L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito) seconda parte

Maksim Gor’kij

(scrittore russo, 1868-1936)

L’orologio

maxim_gorkiSECONDA PARTE

traduzione dal russo

 

IV.

Tic-tac!

Se si potesse pensare solo a questo, che cosa significa questo moto incessante, la sensazione di non esserne degni ci opprimerebbe. O che questa consapevolezza possa svegliarci, potrebbe risvegliare l’orgoglio in noi e portarci alla lotta con la vita. La vita, che ci offende: dichiariamo guerra contro di essa.

Quando la natura portò una volta  l’uomo alla fase in cui non aveva più bisogno di strisciare sul ventre, gli diede un compito – l’ideale. E da quel momento istintivamente e inconsciamente aspira sempre più in alto. Fare di questa aspirazione un essere consapevole; insegnare agli uomini che la vera felicità dell’umanità è solo quella di essere trovati nella consapevole aspirazione verso qualcosa di superiore. Non accusare se stessi di impotenza, non accusarsi di nulla. Ciò che è possibile ottenere con ogni mezzo è peccato – un’elemosina per l’indigente intellettualmente. Tutte le persone sono infelici, ma il più infelice è chi si vanta della sua infelicità. Tali persone hanno sete di dirigere l’attenzione degli altri a se stessi, ma questi sono quelli che ne sono meno degni.

L’aspirazione è il più grande oggetto della vita. Che tutta la vostra vita sia una tale aspirazione, che le ore più gloriose diventino la nostra parte.

V.

Tic-tac! Tic-tac!

“Perché dare a chi è nella miseria, e la vita sprofonda fino all’amarezza nel cuore, all’uomo la cui via è nascosta?” Questa è la domanda chiave da fare a Dio. Non ci sono oggi  più queste persone coraggiose che, nella consapevolezza di essere a livello con Dio, non temino di parlare con Dio, come Giobbe. Gli uomini pensano se stessi come esseri troppo piccoli, troppo insignificanti. Non amano la vita abbastanza, né se stessi. Temono il dolore, perché sanno che non possono sfuggirgli. L’inevitabile è una legge di natura. È un dato di fatto, e bisogna affrontarlo, che la morte dell’uomo inizia da quando vide per la prima volta la luce. Solo la consapevolezza di aver compiuto qualcosa può distruggere la paura della morte. Il percorso che si  calpesta onestamente assicura un finale tranquillo.

Tic-tac! E tutto ciò che rimane dell’uomo sono le sue opere. Le sue ore, con i desideri che esse contengono, rompono e fanno spazio ad altre ore. Le ore misurano la tua vita! Ore crudeli!

VI.

Tic-tac! Tic-tac!

In questo mondo pieno di contraddizioni, menzogne e malvagità prosperano in enorme misura. Tutto sarebbe migliore se gli uomini cercassero reciprocamente di proteggersi a vicenda, e se ognuno avesse un vero amico. L’individuo, per quanto grande, è di poco conto. La comprensione reciproca è assolutamente necessaria, perché il modo in cui ci esprimiamo è molto più debole dei nostri pensieri. Molte parole mancano all’uomo per permettergli di aprire il cuore al suo amico. Da qui nasce la perdita di così tanti pensieri importanti, perché non possiamo al momento giusto trovare le forme giuste per essi. Un pensiero nasce, e con esso, il profondo e sincero desiderio di incarnare questo pensiero in parole dure come l’acciaio. Ma le parole mancano.

Più attenzione, quindi, ai pensieri! Contribuire ad aumentare il numero di pensieri che nascono, perché i problemi non saranno ricompensati. Potete trovare pensieri ovunque, anche nelle fessure delle pietre, ci sono, per lui, che sa come trovarli. Non dipende dall’uomo se egli sarà un signore della vita, invece che uno schiavo? Se voi aveste il desiderio ardente di vivere, e la coscienza orgogliosa della vostra forza, tutta la vita non sarebbe altro che una fila di ore gloriose, dense di forza spirituale e di grande eroismo magnanimo che stupirebbero voi stessi.

VII.

Tic-tac! Tic-tac!

Lunga vita alle anime forti, gli uomini coraggiosi! Gli uomini che dedicano la loro vita alla verità e alla giustizia e alla bellezza!

Noi non conosciamo questi uomini, perché sono orgogliosi e non cercano una ricompensa. Noi non vediamo con quale gioia sacrificano il loro cuore sull’altare della verità; e come gettano un alone sulla vita dando la vista ai ciechi. È di urgente importanza rendersi conto di essere ciechi, perché ci sono troppi di loro. “Apri gli occhi per vedere l’indegnità della tua vita.”

Lunga vita all’uomo che è padrone oltre la sua nostalgia!

Il mondo intero vive nel suo cuore, e tutti i dolori e le sofferenze vivono nella sua anima. Tutto ciò che è male e brutto, la menzogna e la crudeltà, sono i suoi nemici più acerrimi. Con il cuore pieno, consacra tutte le sue ore a questa lotta, e la sua vita è ricca di gioia tempestosa, bella rabbia e persistente orgoglio.

