Io sono un piccolo editore e sono costretto a dire no a tanti meravigliosi scrittori

libri_istock_000010604179_large_1Su Internet, si leggono spesso lettere di rifiuto inviate dagli editori agli autori. Più spesso, come nel nostro caso, non rispondiamo se il testo che ci è stato proposto non si adatta alla nostra linea editoriale. Siamo chiari con tutti: se un autore non riceve una risposta entro due mesi, il suo manoscritto non potrà essere pubblicato da noi.

Cosa sia più scoraggiante per un autore, se il silenzio o una lettera dell’editore con un tono critico o piena di ironia, oppure una mail senz’anima che dice testualmente: Siamo spiacenti ma siamo costretti a rifiutare la pubblicazione del suo manoscritto, non è dato saperlo. Nessuno è capace di spiegare a questi meravigliosi scrittori le motivazioni del rifiuto. Il motivo è semplice: decine di manoscritti arrivano in redazione, anche a un piccolo editore come me. È un grosso impegno leggere con attenzione almeno una parte di questi testi. Gli autori spesso sbagliano a formulare una sinossi, una presentazione di se stessi o spediscono i propri romanzi senza aver visionato la “famosa linea editoriale” della casa editrice:

La famosa linea editoriale … sì

“Indipendentemente dalla qualità del testo, semplicemente non si adatta alla nostra linea editoriale.”

Senza offesa per qualcuno, esiste un concetto, soprattutto quando si tratta di una piccola casa editrice. Per creare un’identità e rimanere nell’ambito delle proprie competenze, un editore preferisce pubblicare quello che ritiene meglio per vendere.

Per noi, questo è la narrativa e in particolare il romanzo poliziesco. Cerchiamo in particolare autori esordienti che abbiamo meno di trentadue anni. Lo abbiamo annunciato sul nostro sito, sul nostro catalogo, vorremmo pubblicare solo questi romanzi, soprattutto thriller incentrati sulla realtà della provincia italiana e l’umano (i personaggi passano prima dell’azione).

Eppure riceviamo manoscritti di racconti, storie, poesie, favole, saggi, di fantasia come di fantascienza da autori di tutte le età.

Poter rispondere a tutti motivando il nostro rifiuto sarebbe un impegno che non possiamo assumere. Non ci riusciremmo neanche se restassimo svegli di notte per tutte le notti del calendario.

Per molti scrittori esordienti, l’editore è una sorta di intermediario per finanziare la stampa e la distribuzione del proprio libro. Una piccola casa editrice non può avere la stessa capacità di penetrazione della grande casa editrice sul mercato delle vendite. Un autore non deve pensare a queste ultime, alle royalties, se riceve un contratto di pubblicazione dal piccolo editore. Questi non vende al supermercato, non ha decine di redattori e giornalisti dell’ufficio stampa che lavorano e si dedicano alla promozione. La frustrazione degli scrittori che vorrebbero agire come giocatori professionisti sarebbe inferiore se si comprendessero le dinamiche del mondo editoriale, costruito da una sinergia tra poche grandi case editrici e le librerie di proprietà delle stesse mentre la fetta di mercato destinata agli affamati piccoli editori è talmente piccola che non soddisfa nessuno. Non si vive di sole briciole, anche se in questo caso sono briciole di cultura. Il paradosso tra grandi e piccoli non è stato superato neanche dall’evoluzione della tecnologia che ha reso più facile l’accesso a monte della posizione di editore, ma le barriere all’ingresso sul mercato si sono rafforzate. Questo paradosso riguarda il punto di distribuzione, compromesso dalla crescita di gruppi dominanti e delle catene di librerie, e dall’espansione della produzione, ormai attestata a sessanta o settantamila titoli all’anno.

La dimensione artigianale dell’attività del piccolo editore caratterizza lo striminzito gruppo redazionale anche nelle scelte editoriali. Si lavora quais giornalmente con gli autori, stando attenti agli aspetti tecnici della produzione. Tuttavia, raramente si è in grado di elaborare questioni legali a livello soddisfacente e si hanno problemi di gestione, promozione e commercializzazione.

Un piccolo editore inizia sempre con uno o due dipendenti a tempo parziale o autonomo. Poche case riescono ad aumentare la propria forza lavoro, anche se una precedente esperienza permette di lasciare più velocemente queste condizioni minime.

Nella maggior parte dei casi, il capitale iniziale è molto basso ed è spesso disperso. Negli anni seguenti la fondazione, gli aumenti di capitale sono difficili da realizzare, per cui insorgono presto una serie di problemi: capitale insufficiente, scarso accesso al credito e difficoltà a usarlo, margine di manovra debole per un ulteriore sviluppo.

La speranza è l’ultima a morire anche per un piccolo editore. Le grandi case non sempre riescono a vedere il potenziale di un manoscritto. A volte, c’è bisogno, nel bel mezzo di una mancanza di curiosità e audacia, del giovane editore, il piccolo saccente che vuol stampare libri solo per il gusto di cercare nuovi lettori e non per guadagnarci. Qual è la realtà di una catena virtuosa del libro e della diversità culturale del piccolo editore? Le zone di incomprensione e l’ignoranza reciproca sono molte, e la convergenza degli sforzi tra editori, librai e istituzioni culturali (biblioteche, teatri, cinema, scuole d’arte…) rimane insufficiente. Non resta che, per lo scrittore esordiente (fermo restando che pubblicare a pagamento è un sacrilegio), inviare il proprio manoscritto custodendolo in una bottiglia destinata alle acque del mare perché qualcuno, alla fine, la trovi e lo legga ma, c’è da considerare, che anche molte bottiglie non farebbero che creare un eccessivo inquinamento marino. In un mondo perfetto della letteratura, l’editore dovrebbe ricevere solo una piccola percentuale di manoscritti che attualmente gli sono proposti. Aiuterebbe senz’altro l’editore a vagliare e selezionare i testi di qualità. L’autore dovrebbe maggiormente riflettere sul testo che invia. Meglio rileggere e rileggere, meglio affidarsi a un bravo editor che revisioni e migliori il manoscritto piuttosto che gettare in mare anche la più piccola speranza di essere pubblicati.

