra il 1930 e il 2000, ha detto Lerer, solo 32 romanzi sono stati tradotti dall’arabo in ebraico.

La traduzione è stata il ‘modus operandi’ di Andalus. In un’intervista nel 2004 Lerer, che parla correntemente l’arabo, ha dichiarato: “L’ebraico e l’arabo sono molto simili. La qualità delle maggior parte delle traduzioni – non solo letterarie, ma anche giornalistiche – è scadente perché la traduzione in ebraico di solito si attiene troppo strettamente al testo arabo. Una frase in arabo può essere espressa in ebraico esattamente con la stessa struttura della frase, ma il risultato stilistico è scarso; l’ebraico suona antiquato e artificiale. Il nostro obiettivo era una traduzione vera e propria. Ciò significa che quando un testo di Mohamed Choukri è tradotto in ebraico, il risultato dovrebbe suonare come se Choukri stesso avesse scritto il testo in ebraico. Dovrebbe essere in ebraico moderno con le caratteristiche dell’arabo di Choukri. Il problema è che molta poca traduzione è fatta dall’arabo in ebraico, quindi non ci sono traduttori professionisti che hanno una vasta esperienza pratica a cui attingere. Tutti i traduttori con cui lavoriamo in realtà hanno altre professioni.”

Una famosa traduttrice scrive: “Le lingue sono molto vicine, ci sono somiglianze nel vocabolario e nella grammatica. L’arabo è una lingua molto ricca, quindi se si vuole giocare con le parole, il linguaggio, la descrizione e le metafore allora si è in un buon posto. L’ebraico ha meno aggettivi quindi bisogna stare attenti. Si deve lavorare di più per trovare qualcosa che corrisponda. È parte della sfida.”

In Israele, è un problema importare libri in arabo o farli passare la dogana. I traduttori dall’ebraico all’arabo sono giudei che erano immigrati in Israele dai paesi arabi, come nel caso di Sami Michael, che ha tradotto la trilogia di Nagib Mahfuz nel 1980. Ma anche gli israeliani palestinesi costituiscono una gran parte di questi traduttori e spesso traducono da entrambe le lingue. Hanno il vantaggio aggiunto di avere una conoscenza profonda di entrambe le culture, un ingrediente essenziale per una buona traduzione. Uno dei traduttori più noti è Anton Shammas, ora con sede negli Stati Uniti, che ha tradotto di Emile Habibi La vita segreta di Saʿīd, il Pessottimista, un romanzo satirico sulla vita di un israeliano palestinese.

L’autore palestinese e traduttore Ala Hlehel scrive: “Ho deciso nel mio primo anno di università di studiare ebraico. Ho pensato che conoscere la lingua ebraica mi avrebbe dato più potere come persona e come parte della minoranza arabo-palestinese in Israele. Mi sono abbonato al giornale Ha’aretz, ho cominciato a leggere letteratura ebraica e controllarne la lingua. Quando ho iniziato a tradurre dall’ebraico all’arabo sono arrivato alla conclusione che avevo bisogno di conoscere la cultura israeliana di più. È possibile tradurre le parole con l’aiuto di un dizionario, ma è necessario conoscere la cultura, al fine di tradurre lo spirito esatto del testo.”

Hlehel ammette che la sua relazione con l’ebraico è molto complessa: “Sono consapevole del fatto che la lingua ebraica usata per dare ordini militari per bombardare i palestinesi a Gaza è la stessa lingua che Hanoch Levin, Natan Zach e Yeshayahu Leibowitz utilizzano. Si tratta di un rapporto molto complicato, in qualche modo misterioso per me…”

Un altro modo in cui la politica ostacola l’arabo e le traduzioni in ebraico è il concetto di “normalizzazione” tra paesi arabi e Israele o tra palestinesi e israeliani.

Nel 2000, quando il ministro israeliano della Pubblica Istruzione annunciò che voleva includere due poesie di Mahmoud Darwish nel programma della scuola superiore, scatenò un putiferio, al punto tale che l’allora primo ministro, Ehud Barak, affermò: “La società israeliana non è matura per studiare Darwish.”

A Yael Lerer erano fin troppo familiari i problemi di “normalizzazione” quando ha fondato Andalus, e si rese conto che la maggior parte degli autori egiziani non voleva che la loro opera fosse tradotta in ebraico. Ma un intero altro gruppo di autori arabi ha concesso i propri diritti di pubblicazione gratuitamente. Lerer disse che “riconosceva i pericoli di creare un falso senso di “pacificazione” e “dialogo” per mezzo della “normalizzazione”. La traduzione di letteratura araba in ebraico è un mezzo per resistere all’occupazione, rendendo la lingua araba e la sua cultura presenti nella vita quotidiana di Israele forme di resistenza all’occupazione.

Molti intellettuali e autori arabi, gran parte di loro egiziani, si rifiutano di vendere i propri diritti di case editrici israeliane. Questo porta spesso alla pirateria, come nel caso del bestseller di Ala al-Aswani, Palazzo Yacoubian.

Lo scorso anno, l’organizzazione con sede a Gerusalemme, il Centro israelo-palestinese per la Ricerca e l’Informazione ha pubblicato in ebraico il romanzo di al-Aswani sul suo sito web. L’organizzazione non ha chiesto il permesso ad al Aswani, affermando che “la questione è che il diritto degli israeliani a leggere quel libro era superiore al suo diritto d’autore.”

Comprensibilmente, al-Aswani si è arrabbiato molto.

Ma la stessa questione della pirateria nel nome della “cultura” si verifica anche in Egitto.

Un autore e traduttore che ha studiato l’ebraico al Cairo dice di aver tradotto un libro dello storico israeliano Idith Zertal senza il suo permesso per una casa editrice egiziana.

“Tradurre la letteratura e gli scritti israeliani di per sé non è un tabù. Il tabù è trattare con le case editrici israeliane, dal momento che questo è considerato “normalizzazione con il nemico”. Ma ci sono delle opzioni. Uno di queste è la versione illegale, che è la migliore di una cattiva soluzione.”

Nel 2009 Eltoukhy, che ha tradotto dall’ebraico numerosi libri e una raccolta di poesie, ha iniziato un blog in arabo dedicato alla letteratura israeliana. Egli aggiunge settimanalmente nuovi testi, e finora ha tradotto circa cento autori israeliani, anche se, per la maggior parte senza il loro permesso.

“Penso che tradurre la letteratura israeliana sia molto importante per noi, come arabi, per due motivi: bisogna penetrare l’ignoranza araba su Israele. Sappiamo solo alcuni nomi come Amos Oz e David Grossman, e spesso non abbiamo letto nemmeno le loro opere. Si tratta di sapere tutto per combattere l’ignoranza. Ci sono anche ragioni politiche: abbiamo bisogno di sapere di più sul paese, sulle tendenze dei suoi scrittori, dobbiamo conoscere le ali di destra e di sinistra. Traduco tutti sul mio blog. Emotivamente mi trovo vicino alle visioni degli scrittori di sinistra, come Yitzhak Laor, Aharon Shabtai, Khanokh Levin, Almog Behar, e un grande pensatore come Ella Shohat, ma traduco tutti i tipi di testi, compresi quelli che non hanno significato politico. Dovremmo sapere di più su tutti i tipi di scrittura. Ogni giorno scopro un nuovo scrittore che non conoscevo prima, e questo è incredibile”.

Acquisire conoscenze su un’altra cultura è essenziale per Ramallah Madar, il forum palestinese per gli studi israeliani, che ha un’unità di traduzione e di pubblicazione.

Honaida Ghanim, un israeliano palestinese con un dottorato in sociologia presso l’Università Ebraica è il direttore di Madar. Madar acquista il diritto d’autore dagli editori israeliani e generalmente pubblica quattro libri all’anno tradotti in arabo. Madar pubblica libri soprattutto politici e sociologici e occasionalmente di narrativa, come i racconti di Oz Shelach.

Si può sperare che verrà un giorno in cui le traduzioni dall’arabo all’ebraico e viceversa riprenderanno. Come Edith Grossman ha scritto nel Perché materia di traduzioni “La traduzione afferma la possibilità di una coerente esperienza unificata della letteratura nella molteplicità del mondo delle lingue. Allo stesso tempo, la traduzione celebra le differenze tra le lingue e le molte varietà dell’esperienza umana e della percezione che possono esprimere. Non credo che questa sia una contraddizione. Piuttosto, testimonia il comprensivo abbraccio tra letteratura e traduzione”.

Arabi ed ebrei: la politica della traduzione letteraria

Predire il futuro

past, present, future, time concept on blackboard

La previsione è difficile, specialmente per il futuro”, ha detto il padre della fisica quantistica Niels Bohr. Le sue parole sono spesso citate – a torto – come una tautologia. Bohr non intendeva affermare l’ovvio, ma ha fatto riferimento alla natura non deterministica dei fenomeni quantistici. Sebbene il mondo microscopico dei quanti è vincolato da un insieme di leggi naturali e, a differenza della fisica newtoniana, è davvero impossibile prevedere l’evoluzione di un evento quantistico in futuro. L’unica cosa che si può prevedere è la probabilità di questo evento, o la sua “funzione d’onda”, com’è chiamato.

Ci sono lezioni da trarre da futurologi sociali dalla fisica quantistica? L’economia è un primo esempio di scienza sociale che aspira ma non riesce a fare previsioni attendibili per il futuro. Spesso l’economia è chiamata la “scienza triste”. Gli economisti non potevano prevedere il futuro, non a causa di fenomeni quantistici, ma a causa della instabilità e dell’indeterminismo di macroscopici fenomeni complessi, come i mercati e gli eventi della vita. Ma chi lo sa? Forse gli eventi imprevedibili che cambiano il percorso della storia sono legati alla fisica quantistica dopo tutto, anche se questo deve essere ulteriormente esplorato. Tuttavia, i media insistono nel chiedere le previsioni di esperti di tutti i tipi. Abbiamo bisogno dei nostri profeti e delle loro profezie; e li condanniamo quando falliscono. In definitiva, abbiamo bisogno di credere che il futuro possa essere predetto in qualche modo, per magia o tramite la scienza, da una Maga allucinante o da un supercomputer. Perché?

Dobbiamo soprattutto per i vittoriani la futurologia. Il romanzo scientifico letterario era in realtà un’estrapolazione satirica di norme e tendenze contemporanee. Il futuro è come il presente, solo con molta più tecnologia, almeno idealizzata. Jules Verne, Edwin Abbott, e HG Wells ci portano su percorsi dove le persone sono le stesse mentre tutto il resto intorno a loro cambia. Questa indebita percezione del futuro persisteva nella scienza come nella fantascienza. Mi diverte sempre quando vedo gli umani del XXIII secolo in Star Trek sono così simili a noi, e affrontano con i nostri dilemmi cultura e guerre contemporanee. Tali previsioni presuppongono che le percezioni culturali e i valori sociali rimangono costanti e quello che cambia è la tecnologia. Essi ignorano (a) la casualità e (b) che la tecnologia cambia le percezioni culturali e i valori sociali.

 

Nonostante le lacune della preveggenza umana, in campo accademico gli studi sul futuro sono prosperati in varie università di tutto il mondo. Le metodologie, come la previsione, sono state sviluppate per informare i politici preoccupati, gli imprenditori e gli investitori in merito a ciò che è da venire. Questi metodi sono diventati piuttosto sofisticati nel corso degli anni. La storia è analizzata nei computer e sono emersi alcuni modelli. Ad esempio, è stato notato che ogni volta che ci sono molti giovani disoccupati si ribella la società degli uomini, e c’è un cambiamento in politica.

Immaginiamo di tornare indietro nel tempo, al 1914. Stiamo parlando con una persona. Se questo amico immaginario dovesse chiederci: “Come pensi che sarà il mondo tra cento anni?”. “Nel 2014” potremmo rispondere,”dopo 100 anni di pace e prosperità, la gente avrà costruito case sulla luna e sulle stelle, e i nostri pronipoti andranno a lavorare su macchine volanti…”

Pochi giorni dopo, la storia invece avrebbe preso un’altra piega e sarebbe iniziato un terribile incubo con l’invasione del Belgio da parte dell’esercito imperiale tedesco che si concluderà nel 1989 con la caduta del muro di Berlino.

La complessità rende tutte le previsioni sul futuro inevitabilmente una presa in giro. Allora perché lo facciamo? Perché siamo così ossessionati nel voler predire il futuro?

Un’utilitarista direbbe che predire il futuro riduce il rischio di investimento nel presente – che è giusto ovviamente, e questo è ciò che fanno i gestori del rischio nelle banche d’investimento. Spiegazioni utilitaristiche simili valgono per quasi ogni decisione che prendiamo, ad esempio per comprare una casa (speriamo che i prezzi saliranno e non cadranno in futuro), o scegliere il lavoro, o sposarsi e avere una famiglia. C’è qualcosa circa il nostro sistema cognitivo che ci costringe a immaginare il futuro; è ciò che ha reso i nostri antenati grandi strateghi. Non possiamo sfuggire alle nostre menti: predire il futuro è ciò che ci dà forma al presente, ciò che ci rende quello che siamo e quello che decidiamo di fare – e questo è il motivo per cui lo facciamo. Ahimè, spesso è il caso che ci innamoriamo delle nostre profezie, solo per essere sorpresi e scioccati quando non si avverano.

 

Predire il futuro

Libri per Natale

Libri per Natale? Che diavolo sono?

Dovrebbe servire da ammonimento per ogni genitore che ha deciso di andare in fondo al motto ‘la cultura innanzitutto’ anche a Natale.

Un bambino di tre anni ha perso la sua allegria di Natale quando ha ricevuto un libro come dono di Natale.

Il ragazzo si vede vestito con un pigiama ed praticamente sepolto in un mucchio di altri regali.

Egli strappa eccitato la carta da imballaggio per scoprire l’ennesimo misterioso regalo, che risulta essere di tre libri.

article-1
Che cos’è questo, allora? Le mani eccitate del bambino strappano la carta da imballaggio per rivelare l’ennesimo regalo di Natale.

article-2

C’è un regalo qui da qualche parte: dopo aver scartato quella che sembra essere una pila di libri, il ragazzo si agita nel tentativo di rivelare il ‘vero’ regalo.
article-3

Oddio: Il totale disprezzo per il materiale di lettura è evidente sul volto del bambino come se avesse detto ‘Che diavolo è questo?’ ai suoi genitori, urlandolo a squarciagola.

article-4
Con involontario ma superbo stile da commedia, il bambino passa al setaccio i libri, nel tentativo di trovare il ‘reale’ presente.

Quando si accorge che i libri sono davvero il regalo, il suo umore si sposta da eccitazione vertiginosa all’indignazione precoce.

“Libri?” egli tuona, guardando incredulo gli oggetti offensivi sparsi sul pavimento.

Quando suo padre ignaro conferma i sospetti del bambino, entrambi i genitori non sono risparmiati dall’ira del piccolo.

“Libri per Natale? Che diavolo sono?”

In piedi e allontanandosi, come se improvvisamente contengano qualcosa di contagioso, il bambino lancia un dito accusatore sui libri e aggiunge: “Non capisco i libri. Questo non è un giocattolo, che me ne faccio dei libri”.

article-5

Esige una spiegazione. Ora è in piedi e punta il dito contro i libri: il bambino rivela tutto il suo odio e pensa che il dono è uno ‘schifo’.

Questo pacco sembra essere migliore. Il bambino si è spostato su un altro regalo, guardandolo con sospetto. Suo padre lo rassicura: “Non credo che quelli siano libri”.

Sia la madre sia il padre ascoltano ridendo la reazione del bambino, che sembra suscitare ancora maggiore emozione nel figlio.

Quando sua madre ripete “Sai che non è facile trovare libri giusti per Natale?” lui dice: “No. Li odio”.

Il commento potrebbe essere che lettori si nasce oppure si diventa. Dove finiranno quei soliti giocattoli regalati ai nostri figli a Natale? Distrutti o dimenticati nel giro di pochi giorni.

Un libro si può conservare per sempre. Quando il bambino diventerà adulto, ritrovando tra le mani la sua fiaba o un libro illustrato, penserà che i suoi genitori avevano fatto bene a regalargli un libro.

Non esistono solo ‘giocattoli’ per Natale.

I libri sono anche un divertimento per i bambini. Abituiamoli alla lettura fin da piccoli. Così cresceremo dei lettori.

Libri per Natale