Non risparmiarsi – questa è la verità più gloriosa sulla terra. Lunga vita all’uomo che non sa come risparmiarsi! Ci sono solo due modi di vivere: marcire o bruciare. Il vile e l’avaro scelgono il primo, il coraggioso e il generoso il secondo. Tutti coloro che hanno un senso del bello sanno dove è nascosta la grandezza.

Le ore della nostra esistenza sono vuote, ore opache. Cerchiamo di riempirle con belle atti di eroismo, senza risparmiare noi stessi! Poi verranno a trovarci ore piene di gioioso tremore, di orgoglio che brucia. Lunga vita all’uomo che non sa come risparmiarsi!

—————————————————————————————————————————————–

Pseudonimo dello scrittore russo Aleksej Maksimovič Pežkov (Nižnij Novgorod 1868-Mosca 1936). Tra i più significativi scrittori russi contemporanei, Maksim Gor’kij (in russo la parola che egli scelse come pseudonimo vuol dire “amaro”) fu il biografo di se stesso in Infanzia (1913), Fra la gente (1915), Le mie università (1922). Narrò la sua difficile esistenza in maniera semplice, senza retorica, conscio che le sue difficoltà fossero quelle di molti. E fu questo forse a fare di lui un cronista del suo tempo. Visse molti anni a Capri, che amò moltissimo. Qui organizzò con altri una scuola di propaganda rivoluzionaria e lasciò i suoi ricordi nei Racconti d’Italia (1911-13). Fu amico di Lenin. Rientrò in patria poco prima della guerra mondiale e diresse il giornale La vita nuova. Diede un’impegnata collaborazione culturale alla Rivoluzione d’Ottobre che preannunciò con i due poemetti in prosa Il canto della procellaria e Il canto del falco. Malato, tornò in Italia, a Sorrento, nel 1921 su invito dello stesso Lenin e nel 1928 fu di nuovo in URSS. Nel 1936 fu eletto presidente dell’Unione degli Scrittori Sovietici.

 

L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito) seconda parte

L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito)

Maksim Gor’kij

(scrittore russo, 1868-1936)

L’orologio

orologi-antichiPRIMA PARTE

traduzione originale dal russo

© Atmosphere libri 2017

Io.

È inquietante ascoltare, nel silenzio e nella solitudine della notte, la bella e uniforme voce dell’orologio. Per quei monotoni suoni matematicamente esatti che segnano sempre una sola e la stessa cosa: il movimento instancabile della vita. La terra giace nelle tenebre e nei sogni. Tutto è sospeso. È l’orologio il solo che, freddo e duro, ricorda il passare dei secondi. Il pendolo ticchetta. E, a ogni suono, la vita si abbrevia di un secondo. Questo secondo, questo atomo microscopico di tempo, è stato dato a ciascuno di noi, ma non passa, non torna mai più. Da dove è venuto questo secondo e dove va a finire? Nessuno può dare una risposta. Ci sono molte altre domande che restano senza risposta, molte domande epocali, dalla cui risposta dipende la felicità della nostra vita.

Come vivremo in modo da avere la consapevolezza di non avere vissuto invano? Come faremo a vivere in modo da non perdere la fede e la forza di volontà? Come possiamo vivere sapendo che nessun secondo che passa non è mosso dall’intelletto e dal sentimento? L’orologio darà mai una risposta a questo? Oh! questo movimento senza fine! Che cosa dirà l’orologio di ciò?

II.

Non c’è niente al mondo più equanime dell’orologio. Esso ha ticchettato con la stessa uniformità al momento della nostra nascita e al momento in cui abbiamo strappato i fiori dei sogni giovanili. Dal giorno della sua nascita in poi, l’uomo si sta muovendo sempre più vicino fino alla fine e, quando si trova in extremis, l’orologio, freddo e impassibile come sempre, continuerà a contare i suoi secondi.

E se l’uomo ascolta e si percepisce questi conteggi come qualcosa di onnisciente da tutte le conoscenze. Questi toni non possono eccitare di nulla, e nulla è sacro per loro. Sono indifferente a noi, e se vogliamo vivere dobbiamo procurare un altro orologio, un orologio pieno di sentimento e pensiero, un orologio pieno di azioni, come un sostituto per le molte monotone, sorde ore della vita che suonano fredde, che uccidono l’anima con la depressione.

III.

Tic-tac, tic-tac.

Nella fretta mai doma dell’orologio non vi è alcun intervallo di riposo. Che cosa, dopotutto, chiamiamo presente? Un secondo neonato segue su un altro, e già il primo cade nell’abisso del passato.

Tic-tac, e tutto in una volta siamo felici. Tic-tac, e nei nostri cuori si versa il veleno corrosivo del dolore. E si rischia di rimanere nei nostri cuori per tutta la vita, se non vediamo subito che ogni secondo della nostra vita è riempito da qualcosa di nuovo e creativo. C’è qualcosa di seducente nella sofferenza. Si tratta di un privilegio pericoloso. Se noi la possediamo ci dimentichiamo dell’altro, il bene più alto della vocazione umana. E troviamo tante sofferenze che diventano volatili. Esse perdono il loro credito nei confronti dell’attenzione degli uomini. C’è quindi da stupirsi nel considerare la sofferenza come qualcosa di prezioso. No, dobbiamo piuttosto riempire l’anima con qualcosa di più insolito. Non dovremmo?

La sofferenza è un tesoro inutile. E non bisogna lamentarsi con gli altri della vita. Parole di conforto raramente contengono ciò per cui l’uomo desidera. La vita è più ricca, più interessante, se l’uomo cerca di combattere da solo contro tutto ciò che si oppone a lui. È solo nella lotta che le sorde e deprimenti ore della vita scompaiono.

Tic-tac! La vita dell’uomo è assurdamente breve. Come si potrebbe vivere meglio? Alcuni girano ostinatamente lontano dalla vita, altri si dedicano completamente a essa. Alla fine della loro vita i primi sono abbastanza privi di intelligenza e di ricordi, gli ultimi sono ricchi di entrambi. L’uno, come l’altro, muore, e dell’uno come dell’altro non rimane nulla, se non ha dato con gioia ad altri i tesori del suo cuore e l’intelletto. E alla loro morte l’orologio numera i suoi secondi. Tic-tac! E proprio in quei secondi nasceranno nuovi esseri umani, molti, anzi, in un secondo; ma altri non sono già più qui. E nulla rimane di loro, mentre i loro corpi ben presto si dissolvono. Non deve il nostro orgoglio ribellarsi contro questo processo automatico per cui siamo chiamati in vita per poi essere strappati fuori ancora una volta – e nulla più. Rafforziamo, dunque, durante la vostra vita il futuro ricordo di noi, cosicché qualcuno sia orgoglioso di noi, e ribelliamoci contro questa misteriosa funzione del tempo. Pensiamo alla nostra parte nella vita. Un mattone è stato posto. Da allora in avanti rimane immobile nel muro. Poi si sbriciola in polvere e scompare. È noioso e brutto essere solo un mattone, non è vero? Non siamo solo un mattone, noi che possediamo la ragione e l’anima, e assaporiamo a lungo fino in fondo tutti i nostri sentimenti in tempesta!

(i capitoli IV, V, VI e VII proseguono nella seconda parte)

gorkiy_250Pseudonimo dello scrittore russo Aleksej Maksimovič Pežkov (Nižnij Novgorod 1868-Mosca 1936). Tra i più significativi scrittori russi contemporanei, Gor’kij (in russo la parola che egli scelse come pseudonimo vuol dire “amaro”) fu il biografo di se stesso in Infanzia (1913), Fra la gente (1915), Le mie università (1922). Opere famose furono Bassifondi (1902) e La madre (1906). Narrò la sua difficile esistenza in maniera semplice, senza retorica, conscio che le sue difficoltà fossero quelle di molti. E fu questo forse a fare di lui un cronista del suo tempo. Visse molti anni a Capri, che amò moltissimo. Qui organizzò con altri una scuola di propaganda rivoluzionaria e lasciò i suoi ricordi nei Racconti d’Italia (1911-13). Fu amico di Lenin. Rientrò in patria poco prima della guerra mondiale e diresse il giornale La vita nuova. Diede un’impegnata collaborazione culturale alla Rivoluzione d’Ottobre che preannunciò con i due poemetti in prosa Il canto della procellaria e Il canto del falco. Malato, tornò in Italia, a Sorrento, nel 1921 su invito dello stesso Lenin e nel 1928 fu di nuovo in URSS. Nel 1936 fu eletto presidente dell’Unione degli Scrittori Sovietici. Il racconto L’orologio (ЧАСЫ) fu scritto nel 1896.

L’orologio di Maksim Gor’kij (inedito)

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Flags 3D Globe

Negli ultimi decenni, gli sviluppi nel campo della grammatica trasformazionale, della linguistica generale e contrastiva, della semantica, della teoria dell’informazione, dell’antropologia, della semiotica, della psicologia e dell’analisi del discorso hanno esercitato una grande influenza sulla teoria della traduzione in generale, consentendo di offrire nuove intuizioni nel concetto di corrispondenza sul trasferimento tra sistemi linguistici e culturali.

Tuttavia, la traduzione di narrativa ha beneficiato molto poco degli sviluppi che si riferiscono alla linguistica. Negli studi di traduzione letteraria, molta attenzione è stata data alla traduzione poetica, poca alla traduzione di narrativa.

È generalmente accettato che tradurre la narrativa è un processo complesso soggetto all’influenza di numerosi fattori variabili, come ad esempio se la traduzione deve essere orientata alla lingua originale o alla lingua di arrivo, o se un dato originale deve essere adattato per certi scopi pragmatici. La traduzione di narrativa è molto più complicata di quanto sia la traduzione di altri generi, in quanto tratta non solo il transfert bilingue, ma anche quelli bi-culturale e bi-sociale. Il traduttore deve rappresentare culture diverse, molto diverse in termini di convenzioni linguistiche, letterarie e culturali-sociali. Il traduttore non solo deve prestare particolare attenzione ad alcuni modi peculiari in cui il linguaggio genera effetti estetici nella lingua originale e ai metodi utilizzati dai traduttori per raggiungere un’identità espressiva in italiano, ma anche dare spunti ai valori culturali-sociali nella traduzione. Tuttavia, entrambi gli approcci letterario-stilistici e linguistici non sono riusciti a riconoscere la natura della traduzione narrativa.
Per la prosa narrativa, esistono due tipi di stile: uno è lo stile autoriale, vale a dire lo stile relativo al significato in modo generale. Quando si parla di stile autoriale, in altre parole, si parla di un modo di scrivere che è riconoscibile in un particolare scrittore, come ad esempio nei russi Viktor Pelevin e Vladimir Sorokin. Questo modo di scrivere distingue la scrittura un autore da quella degli altri, e le diverse visioni del mondo degli autori. La loro satira è forte e irresistibile, proprio perché dà uno specchio fedele della realtà e della propria visione del mondo. L’altro concetto di stile è lo stile del testo, vale a dire lo stile intrinsecamente legato al significato. Proprio come gli autori possono dire di avere uno stile, così può essere per i testi. Quando esaminiamo lo stile del testo, dobbiamo analizzare le scelte linguistiche che sono intrinsecamente connesse al significato e all’effetto sul lettore. I modelli lessicale e grammaticale, la coerenza del discorso e la coesione, e la figura del discorso dovrebbero essere esplorate in dettaglio. A volte, anche una virgola apparentemente insignificante può essere molto importante in termini interpretativi. Il concetto di stile della prosa narrativa è molto utile per esplorare la natura della sua traduzione.

La traduzione di narrativa comporta lo scambio di esperienza sociale di individui nel mondo immaginario con i lettori di un’altra cultura o società. Sia il fattore sociale sia il fattore autoriale sono enfatizzati nel processo di traduzione. Pertanto, la riproduzione di stile (sia dello stile autoriale sia dello stile del testo) è considerato il nucleo nella traduzione di narrativa. È un compito difficile per il traduttore di narrativa esplorare lo stile di un romanzo e il messaggio che l’autore trasmette sulla vita sociale, i rapporti umani, ecc.

La prosa narrativa ha una grande influenza sociale. Un best seller può avere milioni di lettori, e molti romanzi sono adattati in film, aumentando ulteriormente il loro pubblico. Esercitare un’influenza sociale su larga scala è anche lo scopo dei romanzieri. Anche la traduzione di narrativa ha dunque un’influenza sociale su larga scala, e questo è il motivo per cui sempre più narrativa è tradotta in molte lingue.
L’intero processo coinvolto nella traduzione di un romanzo è quindi complicato, tra cui la codifica del messaggio da parte del prosatore, e la decodifica e la riconversione del messaggio da parte del traduttore. Il messaggio, tra cui significato, stile e funzionalità, sono ciò che l’autore di prosa vuole trasmettere attraverso il suo romanzo in ordine di livello pragmatico (intenzione dell’autore o il tema della finzione), livello semantico (scelta delle parole), livello sintattico (scelta dei modelli di frase, ecc.) e il livello del discorso (che integra i precedenti tre livelli in tutto il discorso). Tuttavia, il traduttore decodifica il messaggio in ordine inverso. In un primo momento, il traduttore si imbatte in tutto il discorso di prosa narrativa, e poi lo analizza a livello sintattici, semantici e, infine, pragmatici. La cosa più importante è come il traduttore ri-codifica il messaggio che capisce, che è alla base dell’attività di traduzione.

Cosa cerca un editore in un traduttore di narrativa

Arabi ed ebrei: la politica della traduzione letteraria

Israel_Palestine-300x187Chiunque sia coinvolto nell’arte della traduzione sa il delicato equilibrio che esso comporta: rimanere fedeli al testo originale, purché si permetta al lavoro brillare di luce propria nella sua nuova incarnazione. Si richiede anche una conoscenza intima dell’altra cultura. Ma quando la politica predomina sulle culture, l’intero sistema si rompe, e la traduzione può assumere un significato completamente diverso.

A causa di oltre sessant’anni di lotte, le opere degli scrittori di Israele e del mondo arabo non sono stati spesso tradotte nei rispettivi paesi.

Tra il XII e il XIV secolo, le traduzioni dall’arabo in ebraico e viceversa erano frequenti. Poeti ebrei e filosofi nei paesi arabi, come Maimonide, hanno scritto prima in arabo, poi hanno tradotto i loro libri in ebraico. Nel XVI secolo è comparso un dizionario di termini medici in arabo, ebraico e latino.

Oggi, il lungo conflitto tra Israele e paesi arabi ha influito pesantemente sulle traduzioni tra le due lingue semitiche, che ora sono viste da molti con sospetto e diffidenza reciproca.

Il quotidiano israeliano Ha’aretz ha recentemente pubblicato un articolo di un editore tunisino sui negoziati con il traduttore israeliano-palestinese Tayeb Ghanayem per la traduzione delle sue opere israeliane in arabo. L’editore ha rifiutato di essere nominato per motivi di sicurezza personale. Un editore libanese che ha anche rifiutato di essere citato pubblicherà una traduzione in arabo di un romanzo dello scrittore israelo-palestinese Sayed Kashua (che scrive in ebraico) la prossima primavera. Gli editori arabi sono discreti quando si tratta di valutare narrativa israeliana o saggistica, ma che poi pubblicano. E i principali giornali arabi pubblicano regolarmente articoli dalla stampa israeliana.

Ci sono ancora poche anime coraggiose in Israele e nelle regioni arabe che stanno sfidando il tabù in uno sforzo per capire l’“altro”.

In Israele, tuttavia, la situazione è diversa. “Ogni giorno, un lettore di arabo può trovare circa 20 articoli tradotti dalla stampa israeliana. Sarebbe difficile per il lettore israeliano trovare un pezzo tradotto [dall’arabo] ogni 20 giorni” ha detto Yael Lerer.

Lerer ha fondato a Tel Aviv Andalus, una casa editrice nel 2000, in cui le culture arabi ed ebree convivevano pacificamente. Andalus era specializzata nella traduzione di letteratura araba in ebraico. Lerer sosteneva che, anche se Israele si trovava nell’epicentro del mondo arabo, gli israeliani, in generale, non erano esposti alla letteratura araba. Diversi autori illustri e poeti come Mahmoud Darwish e Mohamed Choukri, Hanan al Shaykh, Huda Barakat e Elias Khoury hanno accettato di essere tradotti in ebraico.

Eppure Lerer è stato recentemente costretto a interrompere le pubblicazioni; Andalus non vendeva abbastanza libri per rimanere in vita. Lerer attribuisce questo a una mancanza di interesse da parte della popolazione di Israele. Tra il 1930 e il 2000, ha detto Lerer, solo 32 romanzi sono stati tradotti dall’arabo in ebraico.

La traduzione è stata il ‘modus operandi’ di Andalus. In un’intervista nel 2004 Lerer, che parla correntemente l’arabo, ha dichiarato: “L’ebraico e l’arabo sono molto simili. La qualità delle maggior parte delle traduzioni – non solo letterarie, ma anche giornalistiche – è scadente perché la traduzione in ebraico di solito si attiene troppo strettamente al testo arabo. Una frase in arabo può essere espressa in ebraico esattamente con la stessa struttura della frase, ma il risultato stilistico è scarso; l’ebraico suona antiquato e artificiale. Il nostro obiettivo era una traduzione vera e propria. Ciò significa che quando un testo di Mohamed Choukri è tradotto in ebraico, il risultato dovrebbe suonare come se Choukri stesso avesse scritto il testo in ebraico. Dovrebbe essere in ebraico moderno con le caratteristiche dell’arabo di Choukri. Il problema è che molta poca traduzione è fatta dall’arabo in ebraico, quindi non ci sono traduttori professionisti che hanno una vasta esperienza pratica a cui attingere. Tutti i traduttori con cui lavoriamo in realtà hanno altre professioni.”

Una famosa traduttrice scrive: “Le lingue sono molto vicine, ci sono somiglianze nel vocabolario e nella grammatica. L’arabo è una lingua molto ricca, quindi se si vuole giocare con le parole, il linguaggio, la descrizione e le metafore allora si è in un buon posto. L’ebraico ha meno aggettivi quindi bisogna stare attenti. Si deve lavorare di più per trovare qualcosa che corrisponda. È parte della sfida.”

In Israele, è un problema importare libri in arabo o farli passare la dogana. I traduttori dall’ebraico all’arabo sono giudei che erano immigrati in Israele dai paesi arabi, come nel caso di Sami Michael, che ha tradotto la trilogia di Nagib Mahfuz nel 1980. Ma anche gli israeliani palestinesi costituiscono una gran parte di questi traduttori e spesso traducono da entrambe le lingue. Hanno il vantaggio aggiunto di avere una conoscenza profonda di entrambe le culture, un ingrediente essenziale per una buona traduzione. Uno dei traduttori più noti è Anton Shammas, ora con sede negli Stati Uniti, che ha tradotto di Emile Habibi La vita segreta di Saʿīd, il Pessottimista, un romanzo satirico sulla vita di un israeliano palestinese.

L’autore palestinese e traduttore Ala Hlehel scrive: “Ho deciso nel mio primo anno di università di studiare ebraico. Ho pensato che conoscere la lingua ebraica mi avrebbe dato più potere come persona e come parte della minoranza arabo-palestinese in Israele. Mi sono abbonato al giornale Ha’aretz, ho cominciato a leggere letteratura ebraica e controllarne la lingua. Quando ho iniziato a tradurre dall’ebraico all’arabo sono arrivato alla conclusione che avevo bisogno di conoscere la cultura israeliana di più. È possibile tradurre le parole con l’aiuto di un dizionario, ma è necessario conoscere la cultura, al fine di tradurre lo spirito esatto del testo.”

Hlehel ammette che la sua relazione con l’ebraico è molto complessa: “Sono consapevole del fatto che la lingua ebraica usata per dare ordini militari per bombardare i palestinesi a Gaza è la stessa lingua che Hanoch Levin, Natan Zach e Yeshayahu Leibowitz utilizzano. Si tratta di un rapporto molto complicato, in qualche modo misterioso per me…”

Un altro modo in cui la politica ostacola l’arabo e le traduzioni in ebraico è il concetto di “normalizzazione” tra paesi arabi e Israele o tra palestinesi e israeliani.

Nel 2000, quando il ministro israeliano della Pubblica Istruzione annunciò che voleva includere due poesie di Mahmoud Darwish nel programma della scuola superiore, scatenò un putiferio, al punto tale che l’allora primo ministro, Ehud Barak, affermò: “La società israeliana non è matura per studiare Darwish.”

A Yael Lerer erano fin troppo familiari i problemi di “normalizzazione” quando ha fondato Andalus, e si rese conto che la maggior parte degli autori egiziani non voleva che la loro opera fosse tradotta in ebraico. Ma un intero altro gruppo di autori arabi ha concesso i propri diritti di pubblicazione gratuitamente. Lerer disse che “riconosceva i pericoli di creare un falso senso di “pacificazione” e “dialogo” per mezzo della “normalizzazione”. La traduzione di letteratura araba in ebraico è un mezzo per resistere all’occupazione, rendendo la lingua araba e la sua cultura presenti nella vita quotidiana di Israele forme di resistenza all’occupazione.

Molti intellettuali e autori arabi, gran parte di loro egiziani, si rifiutano di vendere i propri diritti di case editrici israeliane. Questo porta spesso alla pirateria, come nel caso del bestseller di Ala al-Aswani, Palazzo Yacoubian.

Lo scorso anno, l’organizzazione con sede a Gerusalemme, il Centro israelo-palestinese per la Ricerca e l’Informazione ha pubblicato in ebraico il romanzo di al-Aswani sul suo sito web. L’organizzazione non ha chiesto il permesso ad al Aswani, affermando che “la questione è che il diritto degli israeliani a leggere quel libro era superiore al suo diritto d’autore.”

Comprensibilmente, al-Aswani si è arrabbiato molto.

Ma la stessa questione della pirateria nel nome della “cultura” si verifica anche in Egitto.

Un autore e traduttore che ha studiato l’ebraico al Cairo dice di aver tradotto un libro dello storico israeliano Idith Zertal senza il suo permesso per una casa editrice egiziana.

“Tradurre la letteratura e gli scritti israeliani di per sé non è un tabù. Il tabù è trattare con le case editrici israeliane, dal momento che questo è considerato “normalizzazione con il nemico”. Ma ci sono delle opzioni. Uno di queste è la versione illegale, che è la migliore di una cattiva soluzione.”

Nel 2009 Eltoukhy, che ha tradotto dall’ebraico numerosi libri e una raccolta di poesie, ha iniziato un blog in arabo dedicato alla letteratura israeliana. Egli aggiunge settimanalmente nuovi testi, e finora ha tradotto circa cento autori israeliani, anche se, per la maggior parte senza il loro permesso.

“Penso che tradurre la letteratura israeliana sia molto importante per noi, come arabi, per due motivi: bisogna penetrare l’ignoranza araba su Israele. Sappiamo solo alcuni nomi come Amos Oz e David Grossman, e spesso non abbiamo letto nemmeno le loro opere. Si tratta di sapere tutto per combattere l’ignoranza. Ci sono anche ragioni politiche: abbiamo bisogno di sapere di più sul paese, sulle tendenze dei suoi scrittori, dobbiamo conoscere le ali di destra e di sinistra. Traduco tutti sul mio blog. Emotivamente mi trovo vicino alle visioni degli scrittori di sinistra, come Yitzhak Laor, Aharon Shabtai, Khanokh Levin, Almog Behar, e un grande pensatore come Ella Shohat, ma traduco tutti i tipi di testi, compresi quelli che non hanno significato politico. Dovremmo sapere di più su tutti i tipi di scrittura. Ogni giorno scopro un nuovo scrittore che non conoscevo prima, e questo è incredibile”.

Acquisire conoscenze su un’altra cultura è essenziale per Ramallah Madar, il forum palestinese per gli studi israeliani, che ha un’unità di traduzione e di pubblicazione.

Honaida Ghanim, un israeliano palestinese con un dottorato in sociologia presso l’Università Ebraica è il direttore di Madar. Madar acquista il diritto d’autore dagli editori israeliani e generalmente pubblica quattro libri all’anno tradotti in arabo. Madar pubblica libri soprattutto politici e sociologici e occasionalmente di narrativa, come i racconti di Oz Shelach.

Si può sperare che verrà un giorno in cui le traduzioni dall’arabo all’ebraico e viceversa riprenderanno. Come Edith Grossman ha scritto nel Perché materia di traduzioni “La traduzione afferma la possibilità di una coerente esperienza unificata della letteratura nella molteplicità del mondo delle lingue. Allo stesso tempo, la traduzione celebra le differenze tra le lingue e le molte varietà dell’esperienza umana e della percezione che possono esprimere. Non credo che questa sia una contraddizione. Piuttosto, testimonia il comprensivo abbraccio tra letteratura e traduzione”.

Arabi ed ebrei: la politica della traduzione letteraria

Il Salone del libro di Torino è ancora utile?  

salone-libro-torino1Nella nostra epoca di comunicazione elettronica istantanea, l’editoria è ancora un business alimentato da una passione per i libri e per le relazioni personali. Questa è rimasta una costante, anche con le nuove opportunità che gli ebook danno agli autori e agli editori, ed è parte del motivo per cui l’editoria è un’arte più che una scienza.

Per un lettore, una fiera del libro dà la possibilità di avere una conoscenza almeno parziale di quello che un editore propone; inoltre, ci si guadagna a incontrare editori, scrittori e parlare dei libri che amano, e i libri che il lettore ama. Per gli scrittori noti e i nuovi autori, una fiera è il luogo in cui agenti ed editori possono concentrarsi su libri di cui sono appassionati. La fiera tuttavia è fatta di grandi e piccole case editrici. Appare superfluo dire che è praticamente impossibile entrare in contatto con un grande editore mentre è piuttosto semplice contattare un piccolo editore. Qui si pone la domanda: chi fa cultura con i libri e chi commercia libri. È indiscutibile che i piccoli editori (quelli seri) sappiano cos’è un libro di qualità. Per un grande editore, l’insinuazione non si pone. Un grande gruppo editoriale sa perfettamente riconoscere un prodotto di qualità, ma spesso preferisce non pubblicarlo perché non garantirebbe i guadagni previsti per ogni libro. Un libro commerciale, al contrario, non avrebbe senso che lo pubblichi un piccolo editore perché comunque non avrebbe la visibilità sulla stampa e in libreria. Se Cinquanta sfumature di grigio fosse stato pubblicato da un piccolo editore avrebbe realizzato un millesimo delle copie vendute dal più grande gruppo editoriale che l’ha stampato e distribuito.

Ci sono alcune persone che mettono in dubbio la necessità delle fiere nel mondo di oggi che dispone di internet, ma si perdono qualcosa. Certo, tutti possiamo fare il nostro business online, ma se si rimuove l’elemento umano, si rimuove il cuore e l’anima del business.

È per questo che è ancora utile andare a Torino, che rimane la più grande fiera del libro dell’anno in Italia, e anche la più varia e la più frequentata nel settore editoriale, spingendo la gente a comprare e a comprendere l’importanza dei libri.

Si potrebbe comunque obiettare che grandi e piccoli editori stanno insieme come il diavolo e l’acqua santa. Sarà vero? È indubbio che i grandi editori convogliano molta gente alla fiera. Non sarebbe così attraente (per alcuni) se questi non ci fossero. È pur vero che i libri dei grandi editori sono visibili in tutte le librerie, quindi non si capisce quanto e perché sia utile per un lettore pagare il biglietto d’ingresso alla fiera per toccare con mano gli stessi libri che trovano nelle librerie di catena. Al contrario, per il lettore dovrebbe essere molto più utile partecipare alla fiera per scoprire le case editrici e libri che non hanno sufficiente visibilità. La promozione costa decine, migliaia di decine di migliaia di euro e un piccolo editore non può certo permettersi una spesa simile. Già la presenza alla fiera con un piccolo stand comporta un esborso economico non indifferente che non sarà mai coperto dalla vendita dei libri in fiera. Si va a Torino solo per farsi conoscere, per far capire che esisti e i tuoi libri sono ugualmente validi, se non superiori, a quelli distribuiti dalle grandi case editrici.

La fiera rimane la grande vetrina per tutti nel settore editoriale. Si mostrano i propri autori, si introducono nuovi prodotti, e soprattutto si dà un volto a quelle email tra esordienti scrittori, lettori affamati, agenti letterari, traduttori ostinati, redattori indefessi ed editori più o meno intelligenti. Sotto questo aspetto sociale, vi è la questione molto seria della vendita, perché può creare o distruggere una casa editrice in questi periodi di difficile congiuntura.

La fiera dovrebbe essere una grande gioia per tutto il mondo della lettura e della scrittura. È un luogo comune dire che l’editoria è un settore sociale, ma come molti luoghi comuni, è così perché è vero. Comportarsi socialmente non è un lusso, è buono per gli affari, e Torino è uno dei nodi chiave del settore, soprattutto per le persone che faticosamente ci operano.

 

Il Salone del libro di Torino è ancora utile?  

ARTE DELLA TRADUZIONE LETTERARIA

ARTE DELLA TRADUZIONE LETTERARIA

translation-studies-lp-banner

La traduzione letteraria è una strana arte. Si compone di una persona seduta a una scrivania, che scrive letteratura che non è la sua, che ha il nome di qualcun altro su di essa, che è già stato scritto. Il lavoro del traduttore appare definirsi un “prodotto derivato”. Qualcuno scrive un libro sulle persone che siedono in un museo di copie di dipinti famosi? I copisti non sono artisti, sono solo studenti, aspiranti o truffatori.

Eppure la traduzione letteraria è un’arte. Ciò che la rende un’arte così strana è il fatto che fisicamente un traduttore fa esattamente la stessa cosa dello scrittore. Se un attore ha fatto la stessa cosa di un drammaturgo, un ballerino ha fatto la stessa cosa di un compositore, o un cantante ha fatto la stessa cosa di un cantautore, nessuno penserebbe molto di quello che è stato fatto.

Come un musicista, un traduttore letterario prende la composizione di qualcun altro e la esegue a modo suo, in un modo speciale. Proprio come un musicista incarna le note di qualcun altro muovendo il suo corpo o l’ugola della gola, un traduttore incarna i pensieri e le immagini di qualcun altro, scrivendo in un’altra lingua. La più grande differenza non è tanto con il musicista che produce movimenti nell’aria, mentre il traduttore produce parole, quanto nel fatto che una composizione musicale è destinata a essere tradotta in movimenti del corpo e della gola, mentre un lavoro di letteratura non è destinato a essere tradotto in un’altra lingua. Così, anche se è praticamente invisibile, l’arte del traduttore è più problematica. Ed è anche quella più responsabile, perché mentre ogni musicista sa che la sua prestazione è semplicemente uno delle tante, spesso una delle migliaia, di quel musicista e di altri, il traduttore sa che la sua prestazione sarà unica, almeno l’unica del suo genere, e che non avrà la possibilità di migliorarla o di provare un diverso approccio, una volta che finisce sulla carta stampata.

Mentre il traduttore si assume questa responsabilità trasformando le opere letterarie in forme che non sarebbero mai state destinate a prendere, gli manca un palcoscenico per farlo. Nessuno può vedere la sua difficile performance, se sbaglia. Infatti, a differenza di tutti gli altri attori, è lodato soprattutto per non essere visto, per aver creato con successo un palinsesto, due opere, una sopra l’altra, una originale e una performance, difficile da distinguere.

Tendiamo a pensare al traduttore letterario come qualcuno che è pratico con le lingue. Che è come dire che un musicista è qualcuno che è bravo con le note. Certo che lo è, ma essere bravi con le note non vi farà un buon musicista; è solo uno dei requisiti. Per riprodurre la musica, devi essere in grado di suonare uno strumento, e devi essere sensibile alle sfumature e capire quali combinazioni di note hanno un significato. Allo stesso modo, un traduttore deve essere in grado di leggere come critico e di scrivere come uno scrittore. Il poeta e traduttore inglese John Dryden ha scritto nel XVII secolo: “Il vero motivo per cui abbiamo così poche versioni che sono tollerabili [è che] ci sono così pochi che hanno il talento necessario per la traduzione, e che ci sia così poca gratificazione e così poco incoraggiamento per una così considerevole parte di apprendimento”. Oggi non molto è cambiato.

ARTE DELLA TRADUZIONE LETTERARIA

Differenze nel tradurre poesia e prosa

La poesia è più difficile da tradurre della prosa?

mo-yan

In un discorso organizzato dalla Normale di Pechino internazionale di centro di scrittura, il vincitore del Premio Nobel Mo Yan e il poeta di origine siriana (e perenne candidato Nobel) Adonis (insieme ad altri scrittori cinesi) hanno parlato su argomenti che vanno dalla identità culturale, lo spirito di introspezione e la missione dello scrittore.

Adone e Mo Yan, due autori che entrambi raggiungono un pubblico internazionale, concordano sul fatto che il principio “un fattore che facilita e ostacola i loro sforzi è quello della traduzione.”

Durante la discussione, Mo Yan ha parlato della sua ammirazione per Adonis che, poiché parla arabo e francese correntemente, è in grado di impegnarsi personalmente nel processo di traduzione.

Egli ha anche ammesso che, per gli autori cinesi, la crescente possibilità che il loro lavoro sia pubblicato all’estero ha portato a cambiamenti nel loro modo di scrivere. Inconsciamente, ha detto, gli scrittori usano dialetti meno regionali, espressioni culturali uniche solo per rendere più facile il processo di traduzione.

“Dal punto di vista della letteratura e dell’arte” ha detto, “è senza dubbio una perdita enorme. Il mio atteggiamento è dimenticare i traduttori quando si scrive. Attenzione a non sapere se si sentono felici di tradurre. I veri traduttori di talento non hanno paura delle difficoltà.”

Allo stesso tempo, però, ha aggiunto, “Non è giusto né di richiedere ai traduttori di essere completamente fedeli perché la ricerca di una controparte linguistica è una creazione stessa, piena di fantasia. Io tendo a essere di mentalità aperta con i traduttori. Penso che dovremmo permettere loro di tradurre il libro in modo appropriato, a condizione che non pregiudichi la sostanza nel suo complesso.”

Da parte sua Adonis ha concordato con Mo Yan, pur riconoscendo che ci sono probabilmente maggiori difficoltà insite nel tradurre poesia.

Ha detto al pubblico che la poesia non è la traduzione di un linguaggio strutturato, ma anche dei pensieri e delle emozioni. E così, “in termini di rapporto tra concetto, linguaggio, e oggetto, la traduzione della narrativa e della poesia non sono in condizioni di parità.”

“Quindi,” dice Adonis, “i traduttori devono rompere il rapporto originario tra linguaggio e oggetto e stabilire un rapporto simile e la struttura applicabili alla lingua madre del traduttore.”

Ma anche se è difficile, Adonis ritiene che solo attraverso la traduzione della letteratura e della poesia è possibile esplorare la mentalità degli “altri” a un livello più profondo, e che l’importanza della traduzione è che dovrebbe servire come “l’elemento più fondamentale della cultura mondiale in futuro. ”

Egli ha aggiunto che “L’importanza sta anche nel linguaggio che usa un traduttore, in particolare quello che usa mentre traduce poesie. Può arricchire la sua lingua madre. In una certa misura, può cambiare la struttura della sua lingua madre.”

Differenze nel tradurre poesia e prosa