 

 

Annunci
Io sono un piccolo editore e sono costretto a dire no a tanti meravigliosi scrittori

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Flags 3D Globe

Negli ultimi decenni, gli sviluppi nel campo della grammatica trasformazionale, della linguistica generale e contrastiva, della semantica, della teoria dell’informazione, dell’antropologia, della semiotica, della psicologia e dell’analisi del discorso hanno esercitato una grande influenza sulla teoria della traduzione in generale, consentendo di offrire nuove intuizioni nel concetto di corrispondenza sul trasferimento tra sistemi linguistici e culturali.

Tuttavia, la traduzione di narrativa ha beneficiato molto poco degli sviluppi che si riferiscono alla linguistica. Negli studi di traduzione letteraria, molta attenzione è stata data alla traduzione poetica, poca alla traduzione di narrativa.

È generalmente accettato che tradurre la narrativa è un processo complesso soggetto all’influenza di numerosi fattori variabili, come ad esempio se la traduzione deve essere orientata alla lingua originale o alla lingua di arrivo, o se un dato originale deve essere adattato per certi scopi pragmatici. La traduzione di narrativa è molto più complicata di quanto sia la traduzione di altri generi, in quanto tratta non solo il transfert bilingue, ma anche quelli bi-culturale e bi-sociale. Il traduttore deve rappresentare culture diverse, molto diverse in termini di convenzioni linguistiche, letterarie e culturali-sociali. Il traduttore non solo deve prestare particolare attenzione ad alcuni modi peculiari in cui il linguaggio genera effetti estetici nella lingua originale e ai metodi utilizzati dai traduttori per raggiungere un’identità espressiva in italiano, ma anche dare spunti ai valori culturali-sociali nella traduzione. Tuttavia, entrambi gli approcci letterario-stilistici e linguistici non sono riusciti a riconoscere la natura della traduzione narrativa.
Per la prosa narrativa, esistono due tipi di stile: uno è lo stile autoriale, vale a dire lo stile relativo al significato in modo generale. Quando si parla di stile autoriale, in altre parole, si parla di un modo di scrivere che è riconoscibile in un particolare scrittore, come ad esempio nei russi Viktor Pelevin e Vladimir Sorokin. Questo modo di scrivere distingue la scrittura un autore da quella degli altri, e le diverse visioni del mondo degli autori. La loro satira è forte e irresistibile, proprio perché dà uno specchio fedele della realtà e della propria visione del mondo. L’altro concetto di stile è lo stile del testo, vale a dire lo stile intrinsecamente legato al significato. Proprio come gli autori possono dire di avere uno stile, così può essere per i testi. Quando esaminiamo lo stile del testo, dobbiamo analizzare le scelte linguistiche che sono intrinsecamente connesse al significato e all’effetto sul lettore. I modelli lessicale e grammaticale, la coerenza del discorso e la coesione, e la figura del discorso dovrebbero essere esplorate in dettaglio. A volte, anche una virgola apparentemente insignificante può essere molto importante in termini interpretativi. Il concetto di stile della prosa narrativa è molto utile per esplorare la natura della sua traduzione.

La traduzione di narrativa comporta lo scambio di esperienza sociale di individui nel mondo immaginario con i lettori di un’altra cultura o società. Sia il fattore sociale sia il fattore autoriale sono enfatizzati nel processo di traduzione. Pertanto, la riproduzione di stile (sia dello stile autoriale sia dello stile del testo) è considerato il nucleo nella traduzione di narrativa. È un compito difficile per il traduttore di narrativa esplorare lo stile di un romanzo e il messaggio che l’autore trasmette sulla vita sociale, i rapporti umani, ecc.

La prosa narrativa ha una grande influenza sociale. Un best seller può avere milioni di lettori, e molti romanzi sono adattati in film, aumentando ulteriormente il loro pubblico. Esercitare un’influenza sociale su larga scala è anche lo scopo dei romanzieri. Anche la traduzione di narrativa ha dunque un’influenza sociale su larga scala, e questo è il motivo per cui sempre più narrativa è tradotta in molte lingue.
L’intero processo coinvolto nella traduzione di un romanzo è quindi complicato, tra cui la codifica del messaggio da parte del prosatore, e la decodifica e la riconversione del messaggio da parte del traduttore. Il messaggio, tra cui significato, stile e funzionalità, sono ciò che l’autore di prosa vuole trasmettere attraverso il suo romanzo in ordine di livello pragmatico (intenzione dell’autore o il tema della finzione), livello semantico (scelta delle parole), livello sintattico (scelta dei modelli di frase, ecc.) e il livello del discorso (che integra i precedenti tre livelli in tutto il discorso). Tuttavia, il traduttore decodifica il messaggio in ordine inverso. In un primo momento, il traduttore si imbatte in tutto il discorso di prosa narrativa, e poi lo analizza a livello sintattici, semantici e, infine, pragmatici. La cosa più importante è come il traduttore ri-codifica il messaggio che capisce, che è alla base dell’attività di traduzione.

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa